Servizi non richiesti sul cellulare: come difendersi

Pubblicato il: 12-10-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 30 views | FONTE ORIGINALE

0

Le regole dell’AgCom per un acquisto corretto e trasparente. Per la Cassazione, va punito chi non rispetta il corretto trattamento dei dati personali. Trasparenza, consapevolezza, correttezza. Tre parole alla base di qualsiasi tipo di acquisto, che si tratti di un bene o di un servizio. Chi va al supermercato vuole avere la certezza che comprando una bottiglia di latte per la colazione non deve pagare anche i biscotti da pucciare. Chi acquista un set di penne per scrivere deve sapere che non deve pagare anche il quaderno, i pennarelli e le matite colorate. E chi acquista una Sim con dei servizi gratuiti compresi nella tariffa concordata deve essere sicuro di non dover pagare abbonamenti non richiesti. Un problema, quest’ultimo, amplificato da società che mandano dei messaggi ambigui via sms o WhatsApp in grado di confondere l’utente affinché attivi a sua insaputa dei servizi non richiesti sul cellulare: come difendersi? A tutela del consumatore, scendono in campo l’Autorità garante delle Comunicazioni (AgCom) e la Corte di Cassazione. La prima, con una delibera che detta le regole per l’acquisto, l’attivazione, la disattivazione ed il rimborso di un servizio a pagamento. I giudici di legittimità, invece, con una recente sentenza, condannano un noto operatore telefonico ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment