Quando gli eredi non devono pagare i debiti?

Pubblicato il: 25-11-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 17 views | FONTE ORIGINALE

0

Debiti del defunto: quando non si può rinunciare all’eredità. L’obbligo di inventario per chi è in possesso dei beni. Chi accetta l’eredità di una persona defunta concorre sia alla ripartizione dell’attivo che del passivo della successione. Questo significa che se da un lato riceve una quota dei beni lasciati dal de cuius, dall’altro è tenuto a pagare – sempre in proporzione a tale quota – i suoi debiti. In caso contrario ne risponde con il proprio patrimonio personale.  Ci sono però dei modi per tutelarsi previsti dalla legge. Ecco allora quando gli eredi non devono pagare i debiti del defunto.  L’erede non paga i debiti fino all’accettazione dell’eredità Non perché si è familiari del soggetto defunto si devono pagare i suoi debiti. Tale obbligo scaturisce solo dall’accettazione dell’eredità. Prima di tale momento non si è tenuti ad alcun adempimento, né il creditore può minacciare azioni legali (che altrimenti sarebbero infondate).  Quindi se il parente riceve lettere di diffida e solleciti di pagamento per conto del defunto può cestinarle fino a quando non accetta l’eredità. L’apertura di una successione (e cioè il verificarsi della morte della persona fisica) provoca l’instaurazione della cosiddetta “chiamata all’eredità”, vale a dire la fase di individuazione dei soggetti che, per testamento o ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment