Prescrizione contributi Inps, quando

Pubblicato il: 17-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Qual è il termine entro cui si prescrivono i contributi previdenziali da versare all’Inps? Il versamento dei contributi previdenziali è un obbligo al quale devono adempiere sia i datori di lavoro, nei confronti dei dipendenti e dei collaboratori (cococo), sia i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, agricoltori, liberi professionisti). Tuttavia anche per i contributi non versati esiste un termine di prescrizione, cioè un termine decorso il quale i contributi non possono essere più richiesti indietro, né dall’Inps, né dall’interessato: la disciplina della prescrizione dei contributi Inps dei lavoratori dipendenti e dei collaboratori presenta, però, delle differenze, rispetto alla disciplina dei contributi da lavoro autonomo. Vediamo allora quando si verifica la prescrizione dei contributi Inps. Prescrizione contributi Inps lavoro dipendente I contributi obbligatori dei lavoratori dipendenti si prescrivono, in via generale,  in cinque anni dalla data in cui sarebbero dovuti essere versati (il termine, in base alla Legge Dini [1], è valido dal primo gennaio 1996). Trascorsi ......

 

Five Nights At Freddys

Pubblicato il: 17-04-2018 | In : feed, Internet e Siti Web

0

Five Nights At Freddys per iPhone/iPad e Windows Phone. ...

 

NASpI: quando è compatibile con altri redditi?

Pubblicato il: 17-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Alcuni casi pratici in cui il lavoratore percettore di NASpI conserva comunque l’indennità di disoccupazione in caso percezione di altri redditi Ti trovi in NASpI (Nuova assicurazione sociale per l’impiego) e hai difronte a te la possibilità di poter iniziare un nuovo lavoro o guadagnare qualcosa extra per arrotondare lo stipendio mensile. Ti sarai chiesto se sei tenuto a comunicare tali redditi e nel caso se potranno in qualche modo ostacolare l’erogazione dell’indennità di disoccupazione. Iniziamo col dire che esistono una moltitudine di redditi che si comportano in maniera differente in caso di concomitanza di NASpI. Basti pensare per esempio ai compensi derivanti da borse di studio, ai redditi derivanti dallo svolgimento di attività sportiva dilettantistica o più semplicemente al lavoro occasionale. Quando la NASpI è compatibile con altri redditi? Va comunicato sempre il reddito extra percepito o solo in taluni casi o soglie di reddito? Quali sono i tempi per comunicare ......

 

Trattamento fiscale dei contributi di previdenza obbligatoria e integrativa

Pubblicato il: 17-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

In che modo e sino a quale importo i contributi previdenziali si possono dedurre dalle tasse? I contributi previdenziali non sono “soldi buttati”: non soltanto perché servono ad incrementare la pensione futura, ma anche perché possono essere dedotti dal reddito, consentendo dunque di pagare meno tasse. Non tutti i contributi possono essere sottratti interamente dal reddito da assoggettare alle imposte, però: alcuni, come i contributi destinati alla previdenza complementare, sono dedotti sino a un tetto massimo, mentre altri, come i contributi da riscatto versati per un familiare che non ha mai lavorato, diminuiscono direttamente l’imposta dovuta (in quanto si applica una detrazione del 19%). Nei casi in cui il contribuente sia incapiente o non abbia reddito, poi, i contributi non dedotti vanno persi e non danno luogo a credito d’imposta. Ma procediamo per ordine e vediamo, nel dettaglio, come funziona il trattamento fiscale dei contributi di previdenza obbligatoria e integrativa. Deduzione contributi previdenziali obbligatori I contributi ......

 

Assunzione di giovani: indicazioni dell’Inps sui benefici

Pubblicato il: 17-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

I chiarimenti su come usufruire degli incentivi sui contratti di ragazzi tra 16 e 29 anni. L’importo dell’agevolazione e la procedura da seguire. Più incentivi per le imprese, che si dovrebbero tradurre in maggiori opportunità di lavoro per i giovani. Almeno in linea di principio, questo è lo scopo del programma Garanzia Giovani su cui l’Inps ha reso pubbliche le indicazioni operative sui benefici [1], cioè il modo in cui le aziende possono beneficiare delle agevolazioni per l’assunzione di giovani di età compresa tra 16 ed i 29 anni. Una sorte di «istruzioni per l’uso» in modo che tutti siano consapevoli dei vantaggi e dei limiti di questo provvedimento. Si va dagli esoneri contributivi alla procedura da seguire quando si prende un ragazzo in organico, alla cumulabilità con altri benefici. Vediamo, quindi, sull’assunzione di giovani, le indicazioni dell’Inps sui benefici. Assunzione di giovani: chi ha diritto alle agevolazioni Nelle sue indicazioni operative, l’Inps ......

 

Riscatto della laurea: quando conviene?

Pubblicato il: 17-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Calcoli sull’onere da sostenere per il riscatto della laurea: conviene o non conviene? Ecco alcuni esempi pratici I tempi per accedere alla pensione si allungano sempre di più e le generazioni attuali si portano dietro le conseguenze della Manovra Salva-Italia [1], ribattezza «lacrime e sangue», che ha pesantemente inasprito le norme del sistema previdenziale italiano. Come possono gli italiani, in un contesto come quello attuale, porre rimedio all’aumento dell’età anagrafica per accedere alla pensione di vecchiaia e all’incremento dei requisiti contributivi per godere della pensione anticipata? Una soluzione c’è. Forse è un po’ dispendiosa, ma sicuramente è possibile avvicinare l’età pensionistica e incrementare anche l’importo della pensione stessa. La soluzione si chiama riscatto della laurea, uno strumento che permette ai laureati (e vedremo anche quali) di rendere più agevole l’accesso alla pensione riscattando gli anni di studi passati tra i banchi delle aule universitarie. Purtroppo il costo per il riscatto non è ......

 

App digitali: lavorare senza un lavoro

Pubblicato il: 17-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Come funzionano le prestazioni occasionali con le applicazioni: consegne, piccole riparazioni, commissioni. Quando vengono pagate e cosa dice la legge. La crisi del mercato del lavoro obbliga spesso a fare di necessità virtù. A fare propria una delle qualità per cui l’Italia è diventata famosa in tutto il mondo: l’arte di arrangiarsi. A consolarsi pensando che quel poco che si ha è sempre «meglio di niente». Insomma, ad accettare un mestiere precario che oggi c’è, domani non si sa e dopodomani ci può essere ancora. È come lavorare senza un lavoro, perché non si può dire che si stia del tutto fermi, occorre dare piena disponibilità quando si viene chiamati ma non c’è la sicurezza di portare a casa uno stipendio decente alla fine del mese. Queste attività precarie si sono moltiplicate con lo sviluppo delle nuove tecnologie e, in particolare, delle app. Se una volta per arrotondare si faceva il cameriere ......

 

Assenza ingiustificata dal lavoro: sanzioni disciplinari

Pubblicato il: 17-04-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Per il licenziamento è necessario valutare le ragioni del dipendente che lo hanno portato ad assentarsi dal lavoro e l’eventuale richiesta di ferie non riscontrata dall’azienda. Non è sempre possibile trovare un compromesso tra le esigenze dell’azienda e quelle del lavoratore. Potrebbe ad esempio capitare che questi si debba assentare senza avere il tempo di avvisare il capo o che, nonostante la richiesta di ferie, l’ufficio del personale non abbia risposto. In tutti questi casi, se il dipendente fosse malato non ci sarebbero problemi perché basterebbe andare dal medico curante e farsi rilasciare il certificato da inviare all’Inps. In tutte le altre ipotesi invece si diventa assente ingiustificato. Il fenomeno è tutt’altro che raro e costituisce una delle principali cause di licenziamento del dipendente. Licenziamento tuttavia che non può essere automatico ma va valutato sulla base delle concrete circostanze, delle ragioni che hanno portato il dipendente ad assentarsi e del comportamento ......

 

La carbossiterapia contro la cellulite

Pubblicato il: 17-04-2018 | In : feed

0

Uno dei trattamenti estetici più efficaci nei confronti della cellulite è la carbossiterapia, una tecnica che ha il pregio di garantire effetti che durano a lungo nel tempo e che si basa su una sostanza che tutti noi conosciamo: l’anidride carbonica. I vantaggi offerti dal ricorso all’anidride carbonica sono molteplici: essa è naturale, anallergica e non tossica. Il nostro stesso corpo produce l’anidride carbonica in virtù del metabolismo cellulare: poi, con la respirazione, la eliminiamo. La carbossiterapia sfrutta l’anidride carbonica per incentivare il microcircolo dei glutei, delle cosce e delle gambe: in questo modo, si previene la ricomparsa della cellulite e si usufruisce di una gestione più facile del pannicolo adiposo. Come funziona la carbossiterapia Se si è alla ricerca di una figura professionale esperta in carbossiterapia è sufficiente recarsi sul sito www.mariarosariaserra.it. Ma come funziona questa tecnica? Tutto dipende da un ago estremamente sottile, attraverso il quale l’anidride carbonica viene inserita nel sottocutaneo dei glutei, delle cosce ......

 

I criteri di priorità per la gestione dei rifiuti

Pubblicato il: 17-04-2018 | In : feed

0

Pensare ai rifiuti come a qualcosa di cui ci si deve sbarazzare al più presto è uno sbaglio che può danneggiare non solo l’ambiente ma anche il portafoglio: essi, invece, vanno considerati come delle risorse che meritano di essere valorizzate e gestite in modo adeguato, in modo tale che nel corso del tempo sia possibile assicurare un approvvigionamento di energia e di materiali prolungato e sostenibile. Un report dello United Nations Environment Programme di recente ha stabilito che gli obiettivi di riciclo nella prospettiva di un’economia green entro il 2050 presuppongono il riciclo del 100% dei rifiuti elettronici, del 34% dei rifiuti urbani e del 15% dei rifiuti industriali; si dà per sottinteso che la frazione organica sia, a sua volta, recuperata al 100%, o per la produzione di energia o per la produzione di compost. Stando allo stesso rapporto, il riciclo dei rifiuti è da considerare uno degli ambiti di maggior rilievo dal punto di vista delle potenzialità ......