Malattia dipendenti pubblici: chi paga?

Pubblicato il: 24-09-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

Com’è regolata la normativa previdenziale nel settore del pubblico impiego? Quali sono le tutele previste in capo al lavoratore? Negli anni, i vari governi susseguitisi hanno cercato di combattere ciò che ormai è frequente consuetudine nel mondo del lavoro e, in particolare, della Pubblica Amministrazione: il dilagare dell’assenteismo tra i dipendenti. Questo fenomeno crea non pochi disagi alla macchina amministrativa, la quale non solo si trova a dover supplire a mancanze di organico continue, ma anche a gravi disfunzioni economiche e operative, a danno dei principi cardine della Pubblica Amministrazione, quali il buon andamento e l’efficienza della stessa. Ma in tema di malattia dipendenti pubblici: chi paga? In questo articolo, analizzeremo la normativa in materia, quali contributi vengono versati e su chi ricade l’onere del pagamento degli indennizzi. La malattia La malattia è una momentanea incapacità lavorativa del dipendente, pubblico o privato che sia, dovuta ad una patologia che non permette al ......

 

Bonus assunzione studenti apprendisti

Pubblicato il: 24-09-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

Incentivi economici e contributivi per assumere apprendisti di primo livello: chi può beneficiarne, qual è l’ammontare, quali sono le condizioni. I datori di lavoro che assumono con contratto di apprendistato di primo livello possono beneficiare di importanti incentivi economici, amministrativi e contributivi; per i contratti stipulati nel 2020 e nel 2021, poi, le agevolazioni contributive sono ancora più elevate, con diritto all’esonero totale a favore del datore di lavoro. Ma come funziona il bonus assunzione studenti apprendisti? L’agevolazione è rivolta a chi assume, con contratto di apprendistato di primo livello, gli studenti dai 15 ai 25 anni (24 anni e 364 giorni), che intendono ottenere la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore. In primo luogo, è bene precisare che, per stipulare questo contratto, il datore di lavoro deve prima sottoscrivere [1] un protocollo con l’istituzione formativa (ad esempio, la scuola) ......

 

Sfizio abbigliamento, il fascino del made in Italy

Pubblicato il: 24-09-2021 | In : feed

0

L’azienda Plissè spa è una fashion house 100% Made in Italy che da circa 30 anni è un grande fulcro ...

 

Gli addetti del supermercato possono controllare le borse?

Pubblicato il: 24-09-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

Il personale adibito alla sicurezza può ispezionare le buste della spesa? Le guardie giurate possono perquisire? Per tutelarsi da taccheggi e furtarelli vari, gli esercizi commerciali, soprattutto se di grandi dimensioni, si muniscono di appositi sistemi di sicurezza per controllare che i clienti non portino via con sé nulla che non abbiano regolarmente acquistato. Il metodo più comune per scoraggiare i malintenzionati è di installare, all’uscita del negozio, delle antenne antitaccheggio (simili ai metal detector) in grado di rilevare, grazie a una tecnologia magnetica, gli oggetti che sono stati illecitamente sottratti dagli scaffali. Poiché questo sistema di controllo può essere aggirato con qualche escamotage, molti esercizi commerciali pensano di affidare ai propri dipendenti o a guardie giurate appositamente incaricate il controllo della regolarità degli acquisti. Gli addetti del supermercato possono controllare le borse? Sicuramente a tutti sarà capitata una situazione del genere, e cioè che, all’uscita da un grande magazzino, gli ......

 

Capello nel piatto: si può denunciare o non pagare?

Pubblicato il: 24-09-2021 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

Contratto di ristorazione: cos’è, come funziona e quali sono i principali obblighi del ristoratore? Cosa fare se nella pietanza ci sono corpi estranei? Chi entra in un ristorante e siede a un tavolo ha tutto il diritto di ottenere le pietanze che sono indicate nel menu. Nell’esatto momento in cui viene effettuata l’ordinazione, tra ristoratore e cliente si conclude un contratto a tutti gli effetti, in ragione del quale il primo è tenuto a fornire le vivande ai prezzi indicati nel listino, mentre il secondo è obbligato a pagare il conto. Cosa succede se una persona, seduta al tavolo di un ristorante, trova un capello nel piatto? Si può denunciare o non pagare? Sin da subito, va detto che ogni cliente non solo ha diritto alla somministrazione delle pietanze indicate nel menu, ma anche che ognuna di esse sia preparata con ingredienti sicuri, nel rispetto della legge. È chiaro che un capello ......

 

Si può chiedere la revoca del tutore o curatore?

Pubblicato il: 24-09-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

Il tutore o il curatore può essere rimosso dall’incarico che ricopre se non adempie ai propri doveri. L’ordinamento giuridico italiano disciplina due misure di protezione degli interessi personali e patrimoniali di soggetti che si trovano in particolari situazioni di svantaggio, ovvero la tutela e la curatela. Più precisamente, il Codice civile prevede la nomina di un tutore [1] per le persone dichiarate interdette e la nomina di un curatore per coloro che sono stati inabilitati e per i minori emancipati [2]. Ma si può chiedere la revoca del tutore o del curatore? Spetta al giudice tutelare provvedere d’ufficio se ricorrono gravi motivi. Il giudice può rimuovere il tutore o il curatore solo dopo averlo sentito o citato; può tuttavia sospenderlo dall’esercizio della tutela/curatela nei casi che non ammettono dilazione [3]. La revoca è un tipo di sanzione applicabile al tutore o al curatore che abbia violato importanti doveri o condotte; il relativo provvedimento richiama alcuni ......

 

Contratto di assicurazione con clausole dubbie: chi prevale?

Pubblicato il: 24-09-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

Se l’interpretazione è incerta, vale quella più favorevole all’assicurato: così la compagnia paga i danni. Un cane a passeggio sfugge al guinzaglio, si mette a correre e getta a terra un passante, che cade e riporta lesioni. Nessun problema: c’è l’assicurazione che copre, dice il padrone. Ma sarà davvero così? No, perché il contratto esiste davvero, ma la compagnia sfugge al risarcimento invocando una clausola “capestro” a proprio favore, che la esenta da responsabilità. Il danneggiato esamina attentamente la polizza insieme al suo avvocato e si scopre che in realtà quella clausola si presta a diverse interpretazioni. Ovviamente, la compagnia assicuratrice sceglie quella che le è più favorevole e si rifiuta di pagare. Ma non è detta l’ultima parola: quando, come in questi casi, c’è un contratto di assicurazione con clausole dubbie, chi prevale? Viste le opposte posizioni, bisogna innanzitutto promuovere una causa civile: sarà il giudice a decidere quale significato attribuire ......

 

Affido anziano

Pubblicato il: 24-09-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

Come i minori, anche gli anziani in difficoltà possono essere affidati a famiglie, coppie o singoli, che ne hanno fatto specifica domanda. Non tutti sanno che in diversi Comuni italiani, in attuazione di una specifica normativa regionale e di concerto con l’Azienda sanitaria locale di riferimento, è stato attivato un servizio di affidamento familiare anziani. Si tratta di un’opportunità alternativa al collocamento in strutture residenziali per anziani soli o che non possono essere adeguatamente assistiti nell’ambito della famiglia di appartenenza. Il servizio di affido anziano è stato appositamente pensato per consentire al soggetto che ne beneficia di rimanere il più a lungo possibile nel proprio domicilio e di ricevere un aiuto concreto nella gestione di piccole incombenze quotidiane come ad esempio accompagnamenti dal medico, spesa, ecc. Di solito, l’affido anziano viene attivato su specifica istanza della persona che versa in stato di bisogno. La scelta dell’affidatario viene effettuata tra le famiglie, le coppie ......

 

Oltraggio a pubblico ufficiale: cosa bisogna sapere

Pubblicato il: 24-09-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

Offese a poliziotti, carabinieri, vigili, medici, insegnanti e altri pubblici ufficiali: quando scatta il reato e quando invece le critiche sono lecite.  Affinché si abbia oltraggio a pubblico ufficiale non basta offendere o deridere un poliziotto, un carabiniere, un medico dell’ospedale, un insegnante, un dipendente del Comune e via dicendo: è necessario farlo mentre questo sta svolgendo le proprie funzioni e proprio a causa di tali funzioni. E, soprattutto, occorre la presenza di almeno due persone estranee alla vicenda: persone che potrebbero anche essere semplici passanti in grado di ascoltare le parole dette all’indirizzo della vittima.  Risultato: non ci può essere oltraggio a pubblico ufficiale nel caso in cui le parti si trovino al riparo di orecchie indiscrete.  L’argomento merita un approfondimento. Ecco allora cosa bisogna sapere sull’oltraggio a pubblico ufficiale. Oltraggio a pubblico ufficiale: quali condizioni Per potersi consumare il reato di oltraggio a pubblico ufficiale sono necessarie una serie di condizioni: la frase offensiva; il ......

 

Dpcm: fatta luce sulla loro incostituzionalità

Pubblicato il: 24-09-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

La Corte costituzionale si pronuncia sui decreti anti-Covid firmati da Conte nel 2020 che impedivano ai cittadini la libera circolazione. Chi doveva parlare ha finalmente parlato. Tutto il resto, direbbe Califano, «è noia». La Corte costituzionale si è pronunciata sull’eventuale illegittimità dei mai dimenticati Dpcm anti-Covid firmati lo scorso anno da Giuseppe Conte nella veste di presidente del Consiglio. Provvedimenti di contenimento della pandemia che costringevano gli italiani a restare a casa, a tenere chiusa la propria attività, ad osservare il coprifuoco, a non uscire dal Comune o dalla Regione, ecc. Erano i tempi del lockdown e in molti si chiedevano se un capo di Governo, attraverso un decreto, si prendeva il potere di legislatore e la facoltà di imporre ai cittadini delle restrizioni alle loro libertà. Questioni che erano giunte sul tavolo della Corte costituzionale e alle quali i magistrati hanno appena risposto dicendo che non c’è stata alcun abuso di ......