Diritto all’anonimato della madre: ultime sentenze

Pubblicato il: 21-09-2022 | Categoria : Attualità e Società, feed | 12 views | FONTE ORIGINALE

0

Volontà della madre biologica di rimanere anonima; diritto al rispetto della vita privata e familiare; diritto di conoscere le proprie origini biologiche. Diritto all’oblio della madre biologica Il figlio nato da parto anonimo ha diritto di conoscere le proprie origini, ma il suo diritto deve essere bilanciato con il diritto della madre a conservare l’anonimato, e deve pertanto consentirsi al figlio di interpellare la madre biologica al fine di sapere se intenda revocare la propria scelta, occorrendo però tutelare anche l’equilibrio psico-fisico della genitrice; pertanto il diritto all’interpello non può essere attivato qualora la madre versi in stato di incapacità, anche non dichiarata, e non sia pertanto in grado di revocare validamente la propria scelta di anonimato. (Nel caso di specie, la S.C. ha ritenuto che l’interpello della madre, affetta da oligofrenia grave, avesse avuto esito negativo, atteso che la donna aveva dimostrato una grave compromissione delle facoltà cognitive e volitive, non era stata in grado di esprimere la propria volontà e di ricordare la nascita del figlio). Cassazione civile sez. I, 03/03/2022, n.7093 Figlio nato da parto anonimo: il diritto di ottenere informazioni sanitarie sulla salute della madre Il figlio nato da parto anonimo ha diritto di ottenere le informazioni sanitarie sulla salute della madre, ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment