Nicola Fasano pubblica “Another Round”, in collaborazione con Pitbull, Alex Guesta e …

Pubblicato il: 19-01-2018 | In : feed, Musica e Spettacolo

Tag:

0

Kumusic, agenzia italiana che da tempo fa crescere e conoscere dj, club, agenzie di management, festival, label ed altre legate allo show business, continua la sua partnership con Nicola Fasano, uno dei dj producer italiani più noti ed attivi nel mondo. ...

 

Viareggio: discoteche, serate e locali

Pubblicato il: 18-01-2018 | In : feed, Musica e Spettacolo, Tempo libero

0

Giovedì, Venerdì e Sabato a Viareggio: tutti al Maki Maki. Info e prenotazioni Maki Maki Viareggio: ☎ 347.477.477.2 (Luca, anche via SMS o WhatsApp). Le tue serate nella Darsena di Viareggio sono firmate Maki Maki. Se cerchi un locale per uscire e divertirti a Viareggio la risposta è una sola: il Maki Maki. L’unica discoteca della Darsena viareggina è anche il locale più gettonato del Vialone. Perché se Viareggio è una delle località più conosciute della Toscana, la Darsena e in particolare il Maki Maki sono l’epicentro del suo divertimento. Scopri il locale e le serate, attraverso le parole del copywriter che ne ha fatto uno dei locali più importanti della costa. Maki Maki Viareggio, l’unica tra le discoteche Versilia con 3 serate aperte tutto l’anno. Tutti i Giovedì, Venerdì e Sabato il Maki Maki ti aspetta con le sue serate ad alto tasso di divertimento. Ogni serata inizia alle 21 con la cena e continua con la discoteca, in un vortice ......

 

Banche italiane a rischio: quali sono?

Pubblicato il: 18-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Gli istituti di credito non sono immuni alla crisi: come si salvano? Ecco le banche commissariate di recente e come scegliere la banca giusta. La crisi non colpisce solo i consumatori o le aziende. La crisi morde anche le banche ed il sistema che le regge, al punto di portarle sull’orlo del fallimento, se non fosse per gli interventi legislativi che provvedono al loro salvataggio. Uno su tutti, il bail-in, cioè il meccanismo voluto dall’Unione europea [1] ed entrato in vigore in Italia il 1 gennaio 2016 per risolvere la crisi di una banca coinvolgendo tutti i soggetti interessati: azionisti, obbligazionisti, correntisti. Tuttavia, questo sistema non basta per far dormire tranquilli i risparmiatori italiani. Di casi di banche in difficoltà o sull’orlo del baratro ne abbiamo sentito parlare negli ultimi tempi (anche con qualche strascico di polemica politica, come nel caso di Banca Etruria). Ma ci sono ancora delle banche italiane a rischio? ......

 

Come cambiare il medico di famiglia

Pubblicato il: 18-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Il medico di famiglia può essere sostituito con uno di quelli inseriti negli elenchi dell’Asl di appartenenza. Il cambio va motivato. La figura del medico condotto (così definito prima dell’istituzione del Servizio Sanitario Nazionale avvenuta nel 1978) riveste un ruolo chiave all’interno di ogni famiglia italiana. Vero punto di riferimento per ogni esigenza sanitaria, non è infrequente il caso in cui si decida di sostituire il precedente medico di base oppure, a causa del cambio di residenza, se ne debba scegliere uno. Poiché le procedure sono sostanzialmente identiche, vedremo prima come scegliere e poi come cambiare il medico di base. Come cambiare medico di base: l’elenco dei medici curanti Il primo passo è quello di consultare gli elenchi dei medici convenzionati con il Servizio sanitario nazionale presso l’Asl di appartenenza. Alcuni distretti sanitari provvedono alla pubblicazione di queste liste sul proprio portale internet, rendendo molto agevole la consultazione. Individuato il nominativo, la scelta dovrà essere ......

 

Pensione anticipata per i nati nel 52

Pubblicato il: 18-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Pensione anticipata per i nati sino al 1952: chi ne ha diritto, come richiederla, quando avviene l’uscita dal lavoro. Per i lavoratori del settore privato è ancora aperta la possibilità di usufruire di una speciale pensione anticipata, che consente di uscire dal lavoro a 64 anni: questa possibilità, conosciuta col nome di salvacondotto per i nati nel 52, è stata prevista dalla legge Fornero [1].Inizialmente, quest’agevolazione era stata negata a molti potenziali beneficiari, per via di alcune circolari emanate dall’Inps che ne restringevano il campo di applicazione: in seguito, però, il Ministero del lavoro interpretato la normativa in modo più elastico, di conseguenza l’Inps ha ammesso al beneficio nuovi lavoratori. Sono stati ad esempio ammessi coloro che raggiungono il requisito contributivo richiesto considerando i contributi volontari, quelli figurativi e da riscatto. Ma procediamo per ordine e cerchiamo di capire come funziona la pensione anticipata per i nati nel 52, alla luce degli ......

 

Pensione anticipata lavori usuranti, quando si presenta la domanda?

Pubblicato il: 18-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Entro quale data deve essere presentata la domanda di pensione per gli addetti ai lavori usuranti e ai turni notturni?  Domanda all’Inps entro il 1° maggio 2018 per chi, addetto ai lavori usuranti o lavoratore notturno, matura i requisiti per la pensione di anzianità con le quote nel 2019. Per chi matura i requisiti nel 2018, invece, la data di presentazione dell’apposita domanda di certificazione dei requisiti all’Inps è già passata: la scadenza era difatti fissata al 1° maggio 2017. Si ha comunque diritto alla liquidazione della pensione, ma in ritardo, a seconda del ritardo nella presentazione dell’istanza. Ma procediamo per ordine e vediamo chi ha diritto alla pensione anticipata per lavori usuranti e notturni, quali sono gli adempimenti per richiederla e quando si presenta la domanda. Chi sono gli addetti ai lavori usuranti? Gli addetti ai lavori usuranti sono coloro che svolgono una delle mansioni, particolarmente logoranti, elencate in un noto decreto del ......

 

Cosa prevede il jobs act sul licenziamento dell’apprendista

Pubblicato il: 18-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Lavori in un’azienda come apprendista e ti chiedi se il tuo datore possa licenziarti prima della fine del contratto: ecco la risposta  Il lavoro è molto cambiato negli ultimi anni, soprattutto dopo l’entrata in vigore del tanto discusso jobs act, che per i sostenitori ha reso le regole del lavoro più snelle, per i detrattori ha soltanto reso più facili i licenziamenti dei lavoratori, vanificando tutte le conquiste fatte con l’articolo 18. Fatto sta che oggi per un datore di lavoro che voglia licenziare un proprio dipendente valgono regole diverse e, checché se ne dica, è tutto un po’ più semplice. Per questo ti stai chiedendo, dal momento che sei stato assunto con un contratto di apprendistato, di quale morte (professionale si intende) dovrai morire. Quale sorte ti toccherà, entro quali limiti il tuo datore potrà licenziarti e tu potrai opporti. In pratica ti chiedi cosa prevede il jobs act sul ......

 

Che accade se il commercialista non inoltra la dichiarazione

Pubblicato il: 18-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Può accadere che il commercialista non presenti la dichiarazione dei redditi: il cliente risponde quasi sempre dell’omissione. Può accadere che il nostro commercialista di fiducia non presenti la dichiarazione dei redditi. Il caso più frequente è quello in cui il commercialista non inoltra secondo le dovute modalità telematiche la dichiarazione dei redditi. In questo caso il cliente risponde dell’omissione a vario titolo. Innanzitutto, quando il commercialista non inoltra la dichiarazione dei redditi, il contribuente sarà oggetto di un avviso di accertamento. L’avviso di accertamento quantificherà le tasse dovute, ed applicherà le sanzioni proporzionali. In alcuni casi, poi, la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi da parte del commercialista fa scattare un illecito penale, cioè un reato, di cui risponde il cliente [1]. Vediamo quando del reato risponde il cliente. Quando il cliente incarica il commercialista anche del pagamento delle tasse Il cliente del commercialista che non ha inoltrato la dichiarazione dei redditi risponde sempre dell’illecito penale ......

 

Naspi, come si calcola la disoccupazione?

Pubblicato il: 18-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Qual è il procedimento di calcolo per determinare ammontare e durata dell’indennità di disoccupazione Naspi? Il calcolo dell’indennità di disoccupazione Naspi, che è operativa da maggio del 2015, segue delle regole differenti rispetto alle precedenti indennità di disoccupazione Aspi, Mini Aspi, Ds  e Ds a requisiti ridotti, sia per quanto riguarda l’ammontare che la durata. Queste regole sono state spiegate, nel dettaglio, da una lunga circolare dell’Inps [1]: cerchiamo di riassumerle brevemente. Calcolo ammontare Naspi Per quanto riguarda il calcolo della misura mensile della Naspi, l’ammontare dell’indennità si ottiene: sommando gli imponibili previdenziali (in busta paga, sotto la voce imponibile Inps) degli ultimi 4 anni, comprensivi degli elementi continuativi e non continuativi e delle mensilità aggiuntive; dividendo il risultato per le settimane di contribuzione, indipendentemente dalla verifica del minimale; nel calcolo sono considerate tutte le settimane, indipendentemente dal fatto che esse siano interamente o parzialmente retribuite; moltiplicando il tutto per 4,33. Se l’importo che si ottiene è ......

 

Pensione, si abbassa se mi metto in proprio a fine carriera?

Pubblicato il: 18-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Chi decide di iscriversi alla gestione commercianti alla fine della vita lavorativa riceve una pensione più bassa? Non lavori più come dipendente, ti mancano pochi anni alla pensione e stai pensando di aprire un’attività per conto tuo? Una volta diventato imprenditore, devi sapere che sei obbligato a iscriverti alla gestione Inps commercianti e a versare i contributi previdenziali obbligatori. Questi contributi, però, non possono abbassare la tua retribuzione media pensionabile, quindi non diminuiscono la pensione: la contribuzione versata presso la gestione previdenziale Inps commercianti, difatti, non influisce sulla contribuzione versata nel fondo pensione lavoratori dipendenti, a meno che non sia il lavoratore, volontariamente, a chiedere la ricongiunzione dei contributi (che, peraltro, è a titolo oneroso). Nella generalità dei casi, invece, il lavoratore può usufruire del cumulo gratuito dei contributi, cioè della possibilità di sommarli gratuitamente ai fini del diritto alla pensione. In particolare, chi possiede contributi presenti nel fondo pensione lavoratori dipendenti (Fpld) ......