Quali sono i doveri per i genitori che si separano

Pubblicato il: 19-06-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

I principali doveri dei genitori separati, in regime di affidamento condiviso, riguardano il mantenimento, l’educazione, l’istruzione e l’assistenza morale. Nel momento in cui i genitori si separano mantengono gli stessi diritti e doveri sui figli. La regola infatti vuole che il giudice non modifichi la situazione preesistente alla separazione che vede sia la madre che il padre esercitare al potestà genitoriale sul minore. Così viene disposto il cosiddetto «affidamento condiviso» e solo quando ciò può essere di ostacolo a una sana crescita dei bambini l’«affidamento esclusivo» a uno solo dei due. Non cessano neanche i doveri di mantenimento dei figli (minori e maggiorenni non ancora autosufficienti), quelli di assistenza morale, di istruzione ed educazione, di mantenere significativi contatti anche in caso di collocazione dei minori presso il domicilio dell’ex coniuge. Ma procediamo con ordine e vediamo quali sono i doveri per i genitori che si separano. Affidamento dei figli Anche dopo la separazione ......

 

Fideiussione e garanzia a prima richiesta: differenze

Pubblicato il: 19-06-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Attenzione alle clausole della fideiussione: la garanzia a prima richiesta obbliga il garante in via autonoma e indipendente rispetto al debitore principale.   I contratti (per esempio quelli bancari) possono prevedere una fideiussione, cioè una garanzia prestata da un terzo, il quale si obbliga personalmente nei confronti del creditore garantendo l’adempimento del debitore. La fideiussione ha carattere accessorio rispetto al rapporto principale tra creditore e debitore sicché essa segue le sorti di quest’ultimo. In particolare: la fideiussione è valida solo se è valida l’obbligazione principale garantita e non può eccedere quanto è dovuto dal debitore né essere prestata a condizioni più onerose; il fideiussore è obbligato in solido con il debitore, a meno che non sia previsto il beneficio della preventiva escussione (secondo il quale il creditore agisce prima nei confronti del debitore e solo in subordine, qualora insoddisfatto, nei confronti del garante); il fideiussore può opporre al creditore tutte le eccezioni che poteva opporre il debitore ......

 

Il condominio può vietare le zanzariere?

Pubblicato il: 19-06-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

È esclusa la violazione dell’estetica del palazzo se la zanzariera è dello stesso colore delle ringhiere e degli infissi. Quali autorizzazioni ci vogliono per montare una zanzariera su finestre e balconi in un palazzo condominiale? Nessuna. Chi intende montare una rete per proteggersi da mosche, zanzare e altri insetti può farlo in autonomia senza dover prima chiedere il permesso all’assemblea o tantomeno all’amministratore. Deve però sapere che se la zanzariera lede l’estetica della facciata il condominio ne può chiedere la rimozione. Ed è proprio questo il punto più dibattuto: quando la zanzariera si può dire contraria al cosiddetto «decoro architettonico»? Di tanto si è occupata una recente pronuncia Tribunale di Milano [1]. Il cuore della sentenza è abbastanza semplice e ricalca un precedente dello stesso foro (leggi Per installare una zanzariera ci vuole il permesso del condominio?): salvo che il regolamento disponga diversamente, quando la zanzariera è in tinta con le ......

 

FUT 17 QUIZ

Pubblicato il: 19-06-2017 | In : feed, Internet e Siti Web

0

Postata la recensione su fut 17 quiz disponibile gratuitamente per smartphone e tablet con il download dell'applicazione fut 17 quiz gratis su apps.kik.com ...

 

Rottamazione cause fiscali anche contro Regioni e Comuni

Pubblicato il: 19-06-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Definizione agevolata delle cause fiscali approvata dalla Manovrina 2017: ecco le novità. Approvata definitivamente la cosiddetta “Manovrina” [1], a breve in Gazzetta Ufficiale, e con essa la rottamazione delle liti contro il Fisco. Rispetto al testo di legge precedente, per effetto delle modifiche approvate, la rottamazione è estesa anche alle liti contro gli enti territoriali (Regioni e Comuni). In particolare tali enti dovranno deliberare, entro il 31 agosto 2017, l’adesione o meno all’istituto della definizione agevolata. Grazie all’estensione agli enti territoriali, sarà possibile ottenere la definizione agevolata non più solo delle liti contro l’Agenzia delle Entrate ma anche di quelle contro Regioni e Comuni (aventi ad oggetto, per esempio, bolli auto, Imu, Ici, Tasi, Tosap ecc.). Come funziona la definizione agevolata delle liti fiscali La legge prevede che il contribuente possa definire le controversie contro l’Agenzia delle Entrate e gli Enti Territoriali, pendenti presso le commissioni tributarie, in ogni stato e grado del giudizio, compreso quello ......

 

Voucher: i presto e gli altri contratti che li sostituiscono

Pubblicato il: 19-06-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Quali contratti sostituiscono i voucher: presto, libretto famiglia, part time ridotto, lavoro a chiamata.  L’abolizione dei voucher, cioè dei buoni lavoro, ha causato un vero e proprio terremoto per le aziende, che non riescono a trovare una forma altrettanto flessibile per inquadrare i lavoratori occasionali. Stanno per diventare operativi, è vero, i nuovi presto (contratti di prestazione occasionale) e il libretto telematico per le famiglie: tuttavia, questi nuovi strumenti non possono essere utilizzati da tutti i datori di lavoro e presentano numerosi limiti rispetto ai vecchi voucher. Restano, però, dei contratti esistenti da tempo, che possono essere una valida alternativa ai buoni lavoro, anche se più costosi: il contratto di lavoro a chiamata, il contratto di somministrazione e il part time senza orario minimo. Facciamo dunque il punto della situazione sui voucher e sui contratti che meglio si prestano alla loro sostituzione. Nessun contratto sostituisce completamente i voucher, ma qualche contratto ha dei punti in ......

 

Inaugurazione Beach Club

Pubblicato il: 19-06-2017 | In : feed, Musica e Spettacolo, Tempo libero

0

Inaugurazione Beach Club Versilia. Inaugurazione Beach Club Forte dei Marmi: EMOTION con Renèe La Bulgara da M20 Da Mercoledì 21 Giugno, apre il Mercoledì Beach Club. Inaugurazione Beach Club e altre serate in programma, info e prenotazioni via SMS o WhatsApp:  347.477.477.2 per avere tutte le informazioni che ti occorrono, i prezzi, le disponibilità e le formule direttamente sul tuo cellulare. L’estate in Versilia 2017 del Beach Club di Forte dei Marmi entra nel vivo mercoledì 21 Giugno con EMOTION, il Merc­oledì che da 9 stagi­oni fa ballare e div­ertire il pubblico di tutta Italia. Inaugurazione Beach Club Forte dei Marmi: il mercoledì che fa ballare la Versilia fino a settembre. Appuntamento fisso fino a settembre, Il Mercoledì firmato Be­ach Club è diventato un’istituzione per tutti gli appassiona­ti di buona musica che amano divertirsi in una location mozz­afiato, che si affaccia sul litorale più glamour di Forte dei Marmi. Inaugurazione Beach Club e tutti i mercoledì Versilia in diretta ......

 

Che rischia chi si approfitta di un incapace?

Pubblicato il: 19-06-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Annullamento del contratto, circonvenzione di incapace e violenza sessuale sono tre delle possibili conseguenze per chi si approfitta di una persona incapace, interdetta, inabilitata, deficiente o minore d’età. Può avvenire che, allo scopo di realizzare i propri propositi e vantaggi economici, persone senza scrupoli si approfittino di soggetti con una limitata capacità d’intendere e volere. In questi casi, però, la legge offre delle tutele che vanno dall’ambito civile (ad esempio l’annullamento del contratto) a quello penale (ad esempio l’incriminazione per circonvenzione di incapace). Tali tutele possono essere azionate da chi è preposto alla cura e alla sorveglianza del soggetto in condizioni di inferiorità psichica nonché da quest’ultimo stesso (sebbene più difficilmente atteso che proprio la sua condizione non gli consente di comprendere di essere stato vittima di un raggiro o un abuso). Ma chi è l’incapace? Perché si possa essere accusati di abuso di un incapace è necessario che quest’ultimo sia ......

 

Cartella esattoriale non notificata: entro quanto tempo va impugnata?

Pubblicato il: 19-06-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

L’impugnazione contro una cartella di pagamento non notificata, conosciuta solo mediante la stampa dell’estratto di ruolo da parte dell’Agente della riscossione, va ugualmente impugnata entro 60 giorni. Chi chiede un estratto di ruolo e nell’elenco trova l’indicazione di una o più cartelle di pagamento che in realtà non ha mai ricevuto ha solo 60 giorni, da quel momento, per fare ricorso al giudice. Questo perché, secondo una recente e interessante sentenza della Cassazione [1], per impugnare una cartella esattoriale non notificata, ma conosciuta solo con l’estratto di ruolo, i termini per l’impugnazione decorrono dal rilascio del documento da parte del concessionario. Diverso è invece il discorso per chi non ha chiesto l’estratto di ruolo (perché magari neanche sospetta che un atto gli sia mai stato notificato); in tal caso c’è sempre tempo per il ricorso, potendo il giudizio essere avviato successivamente contro l’eventualmente pignoramento. Ma procediamo con ordine e vediamo entro quanto ......

 

Bollettino Casellario Unico Telematico Imprese, cos’è? va pagato?

Pubblicato il: 19-06-2017 | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

Il mese di Giugno è periodo di pagamento tasse per le aziende e proprio in questo contesto si inseriscono delle pseudo-aziende che cercano di vendervi un abbonamento ad un fantomatico Casellario Unico Telematico Imprese spacciandolo per una tassa da corrispondere alla camera di commercio. Sono migliaia le persone che possiedono una PIVA che in questi mesi stanno ricevendo questo tipo di bollettino postale. Cerchiamo di capire in questo articolo cos’è, di cosa si tratta e soprattutto se dobbiamo pagarlo o meno visto che si parla di circa 300 euro. Ecco come si presenta il bollettivo(facsimile): Casellario Unico Telematico Imprese: Cos’è? va Pagato? La domanda che molti si pongono è proprio il quesito che ci siamo posti anche noi. E’ una ulteriore tassa da pagare che il mio commercialista aveva omesso di dirmi? La risposta è ASSOLUTAMENTE NO, NON E’ UNA TASSA. A dare una risposta chiara e netta ci ha pensato proprio la Camera di ......