Pensione part time pubblico impiego

Pubblicato il: 08-11-2019 | Categoria : Attualità e Società, feed | 10 views | FONTE ORIGINALE

0

Lavorare per un numero ridotto di ore può essere, sicuramente, vantaggioso per la propria vita personale e familiare, ma occorre considerare quali effetti può produrre il lavoro a tempo parziale sulla propria futura pensione. Sei un dipendente pubblico? Lavori a tempo parziale? Guadagni meno dei tuoi colleghi e ti chiedi come questo possa incidere sulla tua pensione? La domanda è opportuna in quanto il reddito percepito durante il rapporto di lavoro incide direttamente sull’assegno pensionistico che si riceve alla fine della propria vita lavorativa. E’ evidente che la pensione di un dipendente part time nel pubblico impiego risente del ridotto numero di ore lavorate e della ridotta retribuzione ricevuta, in rapporto ad un altro dipendente pubblico che ha, invece, lavorato a tempo pieno. Come vedremo, tuttavia, il riflesso del part-time sul raggiungimento dell’età pensionabile non desta invece particolari preoccupazioni. Inoltre, l’ordinamento da al dipendente degli strumenti per integrare i contributi versati e innalzare la futura pensione. Che cos’è il part-time? La legge prevede che ci sia un numero di ore di lavoro massimo oltre il quale non si può andare. In particolare, la normativa sull’orario di lavoro [1] prevede che il dipendente non possa lavorare, in linea generale, più di 40 ore settimanali e più di ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment