Assegno d’invalidità contributi utili

Pubblicato il: 15-01-2022 | Categoria : Attualità e Società, feed | 27 views | FONTE ORIGINALE

0

Contribuzione previdenziale minima per il diritto all’assegno ordinario d’invalidità erogato dall’Inps: quali versamenti servono? Gli iscritti presso l’Assicurazione generale obbligatoria dell’Inps o presso i fondi sostitutivi, se riconosciuti invalidi in misura superiore a 2/3, possono aver diritto a un trattamento calcolato allo stesso modo della pensione, l’assegno ordinario d’invalidità: ai fini del riconoscimento, devono possedere almeno 5 anni di contributi, di cui 3 accreditati nell’ultimo quinquennio. Per l’assegno d’invalidità, i contributi utili non sono peraltro soltanto quelli derivanti da periodi di lavoro, ma possono anche appartenere ad altre tipologie. Tuttavia, alcuni contributi non possono essere valutati tra gli accrediti che danno diritto al trattamento, secondo quanto disposto dalla legge [1]: è importante sapere quali sono i contributi esclusi, per verificare in modo corretto se si abbia o meno diritto all’assegno. È importante anche sapere che gli iscritti presso le gestioni esclusive dell’Assicurazione generale obbligatoria, come i dipendenti pubblici, non hanno diritto all’assegno ordinario d’invalidità, ma eventualmente possono conseguire prestazioni diverse collegate alla minore capacità lavorativa, come la pensione per inabilità alle mansioni o a proficuo lavoro. L’Assegno d’invalidità per i dipendenti pubblici spetta soltanto se l’interessato possiede contribuzione presso l’Assicurazione generale obbligatoria Inps. Ma procediamo con ordine. Quanti contributi ci vogliono per ottenere l’assegno ordinario di ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment