Telecamera di videosorveglianza per casa: quale angolo di ripresa?

Pubblicato il: 08-10-2018 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

La visuale dell’obiettivo della telecamera: il divieto di non riprendere le scale, il pianerottolo, la porta del vicino o la strada. La sicurezza delle nostre case può essere tutelata grazie a un moderno e poco costoso impianto di videosorveglianza. Ve ne sono di molti tipi, alcuni dei quali acquistabili anche su internet. La telecamera ha sempre una funzione di deterrente, anche quando è finta. C’è chi la collega con l’istituto di vigilanza privata e chi, per risparmiare, al proprio cellulare in modo da controllare, in ogni momento, cosa succede all’interno o all’esterno del proprio appartamento. Come tutti i sistemi di controllo, però, anche la telecamera di videosorveglianza per casa deve fare i conti con il rispetto dell’altrui privacy, specie quando è collocata in un edificio condominiale. Sicché, all’atto dell’installazione e della regolazione dell’angolo di visuale dell’obiettivo, le cose possono farsi rischiose per il proprietario: in ballo c’è la commissione di un ......

 

Cessione quinto pensione

Pubblicato il: 08-10-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Come funzionano i prestiti personali con cessione del quinto della pensione: chi può richiederli, come si calcola l’importo da restituire. Sei un pensionato e hai bisogno di un prestito, ma non hai garanzie? Forse non sai che puoi ottenere un prestito personale grazie alla cessione del quinto della pensione. Con la cessione del quinto, difatti, i finanziamenti possono essere estinti con una trattenuta diretta sulla rata della pensione. Calcolare il quinto della pensione può sembrare semplice, ma in realtà la quota cedibile della pensione non coincide sempre col quinto del trattamento, in quanto non può essere ridotta la pensione minima. L’Inps, però, viene in aiuto a chi ha difficoltà con i calcoli, grazie ad un’apposita applicazione. Vediamo come funziona la cessione quinto pensione: chi può richiederla, come chiedere il prestito, come si calcola la quota cedibile. Che cos’è la cessione del quinto della pensione? La cessione del quinto è una forma di prestito ......

 

Donazione per assistenza

Pubblicato il: 08-10-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Cos’è e come si stipula una donazione? Cos’è la donazione modale? Cosa succede in caso di inadempimento? Come funziona la risoluzione della donazione? Una donazione è un regalo: su questo non ci piove. Se doni un anello alla tua fidanzata, quel gioiello sarà suo; se i tuoi genitori ti intestano un’abitazione, in quella casa potrai abitarci; e così via con altri mille esempi. Anche un omaggio, però, è soggetto alle regole della legge: ciò significa che una donazione, per essere valida, deve necessariamente rispettare alcune norme. Forse non sai che una donazione deve essere fatta davanti ad un notaio, in presenza di due testimoni, a meno che la cosa donata non sia un bene mobile di modico valore. In quest’ultima ipotesi, basta la consegna effettiva della cosa al donatario, cioè a colui che riceve l’omaggio. Per questo motivo i regali di Natale, di compleanno o quelli fatti nelle ricorrenze non necessitano ......

 

Termine per presentare una querela

Pubblicato il: 08-10-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Qual è la differenza tra querela e denuncia? Entro quanto tempo bisogno sporgere querela? Da quale momento decorrono i mesi per potere querelare una persona? Non c’è bisogno di aver subito un furto o un altro crimine per sapere cos’è una querela: si tratta dell’informazione fatta pervenire oralmente oppure per iscritto con la quale si comunica alle autorità competenti di essere stati vittima di un reato. Grazie alla querela, quindi, le autorità competenti sono messe al corrente di un fatto criminoso e possono mettersi all’opera per perseguire penalmente l’autore del delitto al fine di assicurarlo alla giustizia. Probabilmente la descrizione che ho appena fornito ti ricorderà qualcosa di molto simile alla querela: parlo della denuncia. In effetti, anche con la denuncia si ottiene lo stesso risultato, sebbene tecnicamente tra i due atti v’è una differenza sostanziale: solo la querela, infatti, è condizione di procedibilità. Cosa significa? Vuol dire che senza la ......

 

Assegni familiari: come si calcolano

Pubblicato il: 08-10-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Calcolo degli assegni al nucleo familiare Anf: come sapere quanto spetta al mese, tabelle, fasce di reddito e importi. I lavoratori dipendenti, anche in disoccupazione e pensionati, ed i collaboratori (lavoratori parasubordinati), possono aver diritto a un sussidio mensile da parte dell’Inps se in famiglia è presente un minore, una persona inabile, o se il nucleo ha una composizione particolare: si tratta degli assegni familiari, o meglio degli assegni al nucleo familiare, in breve Anf. Gli assegni familiari sono finalizzati al sostegno economico delle famiglie, e servono ad integrare il reddito del nucleo quando è inferiore a determinati limiti. Il trattamento è una prestazione previdenziale, e viene accreditato ogni mese su richiesta del lavoratore o del pensionato (unitamente allo stipendio o al compenso, alla pensione o al sussidio percepito). Ma procediamo per ordine, e facciamo il punto sugli assegni familiari: come si calcolano, come sapere in quale tabella e fascia di ......

 

Ufficiale giudiziario responsabile per la notifica fuori termine?

Pubblicato il: 08-10-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Notifica in ritardo di un atto giudiziale o stragiudiziale: la responsabilità dell’ufficio notifiche per la decadenza dal diritto. Il cancelliere deve controllare i termini per la consegna al destinatario? Il processo civile è insidioso: tra termini di decadenza e forme previste a pena di nullità, non è insolito cadere in un errore che comporti il rigetto della domanda giudiziale. La beffa però è quando si pagano le conseguenze per una svista commessa da altri. Ad esempio, quella del cancelliere i cui compiti sono strettamente funzionali e connessi con il giudizio. Altro caso è quello delle notifiche che, come noto, vanno fatte entro tempi prefissati dal codice. Ma che succede se il ritardo è dovuto all’ufficiale giudiziario e non all’inerzia dell’avvocato? Si può ottenere una remissione nei termini oppure un risarcimento del danno da parte del ministero della giustizia? Di tanto si è occupata una recente e interessante sentenza della Cassazione [1] ......

 

Detrazione fiscale: come funziona?

Pubblicato il: 08-10-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Bonus fiscale per familiari a carico, per redditi di lavoro e di pensione, per oneri e spese sostenute: quali sono e come funzionano le detrazioni. La detrazione è un importo che si sottrae dalle imposte dovute, e che dunque consente di abbassare le tasse. La normativa prevede diversi tipi di detrazioni fiscali: alcune spettano per aver prodotto un determinato tipo di reddito, ad esempio di lavoro dipendente o di pensione, altre spettano se si hanno dei familiari a carico, altre ancora per oneri e costi sostenuti nell’anno. In generale, le detrazioni si calcolano con una formula, stabilita dalla legge, quando spettano per il reddito prodotto o per i familiari a carico, mentre corrispondono a una determinata percentuale dei costi sostenuti (con eventuale applicazione di franchigie e tetti massimi) quando spettano per oneri e spese. Ma procediamo per ordine e facciamo il punto sulla detrazione fiscale: come funziona, chi ne ha diritto, ......

 

Guida col cellulare: c’è il ritiro della patente?

Pubblicato il: 08-10-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Cellulare alla guida: cosa si rischia e quando è possibile contestare la multa. Che alla guida non si possa telefonare o inviare messaggi è un fatto noto a tutti. I contorni della norma però, contenuta nel codice della strada e che prevede il divieto in questione, sono spesso sfumati e non tutti ne conoscono i confini. Ad esempio ci si interroga se al semaforo si possa inviare un messaggino, se premere un pulsante per rifiutare la chiamata comporta rischi, se la multa consiste nel ritiro della patente, se in caso di incidente si va in galera, se è consentito usare il cellulare quando si ha il motore acceso ma si è all’interno di un parcheggio, se si può tenere il cellulare con una mano e parlare con il viva voce, se si possono usare gli auricolari delle cuffie, se è possibile utilizzare lo smartphone come navigatore satellitare e seguire le mappe ......

 

Trattamento minimo

Pubblicato il: 08-10-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Pensione minima: che cos’è, come funziona, come si calcola, chi ne ha diritto, che cosa succede nel 2019 con la pensione di cittadinanza. Chi ha una pensione d’importo basso ha diritto, nella generalità dei casi, all’integrazione dell’assegno fino a un certo importo, ossia all’integrazione al trattamento minimo. Grazie all’integrazione, le pensioni basse (ad esclusione di alcuni trattamenti non integrabili, come le pensioni contributive) sono aumentate sono al cosiddetto minimo vitale, che viene aggiornato annualmente. L’integrazione al trattamento minimo non è, ad ogni modo, l’unico sostegno previsto per gli assegni Inps bassi: alcuni pensionati hanno diritto, ad esempio, alla maggiorazione sociale, che può far arrivare la pensione sino a 643,86 euro (per l’anno 2018: anche gli importi delle maggiorazioni sono aggiornati ogni anno). Ma procediamo per ordine e vediamo, nel dettaglio, che cos’è, come funziona e come si calcola il trattamento minimo. Che cos’è il trattamento minimo? Il trattamento minimo, o integrazione al trattamento ......

 

Imu abitazione principale: coniugi residenti in Comuni diversi

Pubblicato il: 08-10-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Esenzione dal pagamento dell’Imu e della Tasi se marito e moglie hanno residenza nello stesso Comune o in Comuni differenti. Quando non si paga l’imposta sulla casa? Tu e tua moglie avete due case di proprietà. Le spese per la gestione di entrambi gli immobili sono particolarmente elevate: tra utenze, tassa sui rifiuti e condominio se ne va quasi metà dello stipendio; così vorreste quantomeno evitare di dover pagare anche le imposte sulla casa. Sapete bene che Imu e Tasi, attualmente, non si versano più se si tratta di «abitazione principale». Così avete pensato di separare la vostra residenza e far risultare che ciascuno dei due vive in una abitazione diversa, almeno per i registri anagrafici, in modo da rientrare entrambi nei casi di esenzione dall’imposta sulla casa. In buona sostanza, il marito figurerà residente in una casa e la moglie in un’altra. Poiché gli appartamenti si trovano in Comuni diversi ......