Suicidio assistito: quando si può fare in Italia

Pubblicato il: 23-11-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 15 views | FONTE ORIGINALE

0

Nelle Marche, il primo storico via libera a questa pratica da parte di un’azienda sanitaria. Significa che è sempre legale? A quali condizioni? Si può decidere di morire senza attendere che la vita faccia il suo normale corso quando si è in uno stato di malattia irreversibile? A quali condizioni è lecito ricorrere al suicidio assistito? Quando si può fare in Italia?  Il recente e storico caso di Ancona, il primo nel nostro Paese in cui un’azienda sanitaria ha dato il via libera alla somministrazione del farmaco letale su un paziente, apre nuovi orizzonti sul cosiddetto «fine vita». Ma c’è un confine da superare per accedere al suicidio assistito? Chi lo stabilisce e quando? Il confine era stato tracciato qualche anno fa dalla Corte costituzionale, che ha ritenuto «non punibile» chi aiuta a morire un malato irreversibile e in grado di decidere di morire. Suicidio assistito e non eutanasia, però, perché c’è una differenza sostanziale e fondamentale: nel primo caso è il paziente a mettere in moto il meccanismo che lo porta alla morte, nel secondo è un’altra persona a somministrare il farmaco letale. Vediamo quando si può fare il suicidio assistito in Italia, anche alla luce della decisione dell’Asl marchigiana. Suicidio assistito: ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment