Bollette telefoniche, luce, acqua e gas: le ultime novità

Pubblicato il: 27-03-2018 | Categoria : Senza categoria | 476 views | FONTE ORIGINALE

0

Le notizie più recenti su tutto ciò che riguarda le fatture del telefono e delle utenze. Dalle tariffe mensili alle morosità, dai bonus alla prescrizione.

Quando arrivano nella cassetta della posta, il consumatore pensa sempre: «Mai che ricevo una lettera di un amico per chiedermi come sto». Bollette, solo bollette da pagare. Bollette telefoniche, della luce, dell’acqua, del gas. Quei pezzi di carta spesso incomprensibili che ci dicono di quanto scenderà quel mese il nostro conto corrente per le utenze. Perché la cifra non sarà mai la stessa: per il consumatore, ogni bolletta riserva una sorpresa.

Differenze di costi che non nascono soltanto dai consumi diversi (una volta ho tenuto la luce accesa di più, ho fatto delle telefonate più lunghe, ho fatto andare di più il riscaldamento perché era il mese di gennaio, ecc.) ma anche le modifiche che di volta in volta la legge introduce sul mercato dell’energia e delle telecomunicazioni. Tariffe diverse, aumenti, diminuzioni, modi di fatturare, fino all’ingresso di nuovi operatori o fusioni tra quelli esistenti.

Questi due settori, dunque, sono in continua evoluzione. Ecco perché abbiamo creato questa pagina, che vi terrà puntualmente aggiornati sulle ultime novità in materia di bollette telefoniche, luce, acqua e gas, con le disposizioni che verranno approvate dalle rispettive Autorità, le ultime leggi che riguardano l’energia e le telecomunicazioni, i modi di risparmiare. Una pagina da salvare tra i preferiti del vostro browser, per essere sempre aggiornati senza dovervi districare nella giungla del web. Ci pensiamo noi a farlo per voi.

Bollette: pagamenti senza oneri extra

Pagare una bolletta con addebito bancario o tramite bollettino postale deve costare lo stesso all’utente. Lo ha precisato l’Antitrust con un paio di provvedimenti sulle spese legate al tipo di pagamento scelto dal consumatore per corrispondere quanto dovuto.

Già il Codice del consumo, all’articolo 62, vieta di aggiungere alle bollette degli oneri extra, cioè di imporre delle tariffe superiori a quelle sostenute dalle società energetiche, pena una sanzione pecuniaria a carico di queste ultime. Sanzioni che l’Antitrust si è vista costretta ad applicare recentemente di fronte a due esposti in cui si lamentava l’applicazione di ulteriori spese per il tipo di pagamento scelto dagli utenti.

Nel primo caso, una società è stata condannata a pagare 320.000 euro di sanzione per avere imposto un onere bimestrale di 2 euro a chi decidesse di pagare la fattura con bollettino postale anziché con la domiciliazione bancaria (quest’ultima gratuita). A nulla sono valse le argomentazioni dell’azienda, secondo cui quell’onere extra serve a coprire parzialmente le spese per morosità e per recuperare il credito. La società, inoltre, allegava il fatto che l’onere extra era stato introdotto nei contratti prima che venisse inserito l’articolo in questione nel Codice del consumo.

Nell’altro caso, invece, l’Antitrust ha ribadito che le aziende non possono obbligare a pagare degli oneri extra ai consumatori che scelgono il bollettino postale anziché la domiciliazione bancaria solo perché quest’ultima viene offerta in modo gratuito per avere la certezza del pagamento.

Bollette: bisogna pagare il bollettino postale?

Dunque, l’Antitrust conferma che le società energetiche non possono applicare degli oneri extra per il pagamento delle bollette. Ciò non esime, però, dall’obbligo di pagare il bollettino all’ufficio postale. Chi non ha scelto la domiciliazione bancaria e si vede arrivare insieme alla bolletta della luce, del gas, dell’acqua o del telefono il bollettino per il pagamento, deve versare alle Poste la relativa tassa. Quanto costa? Dipende dal modo in cui viene corrisposta la fattura, e cioè:

  • 1 euro per il pagamento del bollettino tramite il sito di Poste italiane;
  • 1,50 euro per il pagamento presso lo sportello dell’ufficio postale;
  • 1 euro + 0,70 euro per il pagamento tramite servizio portalettera a domicilio.

Gli anziani con più di 70 anni di età hanno diritto ad uno sconto allo sportello: la tariffa per i bollettini intestati a loro è di 0,70 euro.

Bollette dell’acqua: come presentare reclamo

L’Autorità garante per energia, reti e ambiente (Arera) ha messo a disposizione un nuovo sistema di supporto per gli utenti che intendono presentare un reclamo per la bolletta dell’acqua o per un disservizio nella fornitura.

Come funziona? Se un cittadino invia un reclamo al gestore del servizio e, entro 30 giorni, non riceve risposta o questa risulta insoddisfacente, può rivolgersi all’Arera attraverso lo Sportello per il Consumatore Energia e Ambiente. La contestazione può essere inviata nei seguenti modi:

  • via e-mail all’indirizzo reclami.sportello@acquirenteunico.it;
  • presso il Contact center al numero 800.166.654, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18, esclusi i festivi;
  • via posta ordinaria a:

Sportello per il consumatore di energia

c/o Acquirente Unico

Unità Reclami

Via Guidubaldo Del Monte 45

00197 Roma.

Il sito dello Sportello del consumatore dell’Arera dovrebbe dare a breve la possibilità di presentare il reclamo anche online.

Bollette dell’acqua: cosa fa l’Autorità dopo il reclamo

Quando arriva il reclamo dell’utente sulla bolletta dell’acqua o sul disservizio idrico, l’Autorità apre una pratica ed invia al gestore almeno due solleciti per chiedere delle spiegazioni e la documentazione relativa al caso. Il gestore deve rispondere entro 20 giorni lavorativi. Nel frattempo, l’Arera informa l’utente quali possono essere gli altri modi per tentare di risolvere il problema.

Bollette dell’acqua: il modulo del ricorso

Per presentare il ricorso all’Arera sulla bolletta dell’acqua o sul disservizio idrico, occorre compilare un modulo reperibile sul sito dello Sportello del consumatore. Eccone una sintesi:

MODULO RECLAMO PER SERVIZIO IDRICO (se compilato a mano si prega di scrivere in stampatello)

DATI DELL’UTENTE TITOLARE DELLA FORNITURA

Bome e cognome / Ragione sociale­­­­­­­­­­­­­­­­­­_________________

Cod. fiscale / P. Iva_______________________

Rappresentante legale (se applicabile, nome e cognome)_________________

Indirizzo_________________

Città_____________ Prov._______________ Cap______________

Telefono fisso____________________ Cellulare___________________

E-mail____________________________

DATI DELLA FORNITURA PER LA QUALE SI RICHIEDE SUPPORTO

Servizio oggetto del reclamo:  ___Acquedotto   ____Fognatura   ____Depurazione

Nome dell’attuale gestore del servizio idrico integrato / del servizio di acquedotto_______________

Nome gestore servizio di fognatura e/o depurazione___________________

Codice identificativo fornitura__________

Indirizzo di fornitura___________________

Città_________ Prov. ____________ CAP__________

Oggetto del reclamo:

  • Bonus sociale
  • Allacciamenti e lavori
  • Contratti
  • Fatturazione
  • Misura
  • Morosità e sospensione
  • Altri aspetti relativi alla qualità contrattuale del servizio
  • Qualità tecnica
  • Altro.

Descrizione dei fatti ______________________

Luogo e data__________ Firma dell’utente________________

Al modulo occorre allegare una serie di documenti. Tre sono obbligatori, e cioè:

  • la descrizione dettagliata delle vicende (se non riportata nel campo sopra indicato);
  • il reclamo già inviato al gestore del servizio idrico;
  • l’eventuale risposta fornita dal gestore.

Altri allegati che conviene inviare, se si hanno a disposizione, sono:

  • copia completa della bolletta o delle bollette da contestare;
  • delega, se la richiesta non è fatta dall’intestatario della fornitura;
  • altri documenti utili.

Bollette dell’acqua: cosa non può fare l’Arera

L’Autorità garante non ha competenze su alcune materie. In particolare, non può entrare nel merito di problematiche legate a:

  • Iva e accise o altre imposte;
  • interpretazione ed applicazione di norme tecniche;
  • ricerche programmate per perdite occulte di acqua;
  • verifiche sulla qualità dell’acqua;
  • problemi che riguardano il passaggio di servitù;
  • richieste di risarcimento di danni provocati da disservizi per i quali l’utente può fare ricorso al giudice ordinario o alla conciliazione.

Bollette dell’acqua: altre novità dall’Arera

Dal 1 luglio 2018, l’Arera metterà in campo altre due novità che riguardano le bollette dell’acqua:

  • la prima, il servizio conciliazione svolto dalla stessa Autorità a livello sperimentale seguendo il procedimento online già attivo per le controversie in ambito energia elettrica e gas. Per le bollette dell’acqua, però, le conciliazioni non saranno obbligatorie, anche se restano consigliate;

la seconda, il bonus sociale idrico per gli utenti domestici in disagio economico che abbiano un Isee fino 8.107,50 euro. Il beneficio sarà quantificato nel corrispettivo – calcolato a tariffa agevolata – corrispondente al quantitativo minimo vitale pro capite fissato in 18,25 mc annui. Trovi maggiori informazioni sul bonus sociale idrico per avere 50 litri di acqua gratis al giorno in fondo a questo articolo.

Bollette a 28 giorni: sconti sul telefono fisso, non rimborsi

Chi si accontenta gode. Ma bisognerà vedere se i consumatori si accontenteranno della proposta dell’Autorità garante delle comunicazioni, l’Agcom, per venire a una sulla famigerata vicenda delle bollette telefoniche a 28 giorni, ormai vietate alle compagnie telefoniche, obbligate a tornare al calcolo mensile. Con una mossa a sorpresa, e tentando di aggirare le decisioni del Tar del Lazio in materia, l’Authority ha chiesto agli operatori di riconoscere agli utenti uno sconto nella prima fattura utile del telefono fisso anziché un rimborso. In sostanza, alleggerire la bolletta del telefono fisso, Adsl e fibra ottica nella prossima fatturazione.

Perché questa mossa dell’Agcom? Il motivo è semplice. Dopo il ricorso al Tar delle compagnie telefoniche (Tim, Wind, Vodafone e Fastweb) contro il pagamento dei rimborsi per le bollette a 28 giorni, il Tribunale amministrativo del Lazio aveva sospeso ogni decisione e rinviato a novembre 2018 l’udienza per decidere in merito. L’Agcom, però, non si è data per vinta e ha trovato questa soluzione: se i rimborsi per le tariffe pagate in più dagli utenti non possono essere versati, le compagnie dovranno riconoscere uno sconto sulla telefonia fissa già nella prossima bolletta. Insomma: anziché darci i soldi, ci fanno pagare di meno. Appunto: chi si accontenta, gode.

Come viene quantificato questo sconto? Il calcolo si basa sul numero dei giorni che l’utente ha pagato di più con la tariffa a 28 giorni rispetto alla bolletta del telefono fisso mensile dal 23 giugno 2017, giorno in cui è scattato il divieto dell’Agcom a fatturare ogni 28 giorni.

Ovviamente, lo sconto cambierà da utente a utente, ma riportiamo l’esempio fatto dalla stessa Autorità nella delibera. Nel caso di fattura emessa con decorrenza dal 1° aprile al 30 dello stesso mese e in presenza di una erosione (cioè di un pagamento non dovuto) pari a 15 giorni, la decorrenza della fattura dovrà essere posticipata al 16 aprile e, conseguentemente, il periodo fatturato dovrà essere quello che intercorre dal 16 aprile al 15 maggio. Significa che il periodo dal 1 al 15 aprile non va fatturato.

L’Agcom cerca, in questo modo, di risolvere il problema del conteggio dei rimborsi, uno dei motivi per cui il Tar aveva rinviato la decisione a novembre. In pratica, spiega l’Autorità, se dal 23 giugno 2017 le compagnie avessero inviato una bolletta mensile, la fatturazione avrebbe coperto fino al 22 luglio. Con la logica dei 28 giorni, invece, arrivava al 20 luglio. Risultato: un’erosione (come la chiama l’Agcom) di 2 giorni. La bolletta successiva sarebbe stata dal 23 luglio al 22 agosto. Invece, la fatturazione a 28 giorni copriva dal 21 luglio al 17 agosto. E così via. A fine anno, le compagnie telefoniche si trovavano ad avere incassato 13 mesi anziché 12.

Altro risultato che porta a casa l’Agcom è che, una volta effettuato lo sconto sulla telefonia fissa, l’utente ha più libertà di cambiare operatore. Non che prima non potesse farlo, ma chiedere un rimborso ad una compagnia che non è la tua sarebbe stato più complicato.

Bolletta luce: conguaglio ogni due anni dal 1 marzo

Dal 1 marzo 2018 la prescrizione per il conguaglio della bolletta della luce è di due anni anziché di cinque. Significa che i fornitori dell’energia elettrica non possono più fatturare conguagli per periodi superiori a 24 mesi. Quindi, per fare un esempio, il conguaglio relativo alla bolletta di giugno 2018 deve arrivare, al massimo, entro giugno 2020. Altrimenti, la richiesta del fornitore non sarà valida.

Lo steso principio verrà applicato sulla bolletta del gas a partire dal 2019 e sulla bolletta dell’acqua dal 2020.

Lo ha stabilito l’Autorità per l’energia (Arera) attuando una delibera collegata alla Legge di Bilancio [1].

Si vuole, in questo modo, evitare che il consumatore di «prendere la scossa» dopo aver ricevuto un importo spropositato sul conguaglio della bolletta della luce per ritardi di fatturazione o mancate letture dei contatori. Ricordiamo che la normale fatturazione avviene ogni due mesi con un almeno un conguaglio annuale sulla base di reali letture o di autoletture da parte dell’utente.

Bolletta della luce: da quando scatta la prescrizione del conguaglio?

La nuova prescrizione del conguaglio della bolletta della luce ogni due anni scatta dal termine in cui le fatture devono essere emesse, quindi:

  • entro 45 giorni dall’ultimo giorno di consumo fatturato per gli utenti del mercato vincolato e per i conguagli in rettifica da quando il dato è disponibile;
  • dal termine indicato dal contratto (o da quello appena segnalato in mancanza di questa clausola) per i clienti del mercato libero.

Bolletta della luce: quando e come contestare un conguaglio?

Se l’utente avverte un’irregolarità sui termini di prescrizione nella bolletta della luce che riporta il conguaglio, deve fare contestazione subito inviando una raccomandata a/r o un messaggio di posta elettronica certificata (Pec) al proprio fornitore chiedendo una nuova fatturazione oppure lo storno della cifra in eccesso.

È prevista una fase obbligatoria di conciliazione presso l’Arera prima di un’eventuale causa presso il Giudice di Pace.

L’Autorità consiglia di effettuare, comunque, prima il pagamento e poi di chiedere il rimborso, per evitare che l’utente passi dalla parte del torto per non aver corrisposto l’importo richiesto.

Ad ogni modo, il consumatore può sospendere il pagamento nel caso in cui il proprio fornitore di energia elettrica risulti sottoposto ad accertamenti per violazione del Codice del consumo. A tal fine, il fornitore deve inviare una comunicazione al cliente insieme alla bolletta della luce o almeno 10 giorni prima della scadenza per informare dell’avvio di un provvedimento nei propri confronti e dei diritti dell’utente sulla sospensione del pagamento.

Il rimborso verrà pagato una volta concluso il procedimento di accertamento.

Bolletta della luce e morosi: è vero che pagheremo di più?

Più che un polverone è stata una vera e propria tempesta che ha agitato le acque tra i consumatori. La notizia – rivelatasi, poi, una fake news – dell’aumento di 35 euro sulla bolletta della luce per pagare i debiti dei morosi ha creato scompiglio a causa di un paio di sentenze, una del Tar e una del Consiglio di Stato. Il tam-tam sui social network è stato fin troppo rumoroso e c’è già chi si è organizzato con campagne di protesta per autoridurre quei 35 euro dall’importo della bolletta.

Che cosa dicevano queste sentenze e come si è arrivati a pensare che gli utenti onesti avrebbero dovuto pagare 35 euro in più in bolletta per compensare il mancato versamento da parte dei morosi?

Aumento della bolletta della luce: le sentenze di Tar e Consiglio di Stato

Il Tar ed il Consiglio di Stato hanno chiesto all’Autorità dell’energia (Arera) di spalmare tra tutti gli utenti gli oneri generali sul sistema elettrico non pagati. Qualcosa del genere era già accaduta sul canone Rai inevaso, compreso nella bolletta.

Bolletta della luce: di quanto sarà l’aumento per colpa dei morosi?

È vero che ci sarà un aumento ma non, certo, di 35 euro bensì di 2-2,5 euro all’anno. Significa che ogni consumatore si vedrà addebitati su ogni bolletta della luce bimestrale circa 30 centesimi. Va bene la questione di principio, ci sta che un utente si arrabbi per dover pagare per chi ha fatto lo gnorri. Ma 30 centesimi al bimestre non sono 35 euro.

Da segnalare, comunque, che questi 30 centesimi non si troveranno sulla bolletta della luce in una voce a parte, ma saranno compresi tra gli oneri generali di sistema.

L’insoluto degli oneri generali non pagati dai morosi o generato da strategie sbagliate ammonta a circa 280 milioni di euro.

Cosa rischio se mi riduco la bolletta di 35 euro?

Non mancano, però, gli irriducibili che danno ancora credito alla fake news dei 35 euro in più nella bolletta della luce per pagare quello che i morosi non hanno versato. E che, per questo, aderiscono alle campagne di protesta diffuse sui social network con cui si chiede di ribellarsi a questo aumento e di scontare quei 35 euro dall’importo della fattura.

Decisione poco saggia, perché chi lo farà potrà far scattare la procedura del recupero del credito, andrà incontro a spese più alte e rischierà di vedersi interrompere la fornitura di corrente elettrica.

Lo stesso succederà ai morosi: prima o poi, o compreranno un set di candele e un frigorifero a pile oppure dovranno mettersi in regola perché il fornitore taglierà loro la corrente elettrica senza pietà.

Bolletta della luce: dall’Ue nuove regole di trasparenza

La Commissione industria del Parlamento europeo ha approvato un pacchetto di misure volte a garantire al consumatore maggiore trasparenza sulla fornitura dell’energia elettrica e, quindi, anche sulla bolletta della luce. In particolare si deve:

  • garantire all’utente entro il mese di gennaio 2022 il cambio di fornitore in 24 ore;
  • mettere a disposizione del cliente uno strumento per confrontare le tariffe dei vari fornitori in maniera chiara e trasparente;
  • dare un sostegno a chi produce in proprio energia pulita da immettere in rete.

La decisione del Parlamento europeo consente l’avvio delle trattative con la Commissione Ue e con il Consiglio europeo affinché queste misure diventino definitive.

Bolletta della luce: cambio di operatore in 24 ore

Il pacchetto approvato dalla Commissione industria dell’Europarlamento prevede che l’utente abbia la possibilità di recedere un contratto di fornitura dell’energia elettrica senza pagare sanzioni e – entro il mese di gennaio 2022 – di cambiare fornitore nell’arco di 24 ore senza costi aggiuntivi, a meno che non si voglia interrompere un contratto a scadenza fissa. In quest’ultimo caso, però, i costi devono essere limitati ed a carico solo dei consumatori che hanno un contratto con altri concreti vantaggi.

Sempre in base a quanto deciso in sede europea, la bolletta della luce dovrà riportare:

  • la quantità effettiva di energia consumata;
  • la data di scadenza del pagamento;
  • i dati di contatto della società;
  • le norme sul cambio di fornitore;
  • le modalità di risoluzione delle possibili controversie;
  • una sintesi delle condizioni di fornitura.

I consumatori avranno il diritto di chiedere un «contatore intelligente» in grado di mostrare il consumo e i costi in tempo reale, consultabili anche da remoto. La sua installazione deve avvenire entro tre mesi dalla richiesta.

Bolletta della luce: agevolazioni per chi produce energia

Sapete che cos’è un prosumer? Il termine (rigorosamente inglese, che risulta sempre più chic) ne comprende altri due: producer e consumer, cioè produttore e consumatore. Nel caso che ci interessa, il prosumer è quello che, appunto, produce e consuma energia elettrica, tenendo per sé quella necessaria per soddisfare il proprio fabbisogno e immettendo in rete quella che gli avanza, alleggerendo così la bolletta della luce. Questo, ad esempio, grazie all’installazione e allo sfruttamento di pannelli solari o fotovoltaici.

Bene. La Commissione industria dell’Europarlamento ha deciso che la figura del prosumer va premiata e che ci devono essere le necessarie condizioni per incentivare la creazione e la gestione di vere e proprie comunità energetiche, cioè gruppi di privati che producono e che consumano energia a livello locale.

Quale può essere il vantaggio di questa scelta? Immaginate un quartiere con 100 persone che producono energia elettrica grazie ai pannelli installati nelle loro case. Mettiamo che ciascuno di loro produce 100 kW/h e ne ha bisogno di 50 (giusto per fare numeri tondi) per il proprio fabbisogno. I 50 kW/h a testa restanti andranno a finire in un serbatoio comune da cui gli utenti del quartiere potranno attingere in caso di crisi di approvvigionamento. Una sorta di autoalimentazione che, però, dovrà avere un costo: quello corrisposto al sistema elettrico a cui si collegano per non compromettere la concorrenza.

Bollette telefoniche: com’è cambiato il mercato

Chi ha una certa età ricorderà gli apparecchi telefonici della Sip che c’erano in casa, con il disco al posto della tastiera su cui ci si lasciava il dito quando bisognava chiamare un numero che conteneva 9 e 0 a volontà. E che dire delle cabine telefoniche con i gettoni, ormai reperti appartenenti all’archeologia delle telecomunicazioni. L’avvento dell’Adsl, della fibra e della telefonia mobile ha rivoluzionato il settore. La Sip è diventata Telecom Italia ed oggi Tim ed al fianco dell’azienda che una volta aveva il monopolio della telefonia si sono affiancati nuovi operatori, tra cui anche Poste Italiane. Si è creato, così, un mercato che ha portato concorrenza e, conseguentemente, per alcuni versi, anche convenienza gli utenti: vado da chi mi fa l’offerta migliore e, quando non mi interessa più, cambio fornitore.

Questa rivoluzione ha interessato anche le bollette telefoniche. Se negli anni ’90, quando sono arrivati i cellulari, si pagava una bolletta per la telefonia fissa ed un’altra per quella mobile, oggi gli operatori del settore propongono dei pacchetti che includono l’una e l’altra, inserendo anche la navigazione su Internet da casa o dallo smartphone e con diverse soluzioni: a tariffa fissa o a consumo. Insomma: mi paghi un «tot» al mese e hai telefono fisso, minuti e dati sul cellulare, Internet ad alta velocità.

Bollette telefoniche: le ultime novità

Bollette telefoniche: l’obbligo di fatturazione mensile

Non sono, comunque, tutte rose e fiori sulle bollette telefoniche e questo i consumatori lo sanno bene. Tant’è che l’Autorità per le comunicazioni, l’Antitrust, il Tar del Lazio ed il Parlamento sono scesi in campo per fare un po’ di ordine in un mercato che stava penalizzando gli utenti in maniera piuttosto pesante attraverso la fatturazione delle bollette telefoniche ogni 28 giorni anziché con cadenza mensile, il che regalava agli operatori del settore una sorta di tredicesima mensilità.

Fatturazione mensile: l’intervento dell’Agcom

È stata l’Autorità per le comunicazioni la prima a muoversi con una delibera [1] per porre fine alla fatturazione ogni 28 giorni (cioè ogni quattro settimane) e a chiedere agli operatori di emettere le bollette telefoniche con cadenza mensile.

Secondo l’Agcom, infatti, le tariffe a 28 giorni rendono difficile agli utenti comparare le offerte, visto che ce ne sono di diverse durate, il che rende il prezzo incerto. Quindi – prosegue l’Autorità – è necessario fissare su base mensile la cadenza di fatturazione nella telefonia fissa e nelle offerte convergenti, quelle, cioè, che riuniscono in un unico canone più servizi, fissi e mobili.
Per una maggiore trasparenza, l’Agcom ha chiesto di «prevedere un parametro temporale certo per il rinnovo delle offerte/fatturazione, che renda effettiva la libertà di scelta degli utenti e consenta anche un agevole controllo dei consumi e della spesa, individuato su base mensile o suoi multipli». Vale a dire: se non mensile, sì almeno bimensile, trimestrale e via dicendo.

Bollette telefoniche a 28 giorni: cambia qualcosa sui cellulari?

Insieme all’abolizione delle bollette telefoniche a 28 giorni nella rete fissa, l’Agcom sottolinea ha chiesto di intervenire sulla telefonia mobile, cioè quella che interessa gli utenti dei cellulari, per garantire «una facile comparazione delle offerte» e per escludere «la possibilità che ulteriori variazioni del periodo di rinnovo delle offerte commerciali nascondano, in realtà, aumenti del prezzo dei servizi interessati».
L’Autorità ha imposto che le tariffe su cellulare siano solo al minimo a 28 giorni purché gli operatori comunichino via sms ai clienti dell’avvenuto addebito.

Se la tariffazione del cellulare viene fatta insieme a quella di rete fissa, dovrà essere, però, a cadenza mensile e non più a 28 giorni.

Fatturazione mensile: l’intervento del Parlamento

A sostegno della richiesta dell’Agcom e delle associazioni dei consumatori, il Parlamento ha approvato alla fine del 2017 in via definitiva il decreto legge recante disposizioni urgenti in materia finanziaria (meglio conosciuto come decreto fiscale): tra le tante novità confermate, c’è il divieto alle compagnie telefoniche e pay tv di applicare la fatturazione a 28 giorni anziché mensile. Tale pratica oggi è finalmente dichiarata illegittima.

Da quel momento è scattato l’obbligo per gli operatori di adeguarsi alla norma e riprendere la fatturazione mensile o per multipli del mese (per esempio trimestrale) per tutti gli abbonamenti annuali. Fanno eccezione esclusivamente i servizi promozionali a carattere temporaneo di durata inferiore al mese e non rinnovabile (ad esempio l’offerta per Natale, per San Valentino, per il periodo di Ferragosto, ecc.).

Chi non si adegua a questa normativa entro il 4 aprile 2018 (tempo massimo concesso dalla legge) e continua ad emettere bollette telefoniche ogni 28 giorni rischia una sanzione compresa tra 240mila euro e 5 milioni. Inoltre, c’è l’obbligo del rimborso ai clienti destinatari della bolletta irregolare di 50 euro forfettari oltre 1 euro per ogni giorno di ritardo. Il compito di vigilanza spetta all’Agcom.

Fatturazione mensile: l’intervento dell’Antitrust

L’Antitrust ha aperto un’istruttoria su un eventuale «cartello» creato dalle compagnie per alzare i prezzi delle tariffe in modo da compensare le perdite occasionate dalla mancata fatturazione ogni 28 giorni. Il sospetto dell’Autorità è che ci sia una reiterata violazione della delibera sulle bollette telefoniche mensili e sull’esercizio del diritto di recesso. In pratica, quasi tutte le compagnie avrebbero applicato lo stesso aumento tariffario (quasi il 9%) in modo da evitare la migrazione degli utenti dall’una all’altra.

L’Agcom ha diffidato la quasi totalità degli operatori (Tim, Wind Tre, Vodafone e Fastweb che, insieme, detengono il 90% del mercato della telefonia) che non hanno rispettato i vincoli di chiarezza, trasparenza e completezza delle informative rese agli utenti sul prezzo di rinnovo delle offerte a fronte di modifiche contrattuali nella fase di ritorno alla cadenza mensile della fatturazione dei servizi di comunicazione elettronica. Modifiche che, secondo il parere dell’Agcom, rispondono a scelte delle compagnie e non al ripristino della fatturazione mensile delle bollette telefoniche.

Fatturazione mensile: l’intervento del Tar del Lazio

Il 12 febbraio 2018, anche il Tar del Lazio si è pronunciato a favore della fatturazione mensile e non ogni 28 giorni delle bollette telefoniche. Il Tribunale amministrativo regionale ha respinto i ricorsi delle compagnie e confermato il contenuto della delibera dell’Agcom.

Il Tar, però, ha anche sospeso in via cautelare, in attesa del giudizio di merito, un’altra delibera dell’Autorità [2] con cui si chiedeva alle compagnie di restituire automaticamente nella prima bolletta mensile i soldi incassati in più. In sostanza, il Tribunale ha congelato i rimborsi fino a nuovo ordine. Che non arriverà prima del 31 ottobre 2018.

Bollette di luce e gas: le novità

Bollette di luce e gas: novità per risparmiare

Non ci sono solo delle cattive notizie. Chi è in difficoltà economica e vede nella bolletta della luce e del gas un incubo, può risparmiare beneficiando di uno sconto. Si tratta del bonus che interessa le famiglie con un Isee non superiore a 8.107 euro o quelle che hanno un Isee sotto i 20mila euro e tre figli. Ma la riduzione interessa anche le famiglie con malati costretti a utilizzare apparecchiature elettromedicali.

Il bonus varia da 112 a 165 euro a seconda dei componenti del nucleo familiare.

Bollette di luce e gas: novità sulla prescrizione

C’è un’importante novità che riguarda la prescrizione delle bollette della luce e del gas. La Legge di Bilancio 2018 l’ha portata da 5 a 2 anni. Questo vuol dire che la società che fornisce l’energia elettrica potrà chiedere al consumatore soltanto gli arretrati degli ultimi 24 mesi anziché quelli degli ultimi 60 mesi.

Ciò non toglie, però, che la prescrizione possa essere interrotta quando, nell’arco di quei 2 anni, il fornitore chiede all’utente il pagamento degli arretrati con raccomandata a/r di diffida. In questo caso, la prescrizione riparte da capo. La stessa novità riguarda anche le bollette dell’acqua; restano fuori solo le bollette del telefono per le quali la prescrizione resta ferma a cinque anni.

La riforma dei termini di prescrizione delle bollette di luce, acqua e gas non tocca solo i conguagli, ma anche le bollette per consumi ordinari, quelle cioè che arrivano a casa ogni mese o bimestre.

Se ne deduce che il cittadino sarebbe tenuto a conservare le bollette della luce per 2 anni e non per 5 anni, come succedeva prima. L’obbligo di archiviare le bollette pagate per poter dimostrare l’adempimento, rimane, infatti, valido solo fino a quando il credito non è prescritto. Scaduti i termini della prescrizione, il debitore non è più tenuto a dimostrare il versamento degli importi al fornitore, ma può limitarsi a sollevare la contestazione della prescrizione.

Tuttavia, c’è da ricordare che all’interno della bolletta della luce c’è anche il canone Rai. E che per l’abbonamento tv la prescrizione è di 10 anni. L’unico modo per dimostrare che la tassa è stata pagata è quella di esibire la bolletta della luce che, a questo punto, andrà conservata per 10 anni. Solo per dimostrare il pagamento del canone, però, e non quello relativo al consumo della corrente elettrica.

Bollette della luce e del gas: novità sulle contestazioni

L’Autorità per l’energia ha stabilito una nuova procedura entrata in vigore i 1 gennaio 2018 per contestare le bollette della luce e del gas in caso di irregolarità come:

  • fatturazione troppo elevata rispetto al consumo;
  • attivazione di servizi a pagamento non richiesti;
  • mancato recapito della bolletta.

Che cosa bisogna fare? Nel caso in cui la segnalazione al fornitore ed il tentativo di conciliazione siano andati a vuoto, l’utente può presentare istanza all’Autorità per la definizione delle controversie non risolte in fase di conciliazione. La comunicazione all’Autorità deve essere inviata entro 30 giorni dalla data in cui si è concluso il tentativo obbligatorio di conciliazione.

Restano escluse dall’applicazione di questa procedura le controversie per recupero crediti o quelle che riguardano questioni puramente fiscali o tributarie.

Il procedimento deve essere chiuso entro 120 giorni dalla data in cui è stata depositata l’istanza.

Bollette dell’acqua: le novità

Il bonus idrico 2018 per avere gratis 50 litri di acqua al giorno

L’Autorità per l’energia elettrica, il gas ed i servizi idrici (Arera) mette a disposizione delle famiglie meno abbienti un bonus sociale che consente di avere acqua gratis per lavarsi, per cucinare, per lavare i piatti. 50 litri di acqua al giorno (equivalenti a 18,25 metri cubi l’anno) che non compariranno nella bolletta dell’acqua.

Il bonus sociale idrico è rivolto ai nuclei familiari con un reddito Isee inferiore a 8.107,50 euro. Si arriva ad un Isee di 20.000 euro nel caso delle famiglie con più di tre figli fiscalmente a carico.

Ma perché 50 litri? Perché per legge, questa è la quantità minima di acqua necessaria per coprire il proprio fabbisogno personale. Per questo motivo, il bonus sociale idrico viene applicato a ciascun membro del nucleo familiare. Significa che una famiglia con padre, madre e tre figli avranno 50 litri di acqua gratis a testa ogni giorno, quindi 91,25 metri cubi all’anno.

Chi ha un contratto diretto con il gestore avrà lo sconto direttamente in bolletta, mentre chi abita in condominio (e quindi ha un contratto indiretto) si vedrà riconosciuto l’importo del bonus sociale idrico sul conto corrente o tramite assegno circolare a seconda della scelta del gestore stesso.

L’Arera ha messo a disposizione sul proprio sito il modulo di richiesta per beneficiare del bonus sociale idrico che consente di avere 50 litri di acqua gratis al giorno. Il modulo deve essere reperibile anche sul sito del gestore interessato.

La richiesta deve essere presentata dal 1 luglio 2018 al proprio Comune di residenza o al Caf delegato dall’Amministrazione comunale. Per i sei mesi precedenti il 1 luglio è prevista un’uta tantum compensativa.

Il bonus sociale idrico è cumulabile con quello elettrico e del gas.

Ma 50 litri di acqua gratis sono tanti o pochi? Che cosa si può fare con quella quantità ogni giorno? In realtà, dipende dalle abitudini di ciascuno e dall’impianto idrico installato in casa, ma pensate che il consumo medio di acqua giornaliero di ogni italiano (attenzione, non di ogni famiglia ma di ogni persona) è di 200 litri di acqua. Quattro volte il fabbisogno minimo garantito dal bonus sociale idrico riconosciuto ai meno abbienti.

Di norma, ad esempio, il rubinetto della doccia ha una portata di 12 litri di acqua al minuto quando è aperto al massimo. Significa che per fare una doccia di 5 minuti (veloce-veloce) in quelle condizioni si consumano 60 litri di acqua, 10 in più di quelli «regalati» dal bonus. Se, invece, viene installato un miscelatore ad aria e non si apre il rubinetto al massimo, si riesce a risparmiare circa 5 litri di acqua al minuto. Vuol dire che la stessa doccia veloce-veloce di 5 minuti la si fa con 35 litri di acqua. Più o meno quella che si consuma per lavarsi i denti lasciando il rubinetto aperto (mediamente 30 litri) e molta di più di quella utilizzata per lo scarico del gabinetto (circa 8 litri ogni volta).

In altre parole: con i dovuti accorgimenti, l’Arera dà la possibilità ogni giorno a ciascun membro di una famiglia poco abbiente di farsi una doccia e di andare in bagno una volta. Sono 43 litri. Con il resto fino ai 50 gratuiti si può cucinare: si consumano 6 litri di acqua al giorno. Avanza un litro: non basta per lavare i piatti ma sarà, più o meno, quello che fisiologicamente si disperde nel terreno.

Bollette dell’acqua: novità sulla prescrizione

Come per le bollette della luce e del gas, anche per quelle dell’acqua la prescrizione è scesa da 5 a 2 anni. Significa che gli utenti hanno l’obbligo di conservare le fatture per 24 mesi per dimostrare di avere i pagamenti regolari.

Nel caso in cui il fornitore chieda dei conguagli superiori ai due anni, il consumatore può bloccare immediatamente il pagamento e chiedere che venga sostituita la bolletta dell’acqua con una nuova che contenga dei conguagli relativi solo agli ultimi 24 mesi. In questo modo, non sarà necessario pagare e andare a credito per poi chiedere il rimborso.

Se l’utente ha pagato dei conguagli sbagliati, cioè per una cifra superiore a quella dovuta, avrà la facoltà di chiedere il rimborso e di ottenerlo entro 3 mesi dalla richiesta.

Ad ogni modo, la prescrizione può essere interrotta quando, nell’arco di quei 2 anni, il fornitore diffida l’utente al pagamento degli arretrati con raccomandata a/r.

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


    None Found

 

Write a comment