Peculato: ultime sentenze

Pubblicato il: 15-09-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 14 views | FONTE ORIGINALE

0

Condotta distrattiva del denaro o di altri beni; danno arrecato alla Pubblica Amministrazione; differenza tra il reato di peculato ed il furto aggravato; distinzione tra peculato e truffa aggravata. Il reato di peculato Commette il reato di peculato, e non di appropriazione indebita, il legale rappresentane della società che si occupa della gestione delle lampade votive presso il cimitero comunale che si appropria delle somme dovute al comune a titolo di aggio sui corrispettivi riscossi. A nulla rileva che le somme siano trattenute a titolo di compensazione di un credito vantato nei confronti dell’ente, né tantomeno che il contratto di appalto che legava la società al Comune sia scaduto. A fornire tali precisazioni è la Cassazione condannando l’«autoliquidazione» posta in essere dal ricorrente. Per la Suprema corte anche se il credito era dovuto, sussiste comunque il reato di peculato, in quanto l’articolo 314 del codice penale tutela anche la legalità, l’imparzialità e il buon andamento dell’operato della pubblica amministrazione, che vengono frustrati dal mancato versamento delle somme riscosse per conto del Comune. Cassazione penale sez. VI, 11/05/2021, n.29188 Ritardo versamento all’ente del danaro riscosso in ragione della funzione svolta Integra il reato di peculato la condotta del pubblico agente che ritardi il versamento all’ente del danaro riscosso ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment