Lasciare il bambino in macchina per fare la spesa è reato

Pubblicato il: 19-06-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

È reato di abbandono di minore lasciare il figlio in auto anche per pochi minuti: basta la situazione di pericolo potenziale. «Ora stai qui dentro buono e non aprire la macchina per nessuna ragione, che intanto mamma fa una cosa in questo negozio e torna subito». Dì la verità: ti è mai capitato di dirlo o di sentirlo dire? Eppure questo comportamento integra un reato se il figlio ha meno di  14 anni. E non rileva che sia maturo a sufficienza da prendere un cellulare e telefonarti se ha un problema. Questo perché, secondo la Cassazione, lasciare un bambino all’interno della propria auto, parcheggiata con i vetri alzati e gli sportelli chiusi, mentre il genitore si reca a fare la spesa costituisce reato di abbandono di minore. Si tratta, peraltro, di un reato procedibile d’ufficio: quindi basta la semplice segnalazione di un passante che abbia visto il minore solo e che ......

 

Come mettere in regola un dipendente

Pubblicato il: 19-06-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Contratto di lavoro, Unilav, nulla osta, comunicazione all’Inps, adempimenti obbligatori: come si assume un lavoratore italiano o straniero? Chi fa lavorare un dipendente in nero corre dei rischi non indifferenti, anche se si tratta di un impiego temporaneo o di una collaborazione domestica: oltre alla sanzione amministrativa per la mancata comunicazione dell’assunzione, difatti, si rischia la maxi sanzione per lavoro nero, che può arrivare sino a 36mila euro; inoltre, le sanzioni sono aumentate del 20% in caso d’impiego di lavoratori stranieri e minorenni. Se il rapporto di lavoro è stato instaurato con un dipendente privo del permesso di soggiorno, le conseguenze sono ancora più gravi: si rischiano l’arresto da tre mesi a un anno e un’ammenda sino a 5mila euro. Per non rischiare supermulte (e, a seconda dei casi, la fedina penale), è dunque molto importante essere sicuri di aver assunto regolarmente il lavoratore subordinato e di aver effettuato tutti gli ......

 

22/6 Andrea Damante fa scatenare il #Costez -Telgate (BG)

Pubblicato il: 18-06-2018 | In : feed, Musica e Spettacolo

Tag:

0

Andrea Damante è uno dei personaggi più in vista dell'entertainment italiano. L'evento è già molto atteso. Basta cercare un attimo su Google per essere semplicemente sopraffatti dalla quantità di articoli e gossip dedicati a Damante. Infatti, è notissimo per le sue apparizioni in tv e non solo (Tronista ad Uomini e Donne, ha tra gli altri partecipato come 'tentatore' a Temptation Island, etc).  ...

 

Music & Colors – Il mondo della notte visto dal fotografo milanese Bruno Garreffa in mostra …

Pubblicato il: 18-06-2018 | In : feed, Musica e Spettacolo

Tag:

0

Il fotografo milanese Bruno Garreffa segue da più di 10 anni il mondo della notte in Italia e all'estero. In tanti anni di lavoro ha avuto l'onore di essere sui palchi con Dj internazionali del calibro di David Guetta, Hardwell, Martin Garrix e Bob Sinclar. ...

 

Cosa si rischia a divulgare le notizie di qualcuno?

Pubblicato il: 18-06-2018 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

Illecito trattamento dati personali: cos’è? Quali sono le sanzioni per chi diffonde illegittimamente i segreti altrui? Cosa sono le informazioni personali? Un amico ci fa una confidenza e svela la sua turbolenta vita amorosa; un parente ci dice che, purtroppo, soffre di una malattia rara; un nostro cliente deve ammettere che è pieno di debiti e che la sua situazione economica non è rosea. Cosa accomuna queste tre situazioni? La privacy. Sia che riceviamo una confessione, sia che siamo destinatari di informazioni private o professionali, sussiste sempre l’obbligo di tutelare la riservatezza del soggetto cui le notizie si riferiscono. La legge sulla privacy, contrariamente a quanto si possa credere, non si applica solamente alle grandi imprese oppure ai professionisti, ma a tutti coloro che sono destinatari di informazioni riservate. Con questo articolo vedremo cosa si rischia a divulgare le notizie di qualcuno. Codice della privacy: cosa sono i dati personali? La legge italiana ......

