Denuncia per calunnia

Pubblicato il: 24-06-2022 | Categoria : Attualità e Società, feed | 24 views | FONTE ORIGINALE

0

Accusare falsamente una persona che si sa essere innocente: quali sono le conseguenze? Quando sporgere controdenuncia? Cos’è la calunnia sostanziale? Chi accusa falsamente una persona rischia di commettere il reato di calunnia. Come vedremo, questo delitto si integra solamente se ricorrono alcune condizioni, la prima della quale è la totale consapevolezza di denunciare un innocente. Insomma: solo chi è in malafede commette questo reato. Con il presente articolo ci concentreremo su questo argomento, parlando degli aspetti fondamentali della denuncia per calunnia. La calunnia è un delitto particolarmente grave perché danneggia non solo il soggetto calunniato ma anche la giustizia: l’accusa falsa costringe infatti lo Stato a mettere in moto un processo inutile e costoso, causato per l’appunto dalla menzogna del calunniatore. Proprio per questa ragione la calunnia è inserita tra i delitti contro l’amministrazione della giustizia. Ma vediamo come funziona la denuncia per calunnia. Cos’è la calunnia? La calunnia (art. 368 cod. pen.) è il reato che punisce chi sporge denuncia per accusare consapevolmente una persona innocente. Ad esempio, Tizio denuncia Caio per furto pur sapendo che non ha rubato nulla. Quando c’è calunnia? Il reato di calunnia scatta solamente se c’è l’assoluta consapevolezza di accusare una persona innocente. In altre parole, la calunnia presuppone il ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment