Multa per velocità ridotta: quando è nulla?

Pubblicato il: 25-11-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 10 views | FONTE ORIGINALE

0

La modifica ai limiti stabiliti dal Codice della strada deve essere indicata da un cartello. Ma va indicato anche il provvedimento dell’amministrazione. Su alcune strade le amministrazioni comunali possono abbassare il limite di velocità, mettendo dei cartelli che modificano le soglie indicate dalla normativa. Succede quando la carreggiata scorre in determinati punti in cui, per motivi di sicurezza, è necessario procedere più piano rispetto alla velocità «teorica» consentita. Tuttavia, se l’automobilista non rispetta le indicazioni riportate dai cartelli stradali non è detto che la sanzione sia sempre da pagare. La multa per velocità ridotta quando è nulla? Premesso che osservare i limiti di velocità giova a tutti, una recente sentenza della Cassazione spiega quando contestare una sanzione per velocità ridotta, cioè per avere superato la soglia indicata dal cartello collocato dall’amministrazione comunale che rappresenta un limite più basso rispetto a quello previsto dal Codice della strada. L’automobilista deve guardare bene il verbale e controllare se riporta l’indicazione del provvedimento con cui l’ente locale ha deciso di modificare il limite di velocità in quel tratto di strada. Vediamo a che cosa si riferisce la Cassazione e quando la multa è nulla. Quali sono i limiti di velocità? Il Codice della strada impone dei limiti di ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment