Chi paga le spese di custodia dei veicoli sequestrati?

Pubblicato il: 14-09-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 23 views | FONTE ORIGINALE

0

Come avviene il sequestro di un’auto o di una moto per violazione del Codice della strada, come rientrarne in possesso e come evitare la confisca. Certe violazioni del Codice della strada comportano, oltre al pagamento di una sanzione amministrativa, anche il fermo o il sequestro del veicolo. Al momento della contestazione, dunque, l’agente di polizia deve redigere due verbali: quello di accertamento della violazione riscontrata e quello relativo al sequestro dell’auto, della moto, del camion, ecc., che potranno tornare nelle mani del proprietario dopo un certo periodo di tempo e dietro il versamento di una somma. Ma chi paga le spese di custodia dei veicoli sequestrati? Rientrano nella sanzione a carico dell’automobilista? Lo vedremo tra un istante. Prima, però, è opportuno puntualizzare che stiamo parlando di veicoli sequestrati e non di veicoli sottoposti a fermo amministrativo. Qual è la differenza? Il sequestro amministrativo è una misura cautelare disciplinata dall’articolo 213 del Codice della strada con cui si sottrae la disponibilità del veicolo dall’avente diritto e lo si mette a disposizione dell’autorità amministrativa per i provvedimenti di propria competenza, come una confisca. Il sequestro può essere motivato da violazioni a carattere sia amministrativo sia penale. Il fermo amministrativo, invece, è disciplinato dall’articolo successivo del ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment