Stato di emergenza: cos’è e cosa comporta

Pubblicato il: 14-09-2018 | Categoria : Attualità e Società, feed | 24 views | FONTE ORIGINALE

0

Il Governo ha decretato un nuovo provvedimento dopo il crollo del ponte di Genova. A che serve e quali sono le situazioni ancora aperte in Italia. Purtroppo, la cronaca ci propone ogni tanto drammatici episodi di calamità naturali o di tragedie come quella del ponte Morandi crollato a Genova che impongono una reazione immediata da parte del Governo sia per dare un aiuto concreto alla popolazione interessata sia per ricostruire ciò che un crollo, una frana, un’inondazione o un terremoto hanno devastato. Tra le misure che l’Esecutivo può adottare – com’è ha fatto nel caso di Genova – c’è lo stato di emergenza. Ma che cos’è e che cosa comporta questo provvedimento? Lo stato di emergenza viene adottato quando c’è un pericolo imminente che minaccia il Paese. Molte volte è stato identificato con un pericolo di conflitto bellico o con un attentato terroristico oppure di gravi disordini sociali ma anche un disastro naturale (siccità, alluvioni, terremoti) o un incidente dalle proporzioni mastodontiche come il crollo del ponte di Genova possono giustificare il fatto che il Governo decida di prendere questo tipo di misura. È il Consiglio dei Ministri, infatti, a deliberare lo stato di emergenza senza bisogno di ricorrere al Parlamento [1]. Spetta, ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment