Regolamento condominio contrattuale e assembleare

Pubblicato il: 17-05-2018 | Categoria : Attualità e Società, feed | 23 views | FONTE ORIGINALE

0

Il regolamento di condominio: differenza tra contrattuale e assembleare; natura, limiti, contenuto minimo e regole di approvazione all’unanimità e a maggioranza. L’efficacia nei confronti dei successivi acquirenti. Se vivi in un palazzo è molto probabile che avrai avuto già tra le mani un regolamento condominiale e che tu sappia di cosa si tratta; lo possiamo definire come l’accordo di tutti i condomini volto a regolare la gestione dell’edificio, l’utilizzo delle parti comuni e la partecipazione dei singoli proprietari alle spese che ad esse ineriscono. In pratica, con il regolamento, il condominio si autodisciplina, crea delle proprie regole, diritti e divieti. Il regolamento è quindi molto simile a un contratto, da cui si differenzia soprattutto per il fatto che, se il contratto richiede la firma di tutte le parti, il regolamento, come a breve vedremo, può essere approvato anche solo con la maggioranza dei partecipanti. Proprio a riguardo del metodo di approvazione del regolamento, esiste una differenza tra regolamento di condominio contrattuale e assembleare ed è di questo che parleremo in questo articolo. Possiamo già anticipare però che un regolamento approvato all’unanimità può intervenire anche in determinati settori come, ad esempio, i limiti all’utilizzo dei singoli appartamenti, che quello invece approvato a ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment