Bacheca di condominio: cosa vi si può scrivere?

Pubblicato il: 17-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Le comunicazioni che si possono appendere sulla bacheca e quelle che invece devono rimanere segrete e costituire oggetto di avvisi privati. In quasi tutti i condomini è presente una bacheca, un’area riservata alle comunicazioni dell’amministratore indirizzate pubblicamente alla generalità dei condomini. Esistono delle regole in merito all’utilizzo della bacheca affinché questa non debba mai costituire motivo di lesione della privacy dei condomini. Ecco perché la prima regola in materia di bacheca di condominio è che essa sia situata in un locale interno all’edificio, non quindi sulla facciata esterna all’edificio, ma ugualmente visibile e accessibile a tutti (sarebbe scomodo per gran parte dei condomini collocare la bacheca al primo o al secondo piano piuttosto che nell’androne). Inoltre la bacheca deve contenere avvisi rivolti a tutti i condomini o a un gruppo di questi e non a uno specifico proprietario per il quale esistono altre forme di comunicazione più riservate. Vediamo dunque le ......

 

Che significa Ex prima di un articolo di legge?

Pubblicato il: 17-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Ex articolo: non significa che ci si riferisce a una norma precedente e ormai abrogata, ma al contrario che la stessa è ancora in vigore. Ogni volta che un avvocato o un documento cita un articolo di legge ecco che, prima del numero e della data, appare la parola «ex». Ad esempio «Ex art. 4 Statuto dei lavoratori», «Ex art. 24 della Costituzione», «ex art. 2043 cod. civ.», «ex comma 566 art. 1 Legge di Stabilità», e così via. Ora, nel linguaggio comune, la parola «ex» sta a indicare qualcosa che non c’è più e che è stata sostituita da qualcos’altro. L’ex è la fidanzata ormai rimpiazzata da una con cui si va più d’accordo, è la vecchia abitazione di residenza più piccola, la precedente auto ormai rottamata. È “ex” anche il posto di lavoro quando si viene licenziati o si ottiene un contratto più vantaggioso in un’altra azienda. Cosa sta a ......

 

Volume insufficiente sul palloncino dell’alcol: che rischio

Pubblicato il: 17-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Scatta la guida in stato di ebbrezza anche quando lo scontrino dell’alcooltest segna la dicitura «volume insufficiente». Sei stato fermato dalla volante della polizia: il sospetto degli agenti è che tu abbia bevuto un bicchiere di troppo e ora ti hanno chiesto di sottoporti al test del “palloncino”. Magari hai davvero bevuto qualche birra e, sinceramente, non ti sei chiesto se quel sorso in più ti potrebbe costare la sospensione della patente. Così stai già pensando a qualche scappatoia. La prima, quella tradizionale, è verificare se i poliziotti ti avvertono della possibilità di farti assistere da un avvocato durante le operazioni: un diritto questo che, se violato, renderebbe la multa nulla. Se però tutto è andato secondo regola, sarà inutile fare i furbi e fingere asma o altri problemi di tipo respiratorio per evitare di spingere aria dentro la prova del “palloncino”. Difatti quando lo scontrino emesso dall’apparecchio contiene la dicitura ......

 

Lite tra due cani: chi risarcisce i danni?

Pubblicato il: 17-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

Il proprietario del cane deve sempre risarcire i danni procurato dal proprio animale salvo il caso fortuito. Metti che due cani si incontrino per strada e inizino a ringhiarsi a vicenda. Metti che uno dei due attacchi l’altro con un morso e quest’ultimo, a sua volta, reagisca violentemente. Metti infine che a tentare di separarli è il padrone del cane più piccolo, intimorito che la propria bestiola possa subire un danno grave e perenne. Ma da questa scelta di porsi in mezzo ai due cani in lite chi ne rimane davvero leso è proprio il proprietario che fa da paciere: chi lo risarcisce? Nel dubbio sempre meglio vedere cosa stabilisce, in casi del genere, la giurisprudenza. E la risposta appropriata arriva da una recente sentenza della Cassazione [1]. Cosa prevede innanzitutto la legge? Il codice civile [2] stabilisce che ciascuno risponde dei danni che il proprio animale provoca a terzi (persone, animali ......

 

Andare a prostitute diventa reato

Pubblicato il: 17-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Punito con l’arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino a 206 euro chi viene trovato a far salire in macchina una escort e a consumare un rapporto sessuale: a consentirlo è il decreto Minniti. Chi l’avrebbe mai detto: anche la pubblica amministrazione trova il modo di «aggirare» (o meglio «raggirare») la legge. Perché se è vero che in Italia la prostituzione è legale, c’è però chi ha trovato il modo di far andare in carcere chi si apparta con le escort. Succede a Firenze dove il sindaco ha emesso un’ordinanza nella quale si vieta di chiedere o accettare prestazioni sessuali a pagamento. Ma se è vero che il Sindaco non può emettere norme di natura penale, essendo materia riservata al parlamento, l’ostacolo può essere superato in un altro modo: un articolo del codice penale [1] prevede il reato per chi non ottempera agli ordini della pubblica autorità, ivi comprese le ......

 

12 cose che il vicino di casa non può impedirti di fare

Pubblicato il: 17-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

Condominio: i poteri del proprietario dell’appartamento che non possono incontrare ostacoli, divieti o preventive autorizzazioni da parte dell’assemblea. Ciascuno è padrone di fare ciò che vuole dentro casa propria. Ma quando questa è strettamente collegata a quella di altre persone non è sempre facile stabilire dove finisce la sfera delle proprie libertà per lasciar spazio a quella altrui. Il caso emblematico è il condominio; non per nulla le cause in materia condominiale sono quelle che, dopo il luogo di lavoro e gli infortuni stradali, occupano maggiormente il lavoro dei nostri giudici. A regolare la vita dei proprietari degli appartamenti ci dovrebbe essere il regolamento di condominio, ma spesso si tratta di un documento asettico e sintetico, che si limita a ribadire gli obblighi previsti dal codice civile, obblighi che ancor più spesso sono del tutto ignoti a chi acquista casa. Ecco perché, in questa veloce scheda, tenendo conto delle controversie ......

 

Dissenso alle liti condominiali: come fare

Pubblicato il: 17-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Come dissociarsi dalla causa che il condominio intende fare a un altro condomino o a un terzo senza pagare le spese processuali. C’è chi è litigioso e chi invece è più pacifico; c’è chi è disposto a fare causa pur di affermare a tutti i costi un proprio diritto e chi, invece, preferisce sedersi al tavolo delle trattative e trovare una via di mezzo; c’è chi non si impressiona di tempi e costi che un giudizio può comportare e chi, invece, preferirebbe rinunciare a qualcosa pur di non spendere un euro. Come si mettono d’accordo tutte queste inclinazioni all’interno di un condominio? Se tutti i condomini vogliono iniziare una causa e qualcuno, invece, vorrebbe evitare la spesa o, quantomeno, in caso di sconfitta, non pagare le spese legali, come può fare? A questo problema il codice civile prevede una soluzione. Ma procediamo con ordine e vediamo come fare in caso di ......

 

Col contrassegno invalidi si può entrare nelle Ztl?

Pubblicato il: 17-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Col contrassegno invalidi si può transitare nelle zone a traffico limitato se è anche autorizzato l’accesso a veicoli di trasporto pubblico senza bisogno di comunicare entro 48 ore l’avvenuto passaggio. Come fa l’invalido, che già ha difficoltà a deambulare e che, proprio a causa di ciò, ha ottenuto il contrassegno invalidi, ad arrivare al centro città se sono accesi i varchi delle ztl, le zone a traffico limitato? Un problema di non poco conto soprattutto per chi vive nelle grandi metropoli dove anche l’utilizzo dei mezzi pubblici non è così semplice. Così sulla questione è intervenuta la Cassazione a chiarire – con una sentenza pubblicata qualche giorno fa [1] – un dubbio che, evidentemente, in molti automobilisti si sono posti prima di incorrere in spiacevoli multe: col contrassegno invalidi si può entrare nelle Ztl? Secondo la pronuncia in commento, il transito nella Ztl è permesso ai possessori del contrassegno invalidi. La legge ......

 

Avvocato e cliente su WhatsApp: gli strafalcioni più divertenti

Pubblicato il: 17-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Conversazioni avvocato-cliente: sulla chat, le conversazioni più divertenti e imbarazzanti del lessico “avvocatese”. Un tempo c’era lo studio legale per raggiungere l’avvocato e chiedere consigli e pareri. Oggi invece la consulenza si chiede (anzi, spesso si pretende) su WhatsApp. E magari, al posto del «grazie», c’è un’icona con il “pollice alto”. Lo smartphone consente al cliente di raggiungere il professionista in ogni ora del giorno e della notte con un’intrusione e una perseveranza che il contatto facciale non consentirebbe mai. Non c’è scampo per chi ha deciso di dedicarsi alla pausa pranzo o alla domenica di relax con la famiglia: immancabilmente arriva il messaggio che, in pochi caratteri, tenta di descrivere una situazione complessa e di ottenere un parere preciso e completo. In tutto questo però c’è chi ci riesce a trovare il lato divertente. «Lo stupidario giuridico» che di solito investe avvocati, testimoni e carabinieri, non risparmia neanche i clienti, a ......

 

Multe autovelox a sorpresa

Pubblicato il: 17-09-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Legittima la multa con lo scout speed anche se l’uso dell’apparecchio nell’auto della polizia non è presegnalato dal cartello. Pessime notizie per gli automobilisti che si mettono alla guida di strade cittadine ed extraurbane: l’autovelox oggi più usato dalla polizia municipale, lo scout speed, può fare “multe a sorpresa”, ossia senza bisogno di essere presegnalato con l’apposita segnaletica. A dare questo parere è una recente sentenza del Tribunale di Rovigo [1] (segnalata dallo studio legale Toffanin di Rovigo); la pronuncia riforma l’opposta decisione emessa dal giudice di Pace di Este che, invece, aveva dato ragione all’automobilista. In termini pratici, questo significa che le volanti che hanno installato a bordo lo scout speed potranno multare le auto in eccesso di velocità mentre fanno la “ronda”, senza che il conducente sia stato prima avvisato dal cartello con su scritto «Attenzione: controllo elettronico della velocità». A beneficio di quanti ancora non si sono trovati a ......