 

Come combattere lo stress lavorativo

Pubblicato il: 18-06-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Le cause di uno stato d’animo che può trasformarsi in malattia. I modi per prevenirlo e per affrontarlo. Alzi la mano chi non ha mai sentito un collega di lavoro che si lamenta dello stress. Anzi, probabilmente anche a te che stai cominciando a leggere questo articolo è scappato qualche volta. Sembra quasi che chi non soffre di stress lavorativo non fa nulla durante il giorno. Come se non si potesse ormai svolgere un’attività senza arrivare al limite della sopportazione. Stressa il capo, stressa il troppo carico di lavoro, stressa il collega che si lamenta degli altri o la collega che non manca di ricordarci ad ogni ora che tra lavoro e casa non ha più una vita. Stressa il computer che ogni due per tre si blocca e non ci fa chiudere in orario quel che abbiamo da fare. Stressa la macchinetta del caffè perché se non manca lo zucchero ......

 

Usucapione di posto auto: è possibile?

Pubblicato il: 18-06-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Usucapione o servitù di parcheggio: quali diritti sul posto auto? Hai tranquillamente parcheggiato per anni la tua auto in una determinata area anche se non di tua proprietà. Un bel giorno il proprietario decide di vietare il tuo ingresso nella suo parcheggio impedendoti di lasciare lì l’auto. Può farlo? Oppure non è legittimato perché hai acquistato il diritto di proprietà del posto d’auto per il pacifico e ininterrotto possesso in questi anni? In altri termini, puoi affermare di essere divenuto automaticamente proprietario del parcheggio per averlo usato? Si può acquistare un posto auto per usucapione? Vediamo le risposte che ha dato la giurisprudenza e come e quando si può parlare di usucapione del posto auto o se è ammissibile una servitù di parcheggio. Usucapione: cos’è? L’usucapione è un particolare modo di acquisto della proprietà consistente nel possesso pacifico e ininterrotto di un bene per un periodo di tempo determinato dalla legge. L’acquisto del diritto per usucapione ......

 

Assegno di mantenimento per i genitori

Pubblicato il: 18-06-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Se sono i genitori ad essere in difficoltà, i figli devono provvedere al mantenimento? Vediamo come e in quali casi. Quando si pensa al mantenimento di una persona a noi cara, in genere la prima situazione che viene alla mente è quella nella quale i genitori mantengono i propri figli. Non soltanto dal punto di vista sociale e mediatico, ma anche giuridico, le problematiche legate a figli fannulloni che non lavorano o studiano e pesano sui propri genitori sono state oggetto di numerose sentenze, e ancora oggi sono oggetto di dibattito. La situazione è peraltro ulteriormente aggravata da un periodo storico difficile, con una crisi del mercato del lavoro che colpisce tutte le età, includendo quindi sia i genitori che i figli adulti in una spirale di difficoltà economico – professionali di non immediata risoluzione. Il nostro ordinamento, tuttavia, prevede che il mantenimento dei genitori nei confronti dei figli non sia ......

 

Si dice avvocata o avvocatessa?

Pubblicato il: 18-06-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Quando l’avvocato è donna, bisogna chiamarla avvocato, avvocata o avvocatessa? La parità di genere tra i sessi è argomento di indubbio interesse ai giorni nostri, soprattutto per quanto riguarda il campo delle pari opportunità e del riconoscimento degli stessi diritti fra uomini e donne, sia per quanto riguarda le relazioni interpersonali, sociali e familiari che nel settore lavorativo. Questioni quali il gender gap, le differenze retributive fra uomini e donne, i mancati riconoscimenti in ambito professionale nelle qualifiche superiori alle lavoratrici donne, o le problematiche connesse alle lavoratrici madri sono senz’altro attuali, discusse e rilevanti. Assai spesso, per combattere quella che per molte persone è diventata una vera e propria battaglia, personale ed ideologica, a favore di un femminismo a volte anche abbastanza estremo, si ritiene che il cambiamento possa partire anche dal linguaggio, con un uso mirato dei termini corretti e, dove possibile, declinati al femminile, quasi in una sorta ......

 

Con 37 di febbre devo andare al lavoro?

Pubblicato il: 18-06-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Il lavoratore con una leggera febbre è obbligato ad andare al lavoro o può assentarsi per malattia? Ti sei misurato la temperatura e il termometro segna 37 gradi? Non è detto che tu abbia la febbre: la temperatura di ciascuno di noi, difatti, è leggermente differente; c’è chi percepisce una temperatura di poco superiore ai 37 gradi come normale e chi, invece, inizia a sentirsi male superando i 36,5 gradi. Inoltre, la temperatura può variare anche a seconda della zona del corpo in cui è misurata: così, all’interno dell’orecchio è normale una temperatura pari a 37,5 gradi, mentre se la misurazione avviene in una zona esterna, come l’ascella, è normale una temperatura di 36,5 gradi. Non esiste quindi un valore unico considerato come normale, ma questo può leggermente variare a seconda della persona, della zona corporea di misurazione, dell’attività svolta, dell’ambiente e di ulteriori fattori: in pratica, si ha la febbre quando la ......