Studi professionali: no ispezione della finanza se manca il titolare

Pubblicato il: 13-09-2017 | Categoria : Attualità e Società, feed | 24 views | FONTE ORIGINALE

0

Nel caso in cui manchi il titolare dello studio legale, commerciale o professionale, nonché della bottega ove si esercita un’arte, la finanza non può fare ispezioni e accertamento. Che faresti se, un giorno, al citofono, dovesse bussare la guardia di finanza per eseguire controlli e ispezioni? Chi ha qualche scheletro nell’armadio è più avvantaggiato se ha lo studio all’ultimo piano rispetto a chi, invece, esercita la professione al piano terra o ai primi piani. Meglio sarebbe, addirittura, se il palazzo non fosse dotato di ascensore: il tempo necessario ai verificatori per salire le scale consentirebbe di approntare una minima difesa e “nascondere” quelli che sono eventuali documenti scomodi (liste dei clienti, agente con le pratiche in corso, conti in nero, fascicoli delicati, ecc.). In quei pochi secondi che separano dall’arrivo degli agenti nell’appartamento servono per studiare il metodo migliore per evitare o ritardare l’accertamento: non potendo evitare di aprire la porta, fingendo che dentro lo studio non vi sia nessuno, le scuse per prendere qualche ora o – meglio ancora – qualche giorno di tempo si contano purtroppo sulla punta delle dita. Ma una di queste è stata offerta da una recente sentenza della Cassazione [1]. Si può rifiutare di far entrare ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment