La scansione di un documento ha valore legale?

Pubblicato il: 21-11-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 28 views | FONTE ORIGINALE

0

Scannerizzazione e digitalizzazione di un contratto, un documento, una carta d’identità, una ricevuta di pagamento, una bolletta, un atto notarile: ecco cosa dice la legge.  La digitalizzazione dei documenti ci ha reso insofferenti agli archivi cartacei; ragion per cui molte persone conservano foto e scansioni in hard disk dimenticando l’originale in qualche cassetto. Ma, nel caso in cui quest’ultimo dovesse risultare necessario, che efficacia avrebbe la riproduzione digitale fatta con uno scanner, in pdf o in jpeg? In altri termini, la scansione di un documento ha valore legale? C’è chi, ad esempio, preferisce non portare dietro patente e carta d’identità e viaggia invece con le fotocopie delle stesse, ottenute a seguito di stampa di una digitalizzazione. Hanno valore anche queste in caso di controlli? Ecco cosa dice la legge a riguardo. Documenti digitalizzati: hanno valore? Nessuna legge ha mai attribuito valore ai documenti digitalizzati, se non quelli della Pubblica Amministrazione. Le scansioni di contratti e altre scritture private equivalgono a semplici fotocopie e, quindi, non hanno alcun valore legale a meno che non vi sia la firma digitale. Per esempio, chi possiede la versione digitale di un testamento è come se non possedesse nulla.  Anche per gli atti pubblici, la scansione di un certificato di ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment