Auto schizza acqua delle pozzanghere sui passanti: che fare?

Pubblicato il: 20-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Se una macchina, passando su una pozzanghera, schizza sui passanti l’acqua piovana e il fango è possibile denunciare il conducente prendendo la targa. Stai camminando ai margini della strada così come fai ogni mattina per recarti alla fermata del pullman. Con la differenza che, quest’oggi, la strada è tutta bagnata. Durante la notte è iniziato a piovere e da allora non ha più smesso. L’ombrello ti ripara, ma non da tutto. Difatti, a metà percorso, giunge un’auto che, per la fretta e incurante del fatto che tu fossi ad un passo dal ciclo del marciapiedi, passa veloce su una pozzanghera. Il risultato è chiaramente visibile: tutti gli schizzi d’acqua e di fango sono addosso ai tuoi vestiti. I pantaloni risultano ormai completamente bagnati, le scarpe peggio, il soprabito è riuscito a riparare giacca e camicia, ma è probabile che lo dovrai portare in tintoria perché le macchie sono di quelle che ......

 

Ditta individuale: alla morte del proprietario cosa accade ai beni?

Pubblicato il: 20-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

L’immobile strumentale di una ditta alla morte del proprietario perde la caratteristica di strumentale e se ne può disporre separatamente? Ho richiesto pareri a diversi professionisti ma ho ricevuto pareri opposti. Alcuni si rifanno alla lettera b – comma 1 art. 67 del TUIR, secondo la quale un bene strumentale con la successione viene acquisito a titolo privato dagli eredi e di conseguenza non richiede l’estromissione per poter essere venduto. L’immobile a cui il lettore si riferisce, come spiegato da intercorsa consulenza telefonica, è il capannone da questi costruito più di dieci anni fa e affittato a suo figlio assieme alla merce a magazzino. Pertanto il lettore ha stipulato con suo figlio un contratto di affitto di azienda, dal momento che il complesso di beni ceduti può – ai sensi degli artt. 2555 e ss. cod. civ. – definirsi appunto come azienda. A questo punto sarebbe necessario sapere se il lettore dispone ......

 

Disdetta per cessione di immobile: che fare se il conduttore vuole tempo?

Pubblicato il: 20-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Sono proprietario di un appartamento per il quale 6 mesi prima della scadenza ho inviato al conduttore una disdetta per cessione dell’immobile. La controparte non è interessata all’acquisto e mi ha chiesto 1 anno (massimo 2) per lasciare i locali. Visti i buoni e consolidati rapporti, sarei intenzionato ad accogliere la richiesta. Devo, per 1-2 anni sottoscrivere un contratto con la controparte o cos’altro? Cosa succede con l’Erario? Il lettore non è costretto a stipulare un nuovo contratto con il conduttore, potendo tranquillamente “tollerare” la situazione di stallo che si verrebbe a creare. L’art. 1591 del codice civile stabilisce che il conduttore in mora a restituire la cosa è tenuto a dare al locatore il corrispettivo convenuto fino alla riconsegna, salvo l’obbligo di risarcire il maggior danno. Ciò significa che il conduttore del lettore, non riconsegnando l’immobile, sarà comunque costretto a pagare i canoni locatizi fino ad oggi convenuti (con l’originario contratto), senza ......

 

Nonni, diritto a incontrare i nipoti: quando ricorrere al giudice

Pubblicato il: 20-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Mio figlio e mia nuora non mi permettono di vedere i bambini. Vivevano all’estero e da novembre si sono trasferiti in Italia. Mi hanno chiesto aiuto per il trasloco e dopo due giorni dal rientro non si sono fatti vedere nè sentire senza una ragione. Io voglio vedere i bambini. Sono molto piccoli . Posso avere il diritto di vederli una volta la settimana? I genitori lavorano e i bambini vengono seguiti dai nonni anziani di mia nuora. La legge (art 317 bis cod. civ.) prevede espressamente che gli ascendenti (quindi anche i nonni) hanno il diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni e dispone che l’ascendente (al quale sia impedito l’esercizio di tale diritto) possa ricorrere al giudice del luogo di residenza abituale del minore affinché siano adottati i provvedimenti più idonei nel suo esclusivo interesse. Questo significa che il nostro ordinamento prevede espressamente il diritto dei nonni ......

 

Deposito denuncia: l’ufficio preposto è tenuto a rilasciare ricevuta?

Pubblicato il: 20-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

Un anno e mezzo fa ho presentato un esposto presso la Procura della Repubblica di Milano. Il mio avvocato non ha ancora risposto alla mia richiesta di sapere a che punto è l’esposto. Gli ho quindi chiesto di darmi la ricevuta del deposito dell’esposto, ma sostiene che non gliel’hanno rilasciata. È possibile che non venga rilasciata una ricevuta quando si deposita un esposto?  Nel caso di deposito di denuncia, querela o esposto, l’ufficio adibito alla ricezione è tenuto a rilasciare una ricevuta: normalmente si tratta di un timbro apposto sulla copia dell’atto depositato che serve ad attestare l’avvenuta ricezione dell’atto. Si riporta testualmente l’art. 107 delle disposizioni di attuazioni del codice di procedura penale: «La persona che presenta una denuncia o che propone una querela ha diritto di ottenere attestazione della  ricezione dall’autorità davanti alla quale la denuncia o la querela è stata presentata o proposta. L’attestazione può essere apposta in calce alla copia dell’atto. ......

 

La carta della famiglia

Pubblicato il: 20-04-2018 | In : feed

0

La nuova prestazione introdotta dalla legge 28.12.2015 n. 208 - Scheda di approfondimento ...

 

Agevolazioni per la frequenza degli asili nido

Pubblicato il: 20-04-2018 | In : feed

0

Monografia di approfondimento aggiornata al 29.1.2018 ...

 

Se un condomino tampona un’auto nel parcheggio condominiale

Pubblicato il: 20-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Un condomino con la sua auto facendo retromarcia ha tamponato tre auto, tra cui la mia. Ho fatto le foto a tutte le auto tranne però a quella responsabile che ora non so dove è stata parcheggiata. La moglie del condomino colpevole mi ha promesso il risarcimento tramite sms. So però che l’assicurazione non copre sinistri con più auto coinvolte in area privata. Perciò dovrò essere risarcita dal responsabile, che ha però provato a farmi dichiarare che le auto erano fuori dal parcheggio condominiale. Non dichiaro il falso. Cosa devo fare e cosa devo scrivere nella raccomandata che invierò al responsabile e alla sua assicurazione? Da una visura al PRA ho tutti i dati. Non voglio un tono da diffida ma devo risolvere il problema. Innanzitutto si può dire che: – se il sinistro si è verificato effettivamente in un’area non solo privata ma anche chiusa all’uso del pubblico generico, allora è ......

 

Come si interrompe l’usucapione

Pubblicato il: 20-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Come posso interrompere l’usucapione di una mia cantina? Sono invalido al 100%. L’interruzione dell’usucapione si verifica quando l’effettivo proprietario del bene pone in essere determinati comportamenti volti a contestare il possesso altrui e a riaffermare il proprio diritto esclusivo. Come senz’altro saprà, l’usucapione è un modo di acquisto della proprietà altrui attraverso il possesso della stessa in modo pacifico, continuo e non interrotto per il tempo stabilito dalla legge. In pratica, è necessario che qualcuno si impossessi del bene altrui, utilizzandolo come se fosse l’effettivo proprietario, in modo indisturbato, per 20 anni nel caso di acquisto della proprietà (mobili o immobili), 15 per i fondi rustici, 10 per i beni mobili registrati (se l’acquisto invece avviene in buona fede i termini si riducono a 10 anni per gli immobili e 3 per i mobili registrati). Al contrario di quanto comunemente si pensa, non è sufficiente, per interrompere l’usucapione, una lettera di diffida o messa ......

 

Citazione in giudizio: è possibile il pignoramento della polizza vita?

Pubblicato il: 20-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Lo scorso anno sono stato citato in giudizio perché si chiedeva, ritenuta la mia piena ed esclusiva responsabilità ex art. 2043 cc., la condanna al pagamento di 10.000 euro.  Ho sottoscritto una polizza vita per una somma di € 40.000,00 provenienti dalla vendita di un immobile di mia proprietà. In caso di soccombenza la suddetta polizza sarà pignorabile? Il primo comma dell’art. 1923 del codice civile dice che «Le somme dovute dall’assicuratore al contraente o al beneficiario non possono essere sottoposte ad azione esecutiva o cautelare». Il divieto di pignoramento della polizza vita è disposto per proteggere i diritti che la polizza assicurativa garantisce al contraente o al beneficiario dalle eventuali pretese dei creditori. Tale divieto, però, non si estende ai premi pagati. Lo stesso articolo, infatti, prosegue dicendo: «Sono salve, rispetto ai premi pagati, le disposizioni relative alla revocazione degli atti compiuti in pregiudizio dei creditori e quelle relative alla collazione, all’imputazione ......