Tumore non diagnosticato: risarcimento danni

Pubblicato il: 14-10-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 23 views | FONTE ORIGINALE

0

In caso di omessa o tardiva diagnosi di una malattia incurabile, il paziente o i suoi familiari ed eredi hanno diritto a un ristoro economico? Scoprire di avere un tumore è scioccante; sapere troppo tardi di averlo è ancora peggio. Se la diagnosi è sbagliata o intempestiva, il cancro, che nel frattempo si è sviluppato ed ha invaso il corpo, potrebbe non essere più curabile e il paziente rischia la morte o, se gli va bene, un’invalidità permanente. E nel frattempo si sarà dovuto sottoporre a trattamenti molto più invasivi di quelli che sarebbero stati necessari nella fase iniziale. Quando c’è un tumore non diagnosticato, il risarcimento danni deriva dalla condotta negligente o trascurata del medico che non ha prescritto gli esami necessari, o che ne ha valutato erroneamente i risultati, ad esempio non sapendo interpretare un’ecografia o le analisi cliniche ed istologiche. Sono casi gravi di malasanità che richiedono un approfondimento nel processo civile o penale che viene instaurato su iniziativa del paziente o dei suoi familiari ed eredi. La giurisprudenza equipara al tumore non diagnosticato anche quello riscontrato troppo tardi, quando ormai la neoplasia si è estesa, di solito interessando organi diversi da quello in cui ha avuto origine; così è ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment