Manutenzione del sottotetto: le spese spettano a tutti i condomini?

Pubblicato il: 20-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

In un condominio di otto piani vi è un sottotetto comune che copre gli ultimi piani e che, coibentato all’epoca della costruzione (50 anni fa) ora si è ammalorato, creando squilibri ai condomini che hanno gli appartamenti sottostanti freddi. L’assemblea ha rifiutato la spesa, chiedendo ai condomini dell’ultimo piano di provvedere a spese loro. Dal momento che la coibentazione era stata fatta all’atto della costruzione, l’assemblea può rifiutare l’intervento? Negli anni nulla è stato fatto. L’amministratore può agire “motu proprio” ? Ai sensi dell’articolo 1117 del codice civile (come modificato nel 2012), i sottotetti sono considerati parti comuni dell’edificio la cui manutenzione, di conseguenza, sarà di competenza dell’intero condominio, solo qualora siano destinati, per le caratteristiche strutturali e funzionali, all’uso comune. In ragione di ciò, dunque, nelle ipotesi in cui il sottotetto sia esclusivamente destinato a servire da protezione e isolamento per le unità immobiliari dell’ultimo piano, esso viene considerato di regola ......

 

Equo indennizzo e causa di servizio: presupposti per procedere

Pubblicato il: 20-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Sono militare transitato in ruolo civile (contro la mia volontà). Due anni fa, dopo un malore mentre ero di guardia armata, sono stato dimesso in ospedale con la diagnosi di: “epilettico noto “. Se ero noto perché mi hanno fatto montare di guardia armata? Come faccio a capire perché non sono in causa di servizio? Se mi sono sentito male durante un servizio di guardia notturna davanti il corpo di guardia, sono in causa di servizio o no? L’equo indennizzo fu introdotto nell’ordinamento dall’art. 68 del DPR n. 3/1957 disponendo che: “Quando un’infermità sia riconosciuta dipendente da causa di servizio l’impiegato ha diritto, oltre ai normali assegni ed indennità, anche ad un equo indennizzo per la perdita dell’integrità fisica eventualmente subita, costituito dalla corresponsione di una somma di denaro una tantum collegata alla retribuzione dell’avente diritto al momento della presentazione della domanda e alla gravità dell’infermità subita”. Conseguentemente l’equo indennizzo ha come ......

 

Detenzione armi e munizionamento: regole per i possessori

Pubblicato il: 20-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Qual è la prescrizione per il reato di mancata denuncia per cambio di residenza di un’arma comune regolarmente detenuta e di munizionamento, sia pertinente ad una specifica arma denunciata sia di altra natura? A quale regole è sottoposto detto munizionamento comune? Ai sensi dell’articolo 38, V comma, del regio decreto 773/1938 (testo unico sulle leggi in materia di pubblica sicurezza) e dell’articolo 20 della legge 110/1975 (legge per il controllo delle armi, delle munizioni e degli esplosivi), ogni volta che il possessore di armi trasferisce l’arma in un luogo diverso da quello indicato nella denuncia, deve ripresentare la relativa denuncia. L’omessa denuncia costituisce reato per il quale, secondo il disposto dell’articolo 157 del codice penale, è previsto un termine di prescrizione di 4 anni. Occorre precisare che questo termine decorre dal giorno in cui doveva essere fatta la denuncia di cambio di residenza. Per quanto riguarda il munizionamento, esso è sottoposto alla stessa disciplina ......

 

Acquisto della casa dell’ex coniuge

Pubblicato il: 20-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Vorrei acquistare la quota del 50% di un immobile dalla mia ex coniuge. Quali pratiche e quali eventualmente sgravi fiscali comporta l’acquisto? Ad oggi siamo solo separati legalmente e non ancora divorziati e l’immobile è occupato da lei ed i nostri figli. In linea generale il trasferimento di un immobile – seppure pro quota, come nel caso evidenziato – comporta sempre la stipulazione di un rogito notarile poiché il contratto che sancisce il passaggio di proprietà necessita di una forma autentica per poter essere trascritto nei pubblici registri immobiliari e volturato in Catasto. Pertanto, sempre per regola generale e per quanto riguarda le pratiche da iniziare, occorrerà rivolgersi a un notaio e produrgli la documentazione attestante la provenienza dell’immobile, ossia copia del rogito mediante il quale l’immobile è stato a suo tempo acquistato dal lettore e da sua moglie, nonché copia degli atti successivi che hanno determinato la nascita di ulteriori diritti ......

 

Posso obbligare il datore a concedermi il part-time?

Pubblicato il: 20-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Lavoro con contratto a tempo indeterminato in un’azienda multinazionale. Sono diventato l’assistente personale del mio datore di lavoro, che mi affida incarichi oltre a quelli per i quali sono stato assunto. Ho problemi di salute e familiari e ho chiesto una riduzione dell’orario da full time a part time, mantenendo la stessa retribuzione ma mi è stato negato. Posso obbligarlo a concedermi il part-time senza diminuzione di stipendio e a cambiarmi d’ufficio?  Oppure come posso farmi licenziare per avere la NASPI? Il lavoro a tempo parziale si caratterizza per un orario, stabilito dal contratto individuale di lavoro, inferiore a quello “normale” di 40 ore settimanali previsto dalla legge. Il rapporto di lavoro part-time può costituirsi a seguito di assunzione del lavoratore direttamente con contratto a tempo parziale, oppure a seguito di trasformazione successiva di un rapporto a tempo pieno in part-time. In quest’ultimo caso è necessario un accordo scritto tra datore e ......

 

Cioccolentino 2018 | Itinerarinelgusto

Pubblicato il: 20-01-2018 | In : feed

0

Cioccolentino 2018 | Itinerarinelgusto Dal 10 al 14 febbraio 2018 a Terni si festeggiano i 15 anni di Cioccolentino, la kermesse del cioccolato che celebra San Valentino, patrono della città umbra, venerato dagli innamorati di tutto il mondo. I 15 anni, si sa, sono l’età dell’amore, quella dei primi battiti, degli sguardi rubati, delle notti insonni. Che oggi spesso si traducono in messaggi whatsapp, dediche e post sui social, in un mondo connesso, dove anche il romanticismo ha nuovi strumenti e modi d’espressione.Agli adolescenti ai primi amori è, dunque, dedicata l’edizione 2018 di Cioccolentino, nella consapevolezza che, comunque, l’età dell’amore può essere sempre, anche quando meno te lo aspetti.Se i giovani e giovanissimi saranno protagonisti di eventi in cui smartphone e social network saranno gli strumenti più utilizzati per dirsi Ti amo e condividere le proprie emozioni, non mancherà, per i più tradizionalisti, l’occasione di offrire all’”altra metà del cielo” poesie e dediche da ......

 

Sottufficiale dell’esercito e mancato rinnovo del contratto

Pubblicato il: 20-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Sono un militare di professione, sottufficiale dell’esercito in servizio da trent’anni. Sono un impiegato statale coinvolto dal citato ritardo nel rinnovo contrattuale oggetto dell’articolo. Per questo motivo sarei interessato a conoscere i termini e le modalità per eventualmente impiantare un ricorso al TAR per il riconoscimento dell’indennizzo e del risarcimento in oggetto: verifica dei termini di fattibilità, tipologia di documentazione da fornire, tempistica per la definizione del giudizio, preventivo, qualsiasi altro elemento per me utile per la verifica della convenienza. Nel quesito posto viene chiesto se è possibile ottenere il riconoscimento dell’indennizzo e risarcimento derivante dal mancato rinnovo contrattuale avente ad oggetto il blocco degli stipendi statali, trattandosi di un sottufficiale dell’esercito in servizio da trent’anni. Altresì viene richiesta la verifica della fattibilità del ricorso, la tipologia di documentazione da fornire, la tempistica per la definizione del giudizio ed il relativo preventivo. Nel caso di specie, trattandosi di un impiegato statale, anche il lettore si trova ......

 

Sito escort: in che limiti può essere aperto in Italia?

Pubblicato il: 20-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Vorrei mettere online un sito escort con la mia società italiana. È possibile, oppure devo aprire una società all’estero? Secondo l’orientamento prevalente della Corte di Cassazione, un sito che raccolga le inserzioni pubblicitarie delle escort non è illegale. Tuttavia, l’attività del lettore dovrà limitarsi semplicemente a mettere a disposizione dell’utenza uno spazio pubblicitario; nulla più. Deve comportarsi come un giornale che pubblica annunci e inserzioni. Se, infatti, dovesse intromettersi con l’attività dei clienti, favorendo la diffusione degli annunci, la visibilità, oppure curandone il contenuto, incorrerà nel reato di favoreggiamento della prostituzione. Lo stesso accadrà, ovviamente, qualora dovesse fungere da intermediario tra escort e clienti. In conclusione, dovrà offrire un servizio asettico e neutrale. A tal proposito, si riportano alcune sentenze della Corte di Cassazione, tutte inerenti alla pubblicizzazione delle prestazioni di chi esercita la prostituzione e quasi tutte richiamate dalla fondamentale sentenza 19 novembre 2015, n. 45898. – Il limite tra l’attività lecita e ......

 

Sas: come modificare le quote dei soci

Pubblicato il: 20-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

In una sas deve esservi il consenso di tutti i soci per modificare le quote sociali? In una società in accomandita semplice (per il duplice rinvio che dall’articolo 2315 del codice civile conduce, attraverso l’articolo 2293, all’articolo 2252 del codice civile) le modificazioni del contratto sociale possono essere adottate solo con il consenso unanime di tutti i soci, se non è convenuto diversamente. Ciò vuol dire che se nell’atto costitutivo non è stabilito diversamente, la modificazione delle quote sociali richiede il consenso di tutti i soci, nessuno escluso (ai sensi, infatti, dell’articolo 2295, n. 8, del codice civile, che è norma applicabile anche alla società in accomandita semplice, pure la quota di ciascun socio negli utili e nelle perdite deve essere indicata nell’atto costitutivo e, perciò, la relativa modifica costituisce una modifica del contratto sociale che richiede il consenso di tutti i soci se non è stato stabilito diversamente nello stesso atto ......

 

Detenzione armi: l’omessa denuncia di cambio di residenza è reato?

Pubblicato il: 20-01-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Qualche giorno fa sono venuti a casa due poliziotti ai quali ho dovuto consegnare due fucili da caccia perché pur se regolarmente denunciati all’acquisto (30 anni fa), non avevo ripetuto la denuncia quando avevo spostato le armi nel nuovo domicilio/residenza nello stesso comune oltre dieci anni fa. È un sequestro? I poliziotti mi hanno suggerito di fare la “consegna per la rottamazione delle armi” perché così non avrebbero inoltrato la denuncia ed avrei evitato il procedimento penale. Ho fatto quanto mi hanno consigliato ma possono davvero non inoltrare la denuncia? La legge impone di denunciare il cambio di residenza a chi possiede delle armi. L’obbligo di comunicare alle Autorità di Pubblica Sicurezza il trasferimento delle armi da una località all’altra è previsto dall’articolo 38, quinto comma, T.u.l.p.s. (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, R.D. 18 giugno 1931, n. 733) e dall’art. 58 del Regolamento di Attuazione dello stesso T.u.l.p.s. In ......