Pergolato o tettoia: quali differenze e che permessi servono

Pubblicato il: 15-05-2018 | Categoria : Attualità e Società, feed | 6 views | FONTE ORIGINALE

0

Se per il pergolato non è necessaria la licenza edilizia, per la tettoia bisogna valutare caso per caso sulla base delle dimensioni e dell’utilizzo della costruzione. Per chi ha la fortuna di avere uno spazio aperto come un giardino o una terrazza, il pergolato o la tettoia costituiscono soluzioni convenienti per sfruttare al meglio, e senza grossi costi, le aree scoperte. Fortuna vuole inoltre che, in gran parte di questi casi, non c’è neanche bisogno di chiedere al Comune il permesso di costruire (la vecchia licenza edilizia). Il che succede, prevalentemente, per le opere di piccole dimensioni o comunque prive di una struttura rigida e fissa. Due recenti sentenze del Consiglio di Stato [1] chiariscono con precisione quali differenze e che permessi servono per il pergolato e la tettoia. Le pronunce hanno il merito di spiegare in quali casi è necessaria l’autorizzazione amministrativa per evitare il reato di abuso edilizio e quando invece siamo nell’ambito della cosiddetta «edilizia libera», quella cioè che non necessita di permessi. Pergolato, tettoia e pegotenda: che differenza c’è? La prima questione da chiarire riguarda la differenza tra pergolato e tettoia. Cos’è il pergolato? Il pergolato è una struttura realizzata con lo scopo di abbellire e ombreggiare giardini o terrazze. Esso ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment