Si può dimostrare una violenza psicologica?

Pubblicato il: 20-08-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Una violenza psicologica può essere dimostrata e va sempre denunciata agli organi competenti. Se subisci una violenza psicologica e ti senti depressa/o, avvilita/o, perché non sai come fare per dimostrarla, non preoccuparti: rivolgiti alla procura della repubblica per denunciare ciò che ti è stato fatto (in modo da evitare di continuare a subire) e cerca di fornire una registrazione, delle fotografie o delle testimonianze che dimostrino che ciò che stai raccontando è vero. Vediamo quando una violenza psicologica è punibile penalmente e come si può dimostrare. Violenza psicologica: che reato è? Molte spesso la cronaca nera racconta di ex fidanzati, familiari, o anche soltanto cari amici uccisi brutalmente e, nel corso delle indagini, si scopre che prima di arrivare alla morte le vittime avevano subito delle pressanti violenze psicologiche che, magari, non avevano denunciato per paura di ritorsioni o, semplicemente, perché non sapevano se sarebbero state credute. Il nostro codice penale (che non ......

 

Come farsi emettere un assegno circolare

Pubblicato il: 20-08-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Questo titolo di credito è a copertura garantita e viene emesso dalla banca. Ecco come funziona e come evitare che l’importo dell’assegno venga alterato. Si tratta del metodo di pagamento più sicuro (contanti a parte). L’assegno circolare, infatti, può essere emesso soltanto se chi lo utilizza ha a disposizione la somma indicata e, inoltre, è certificato dalla banca. Non è possibile, dunque, ricevere un assegno circolare scoperto, come potrebbe succedere con altri tipi di assegni. Insomma, è come pagare in contanti attraverso un pezzetto di carta. Ma come farsi emettere un assegno circolare? Vediamo qual è la procedura ed in che cosa consiste. Assegno circolare: come funziona Un assegno circolare è un titolo di credito nominativo. Sul frontespizio riporta il nome di chi paga e di chi riceve il denaro, oltre all’importo. Come farsi emettere l’assegno circolare? Occorre, prima di tutto, andare: nella banca in cui si ha il conto corrente. Qui verrà verificata la ......

 

Cosa studiare per concorso Agenzia delle Entrate

Pubblicato il: 20-08-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

In attesa del bando di assunzione per l’anno 2017, ecco le materie da studiare per il concorso all’Agenzia delle Entrate. La fame di lavoro dilaga in Italia, soprattutto tra giovani e precari. Un’ottima opportunità è quella offerta dal prossimo bando di assunzione dell’Agenzia delle Entrate. L’ultimo concorso risale a due anni fa, quando furono messi a disposizione 892 posti: non pochi, visti i tempi. Per il futuro sono previste ulteriori assunzioni. Vediamo più nel dettaglio cosa studiare per il concorso all’Agenzia delle Entrate. Il precedente concorso del 2015 Con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri [1] sono state autorizzate assunzioni a tempo indeterminato presso il Consiglio di Stato, la Corte dei Conti, il Ministero dell’Interno e l’Agenzia delle Entrate. In tutto si tratta di 800 posti, di cui ben 740 (tra funzionari e dirigenti) destinati all’Agenzia delle Entrate. Da questa cifra, però, ne vanno sottratti oltre 200 assegnati mediante scorrimento nella graduatoria degli ......

 

Come denunciare un poliziotto per omissione di atti di ufficio

Pubblicato il: 20-08-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Per denunciare un’omissione di atti di ufficio puoi rivolgerti alla procura o alle altre autorità competenti. Se un poliziotto si rifiuta di compiere un atto che gli è dovuto (come ricevere un tuo esposto da cui scaturisce un sequestro urgente o una denuncia per maltrattamento di animali) o omette di rispondere (entro 30 giorni) ad una tua richiesta (ad esempio di accesso agli atti amministrativi) senza dare spiegazione circa il suo ritardo, puoi denunciarlo per omissione di atti d’ufficio presso la procura della repubblica o presso gli altri uffici di polizia giudiziaria (carabinieri, polizia, guardia di finanza); devi semplicemente esporre i fatti, oralmente o per iscritto, allegando le eventuali prove in tuo possesso. Cos’è l’omissione atti di ufficio? Il reato di omissione di atti di ufficio si realizza quando: un pubblico ufficiale o un incaricato di un pubblico servizio; entro trenta giorni dalla richiesta di chi vi abbia interesse (che deve essere presentata in forma ......

 

Quanto costa fare un precetto?

Pubblicato il: 20-08-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Quali spese sostenere per intimare ad un soggetto l’adempimento di un obbligo derivante da un provvedimento giudiziale? Una volta ottenuto un provvedimento di condanna nei confronti del nostro debitore, occorre per legge – prima di iniziare una procedura esecutiva – intimare l’adempimento al soggetto e avvertirlo che, in mancanza, si provvederà ad esecuzione forzata. Conosciamo i meccanismi di quest’atto, per poi comprendere realmente quanto ci costa formarlo per poi notificarlo. Cos’è il precetto? Il precetto è un atto di natura giuridica con il quale un soggetto (solitamente creditore di una somma di denaro) intima ad un altro soggetto (solitamente debitore di una somma di denaro) l’adempimento dell’obbligo contenuto in un titolo giudiziale (decreto ingiuntivo, sentenza o ordinanza di condanna) [1]. Per poter procedere con la notifica dell’atto di precetto, occorre che il titolo posseduto dal creditore sia esecutivo e, pertanto, munito della formula rilasciata dalla Cancelleria del Tribunale con il quale si comanda a tutti ......

 

Scuola del figlio: quale scegliere se i genitori non sono d’accordo?

Pubblicato il: 20-08-2017 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

Prevale la scuola privata o quella pubblica nel caso in cui i genitori separati non siano d’accordo sull’istituto scolastico al quale iscrivere il figlio non ancora maggiorenne? Ciascuno di noi potrà avere le sue ragioni per preferire la scuola pubblica o la scuola privata; ma dato che i genitori sono sempre “due”, quando sorge la necessità di iscrivere il figlio a un istituto scolastico è necessario che questi si confrontino tra loro, trattandosi di una scelta che va sempre concordata tra padre e madre. Che succede, però, quando la coppia è separata o divorziata? Deve prevalere la decisione del genitore con cui i bambini convivono oppure quella di chi paga l’assegno di mantenimento? In verità, la decisione dovrebbe essere sempre quella che realizza l’interesse dei figli, tenendo comunque conto delle disponibilità economiche dei genitori. A stabilire quale scuola scegliere per il figlio se i genitori non sono d’accordo è stato, di ......

 

Condominio: via l’amministratore che non fa corsi di aggiornamento

Pubblicato il: 20-08-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

La nomina dell’amministratore condominiale che non ha seguito i corsi di aggiornamento è nulla. Così come il condominio può mancare via l’amministratore che non fa corsi di aggiornamento professionale, allo stesso modo è nulla la delibera dell’assemblea che conferisce la carica al professionista non in regola con detti corsi. Lo fa sapere il Tribunale di Padova con una recente sentenza [1]. Chi ha necessità di sbarazzarsi dell’amministratore di condominio incompetente può chiedere a questi di dimostrare la frequentazione dei corsi di aggiornamento: la mancanza dei “crediti formativi” è infatti una giusta causa per mandare via il professionista. Al momento della nomina pertanto, ciascun condomino può esigere dall’amministratore di dare prova in merito allo svolgimento del corso di aggiornamento previsto dalla normativa. La normativa vigente stabilisce alcuni stringenti requisiti per potere svolgere la professione di amministratore di condominio. Tra questi [2] vi è quello di avere «frequentato un corso di formazione iniziale» e di ......

 

Ostras Beach Lido di Camaiore

Pubblicato il: 20-08-2017 | In : feed, Musica e Spettacolo, Tempo libero

0

Ostras Beach Lido di Camaiore: discoteca, ristorante e spiaggia. Dall’alba al tramonto, dal crepuscolo a notte fonda l’Ostras Beach Lido di Camaiore ti aspetta. Spiaggia e ristorante sul mare, aperitivo e discoteca a Lido di Camaiore hanno un nome solo: Ostras Beach Club. Ostras Beach Lido di Camaiore: informazioni e prenotazioni via SMS o WhatsApp, grazie al servizio che trasforma in giornate e serate da ricordare, le tue prenotazioni nelle migliori discoteche in Versilia sulle più rinomate spiagge tra Forte dei Marmi e Viareggio. Scrivi adesso a ☎ 347.477.477.2 e scopri perché questo è il miglior servizio di info e prenotazioni in Versilia, lodato da numerose recensioni Ostras Beach. Un servizio che fa di www.DiscotecheVersilia.it – ideato e ottimizzato dal seo copywriter N.1 d’Italia – la wikipedia del divertimento tra Viareggio e Forte dei Marmi, Marina di Pietrasanta e Lido di Camaiore. Ostras Beach Lido di Camaiore il Club a 360 gradi. Ostras Beach Lido di Camaiore è un ......

 

Cosa rischia chi usa la password del collega di lavoro?

Pubblicato il: 20-08-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Per giustificare un licenziamento disciplinare, i fatti addebitati devono consistere in una grave violazione degli obblighi del rapporto di lavoro, tale da ledere irrimediabilmente la fiducia del datore. L’uso di internet sul lavoro genera numerosi conflitti tra aziende e dipendenti per via dell’uso personale che questi ultimi spesso fanno della connessione alla rete. Secondo i giudici, non è consentito “perdere tempo” su Facebook, chat o altri siti se non ci sono ragioni di servizio a imporlo. Non per questo, però, si rischia il licenziamento: tale misura deve essere sempre proporzionata alla gravità della condotta posta in tessere e, pertanto, può scattare solo a seguito di numerose connessioni a internet o di richiami. Abbiamo approfondito tale questione nell’articolo Licenziamento per uso eccessivo di internet. Non meno grave, però, per la Cassazione, è il comportamento di chi, pur accedendo a internet per esigenze d’ufficio, lo fa dall’account non proprio, ma del collega di ......

 

Sospensione energia elettrica se non si paga la bolletta?

Pubblicato il: 20-08-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Mancato pagamento bollette e sospensione energia elettrica: serve prima la lettera di costituzione in mora.  Se il cliente non paga entro la scadenza indicata sulla bolletta, il venditore, prima di poter eventualmente sospendere la fornitura, deve costituirlo in mora, inviandogli, all’indirizzo corretto, una raccomandata (non è necessario l’avviso di ritorno) o una Pec che specifichi il termine ultimo di pagamento della bolletta non pagata. Nella raccomandata deve essere indicata anche la data a partire dalla quale il termine è calcolato, specificando se tale data sia quella di emissione della raccomandata o la data del suo invio. Il termine ultimo non può essere inferiore a: 20 giorni solari, se è calcolato dall’emissione della raccomandata da parte del venditore (ossia quando il venditore non può documentare la data di invio) 15 giorni solari, se è calcolato dall’invio della raccomandata da parte del venditore 10 giorni solari, se è calcolato dalla ricevuta di avvenuta consegna al cliente finale della ......