Veranda sul terrazzo: serve il consenso del condominio?

Pubblicato il: 15-06-2019 | Categoria : Attualità e Società, feed | 14 views | FONTE ORIGINALE

0

Dopo una richiesta in SCIA del 2017 con conseguente approvazione paesaggistica, per la costruzione di una veranda sul terrazzo proprio (prassi comune fino ad oggi senza richiesta di consenso condominiale e presente in molteplici residenze del comprensorio), viene evidenziato un abuso edilizio per incongruenza coi tempi di chiusura. Ripresentata SCIA in sanatoria nel 2019, approvata sempre in commissione paesaggistica, per il permesso a costruire ora mi viene richiesto dal nuovo dirigente preposto, per un cambio di giunta, anche il consenso del condominio. È legittimo? Il geometra all’epoca della SCIA mi certificava per iscritto che non ce ne sarebbe stato bisogno. Il mio amministratore di certo non si esporrà a tale richiesta. Temo che a breve il dirigente non vorrà concedermi il permesso a costruire. Nel qual caso, si verrebbe a configurare un abuso al quale probabilmente seguirà una richiesta di ripristino/demolizione. Non è illegittimo/anticostituzionale applicare  retroattivamente a pratiche pregresse nuove regole e nemmeno richieste dalla normativa (ha passato l’impatto paesaggistico quindi non si deve richiedere il consenso del condominio)? Da quanto si legge nel quesito, la richiesta del nuovo dirigente non sembra legittima e viziata da eccesso di potere, a prescindere dal fatto che possa essere applicato un diverso trattamento a situazioni ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment