Che accade se invio con ritardo i documenti che mi chiede la Polizia?

Pubblicato il: 15-01-2022 | Categoria : Attualità e Società, feed | 24 views | FONTE ORIGINALE

0

La Polizia mi ha chiesto con un verbale di inviarle entro 15 giorni la prova che il mio veicolo fosse assicurato. Ho ritirato il verbale dopo un mese di giacenza e ho risposto entro 15 giorni dal ritiro del plico dalla posta. La Polizia mi contesta di aver spedito tardi la documentazione richiesta e mi ha inviato un secondo verbale con una nuova sanzione. Ha ragione?  Innanzitutto, occorre dire che con il secondo verbale, la Polizia Locale vi contesta la violazione dell’articolo 180, 8° comma, del Codice della Strada e cioè l’aver inviato con ritardo la documentazione richiesta, rispetto al termine di quindici giorni dalla notifica del primo verbale. Occorre a questo riguardo sottolineare che la Corte di Cassazione con sentenza n. 2.047 del 2016, applicando l’articolo 8 della legge n. 890/1982 e il decreto ministeriale del 9 aprile 2001, ha chiarito che quando la raccomandata ordinaria non viene subito consegnata al destinatario (a causa della sua temporanea assenza) e viene perciò lasciata in giacenza presso l’ufficio postale (avvisando con apposito modello 26 il destinatario), essa si deve considerare consegnata il decimo giorno successivo dall’inizio della giacenza se il ritiro effettivo avviene oltre il decimo giorno dall’inizio della giacenza (indipendentemente dal giorno ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment