Separazione: come dividere la casa se c’era il mutuo

Pubblicato il: 01-04-2018 | Categoria : Attualità e Società, feed | 23 views | FONTE ORIGINALE

0

Prima di sposarsi mio figlio ha, per l’acquisto di una casa, versato una grossa somma di denaro; nel rogito, da lui e della sua compagna, è stato dichiarato un regime in comunione di beni, dovendo entrambi provvedere al pagamento del mutuo residuo. Ciò è avvenuto per circa a 4 anni; poi, mio figlio ha saldato il mutuo; in entrambe le occasioni ho inviato denaro a mio figlio con bonifici bancari sul conto cointestato. Ora che è in corso una separazione, può mio figlio richiedere che, nel complicato computo del dare ed avere, delle somme versate se ne tenga conto e pretendere una ripartizione di proprietà proporzionale a quanto versato da ciascuno? Il rogito è del 2001 ma so che, tra coniugi, la prescrizione si interrompe, e che, quindi, il termine dei 10 anni non è più valido. In generale la legge prevede che per poter vincere l’intestazione che risulta dai pubblici registri immobiliari, è necessario dimostrare che si è trattato di un’intestazione fiduciaria oppure che tra i soggetti, nel caso di specie il figlio della lettrice e la moglie di questi, sia intercorso un accordo scritto (scrittura privata) dal quale scaturisca una diversa attribuzione delle percentuali di proprietà. Da quanto riferisce la lettrice ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment