Delibere da impugnare: modalità e termini

Pubblicato il: 22-11-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 24 views | FONTE ORIGINALE

0

Condominio: quando è possibile impugnare la decisione dell’assemblea? Entro quanto tempo bisogna ricorrere al giudice? È noto a tutti che il condominio deve convocare l’assemblea quando si tratta di assumere decisioni. Quasi tutte le questioni sono decise a maggioranza, nel senso che non occorre l’unanimità dei condòmini per poter deliberare. Ciò non significa che la minoranza debba sempre subire passivamente le scelte degli altri: nei casi stabiliti dalla legge, è possibile ricorrere al giudice per chiedere l’annullamento della decisione. Con questo articolo parleremo proprio di questo: spiegheremo quali sono modalità e termini delle delibere da impugnare. Sin da subito, va detto che esistono due tipi di invalidità delle deliberazioni assembleari: l’annullabilità e la nullità. Mentre contro la prima c’è rimedio, nel senso che una delibera annullabile può comunque produrre effetti ed essere mantenuta in vita, nel secondo caso la decisione è radicalmente inefficace sin dall’origine. In pratica, la nullità rappresenta la forma di invalidità più grave in assoluto, contro la quale non è possibile porre rimedio. Vediamo insieme quali sono modalità e termini di impugnazione delle delibere. Delibera: quando può essere impugnata? Come anticipato, una delibera è da impugnare quando essa è nulla o annullabile. Per la precisione: la nullità è la forma d’invalidità più ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment