Figlio che si licenzia per studiare: ha diritto al mantenimento?

Pubblicato il: 14-10-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 29 views | FONTE ORIGINALE

0

Il figlio che ha perso il diritto al mantenimento può chiedere di nuovo l’assegno se è costretto a dimettersi per iniziare gli studi all’università e conseguire un titolo confacente alle sue ambizioni.  Il figlio che si licenzia per studiare ha diritto al mantenimento? Se è vero che, una volta acquisita l’indipendenza economica (e quindi ottenuto un posto di lavoro o avviata una propria attività) il figlio perde definitamente il diritto a ricevere gli alimenti dai genitori, questa regola conosce un’eccezione: è il caso di chi, ancora molto giovane, si dimette dal lavoro per perfezionare la propria formazione e trovare poi un’occupazione più confacente con le proprie vocazioni e aspettative. A dirlo è la Cassazione [1].  Ipotizziamo un giovane che, subito dopo la scuola superiore, inizi a lavorare in un hotel. Lo fa per non restare a carico dei genitori e per avere una propria indipendenza economica. In conseguenza di ciò, il padre – che qualche anno prima si è separato dalla madre – smette di versargli l’assegno di mantenimento. Senonché, dopo quattro anno, il ragazzo decide di iscriversi all’università: il titolo gli serve per poter far carriera e specializzarsi in un settore che è quello corrispondente alle sue più antiche ambizioni. Ma ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment