Università e tassazione illegittima

Pubblicato il: 31-12-2017 | Categoria : Attualità e Società, feed | 9 views | FONTE ORIGINALE

0

Sono uno studente universitario. Lo scorso anno, l’università per far fronte ad un buco finanziario ha aumentato in modo spropositato le rette universitarie di circa 1000 euro sia per gli studenti in corso che per i fuori corso. In passato nella tassazione non c’era nessuna sovrattassa per i fuori corso, salvo il fatto delle agevolazioni ridotte sull’ISEE. Una tassazione del genere è lecita? Se è illegittima cosa si può in caso fare? Il DPR 25/07/1997 n. 306, con riferimento all’istruzione superiore, fissa all’art. 5 i limiti della contribuzione studentesca: “5. Limiti della contribuzione studentesca. Fatto salvo quanto disposto al comma 2 del presente articolo e all’articolo 4, la contribuzione studentesca non può eccedere il 20 per cento dell’importo del finanziamento ordinario annuale dello Stato, a valere sul fondo di cui all’articolo 5, comma 1, lettera a), e comma 3, della legge 24 dicembre 1993, n. 537 (4). 1-bis. Ai fini del raggiungimento del limite di cui al comma 1, non vengono computati gli importi della contribuzione studentesca disposti, ai sensi del presente comma e del comma 1-ter, per gli studenti iscritti oltre la durata normale dei rispettivi corsi di studio di primo e secondo livello. I relativi incrementi possono essere disposti dalle università entro ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment