Bonus figli a carico 2019

Pubblicato il: 11-11-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Aumentano dal 2019 le detrazioni fiscali per chi ha figli a carico: chi ne ha diritto, quando e come richiederle, come si calcolano. Grazie alle previsioni della legge di Bilancio 2018, a partire dal 2019 un figlio può essere considerato fiscalmente a carico anche se il suo reddito annuo supera i 2.840,51 euro, nel caso in cui non abbia più di 24 anni: il nuovo limite di reddito, superato il quale il figlio non è più considerato a carico, è pari a 4mila euro all’anno. In buona sostanza, dal 2019, un figlio può essere considerato fiscalmente a carico del genitore se il suo reddito: non supera 2.840,51 euro annui, se la sua età è superiore a 24 anni; non supera 4mila euro annui, se la sua età è superiore a 24 anni. Attenzione, però: la nuova soglia di reddito è efficace dall’anno d’imposta 2019; ciò vuol dire che, per quanto riguarda le dichiarazioni dei redditi 2019, ......

 

Frugare nella spazzatura è violazione della privacy?

Pubblicato il: 11-11-2018 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

Le regole sulla raccolta differenziata: cassonetti, buste della spazzatura e immondizia non sono coperti dalla privacy perché, una volta buttati, se ne perde la proprietà. L’altro giorno hai visto uno dei condomini del tuo palazzo gironzolare intorno ai cassonetti della spazzatura, come se stesse cercando qualcosa o volesse nascondersi da qualcuno. È una persona strana, con cui hai avuto in passato diverse discussioni. È litigioso, sospettoso, curioso, ma soprattutto imprevedibile. D’un tratto ti sorge il dubbio che questi possa frugare nelle buste della spazzatura alla ricerca di tracce e informazioni sui vicini di casa, magari solo per curiosità o per attuare qualche ricatto. Alla fine il sospetto si è trasformato in certezza quando lo hai visto, con la coda dell’occhio, infilare le mani in uno dei bidoni dell’immondizia. Vorresti fotografarlo per denunciarlo alla polizia o all’amministratore, ma è notte e l’immagine, soprattutto da lontano, viene sfocata. Cosa puoi fare contro di ......

 

Licenziamento illegittimo: risarcimento

Pubblicato il: 11-11-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Licenziamento per giusta causa o giustificato motivo: i criteri di quantificazione dell’indennizzo dopo il decreto Dignità e la sentenza della Corte Costituzionale che ha cancellato i criteri fissi del Job Act. Dopo tanti anni di onorato servizio sei stato licenziato. Il datore di lavoro ti ha dato il ben servito con una lettera in cui dà una sbrigativa motivazione della decisione presa. Ciò che però viene riportato nella raccomandata è, a tuo avviso, palesemente falso e pretestuoso. Sembra quasi che l’azienda abbia voluto trovare la scusa per liberarsi di te. Così è tua intenzione contestare il provvedimento rivolgendoti a un giudice. Il tribunale dovrà darti per forza ragione, tenendo in considerazione le prove che offrirai. Sei già informato di come contestare un licenziamento illegittimo: sai cioè che devi prima inviare una raccomandata a/r all’azienda, entro 60 giorni dalla comunicazione di licenziamento; in essa devi, genericamente, dichiarare di volerti opporre al licenziamento, ......

 

Termine di grazia per le locazioni a uso commerciale

Pubblicato il: 11-11-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

È possibile ottenere un termine di 90 giorni per pagare l’affitto per il magazzino, l’ufficio o il negozio in caso di procedimento di sfratto? Hai un negozio. Il locale è in affitto da diversi anni e, se all’inizio gli affari ti hanno consentito di mantenere l’attività commerciale, negli ultimi tempi le cose non vanno più come prima. I clienti si sono ridotti e questo sta comportando una diminuzione degli utili. Per fare alcuni investimenti e rinnovare il magazzino hai attinto dalla liquidità di cassa; ora però non hai più i soldi per pagare l’affitto. Il proprietario del magazzino ti ha dato del tempo per metterti in regola, ma non sei riuscito a rimetterti in carreggiata. Così hai ricevuto una lettera dal locatore con cui ti viene intimato lo sfratto. Ti dovrai presentare in tribunale, davanti a un giudice. Ti chiedi se, in quella circostanza, potrai chiedere un ulteriore termine per racimolare ......

 

Affidamento cane: che succede con la separazione dei coniugi?

Pubblicato il: 11-11-2018 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

Può essere omologato l’accordo dei coniugi con cui si stabilisce a chi dei due coniugi viene affidato l’animale da affezione, come il cane e il gatto. Stai per separarti da tua moglie. Dopo aver diviso ogni bene presente in casa è arrivato il momento di decidere con chi debba andare il cane. Lo avevate “adottato” qualche anno fa ed ora fa parte della vostra famiglia: un cucciolo abbandonato che avete deciso di accogliere in casa e accudire. Ve ne siete presi cura entrambi e, a turno, avete sostenuto le relative spese di vaccinazioni, veterinario, cuccia e alimentazione. Poiché il cane non può essere “diviso in due” come il conto corrente, la casa e tutti gli altri beni in comunione, dovete trovare una soluzione salomonica. Avete così deciso che l’animale vada a vivere da uno di voi, ma l’altro potrà andarlo a trovare e, se vorrà, portarlo al parco. Prima però di ......

 

Bollo auto, multe e spazzatura: la pace fiscale cancella i debiti

Pubblicato il: 11-11-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Le cartelle fino a mille euro saranno cancellate in automatico senza istanze: condonati i debiti per bollo auto, imposta sulla spazzatura, multe stradali, Imu e Tasi. Assieme alla nuova sanatoria delle cartelle di pagamento, la cosiddetta rottamazione Ter, il Governo chiude anche il capitolo della pace fiscale sulle micro cartelle. In particolare, la pace fiscale cancella i debiti per multe, bollo auto e imposte locali fino a mille euro. Si tratta di tutti i debiti iscritti a ruolo tra il 2000 e il 2010 (l’Esecutivo ha tentato di ampliare il raggio d’azione anche alle cartelle successive al 2010, ma quest’ulteriore intervento non è stato attuato). Per capire se rientri nel perimetro del nuovo beneficio devi innanzitutto recuperare la cartella esattoriale che conservi nel cassetto, a prescindere se spedita da Equitalia, Agenzia Entrate Riscossione o dall’esattore locale. Trova, all’interno, la pagina con l’elenco delle causali e degli importi dovuti. Lì c’è un ......

 

Nuovo amministratore di sostegno: chi conserva i vecchi documenti?

Pubblicato il: 10-11-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Ho revocato e sostituito l’amministratore di sostegno, ma chi deve conservare i documenti originali della passata amministrazione? Il nuovo amministratore si occupa solo della mia amministrazione straordinaria e non li vuole conservare lui. La vecchia amministrazione mi ha gestito per somme importanti e io non ho nemmeno una ricevuta in mano, dagli F24 agli estratti conto bancari eccetera.. Chi li deve conservare? Se mi arriva una cartella esattoriale ho bisogno degli originali, e inoltre vorrei vedere come sono stati spesi i miei soldi perché si parla di cifre oltre 200 mila euro. Da quello che il lettore scrive si può intuire che il suo precedente amministratore di sostegno è stato revocato dal Giudice tutelare che, poi, ne ha nominato un altro. Dunque nel decreto di nomina del nuovo amministratore di sostegno il Giudice tutelare avrà indicato, tra le altre cose: – gli atti che l’amministratore di sostegno ha il potere di compiere in nome e ......

 

Aborto: dove posso farlo?

Pubblicato il: 10-11-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Chi intende interrompere la gravidanza può farlo in un ospedale o in una clinica, senza costi e nel rispetto della propria privacy. Vediamo come. Una pillola anticoncezionale dimenticata, un preservativo che si rompe, un rapporto occasionale dopo una serata in discoteca, una violenza subita: tutte cose che possono succedere e un’unica conseguenza in comune, una gravidanza indesiderata. Quello che viene dopo è, senza dubbio, una delle scelte più sofferte nella vita di una donna: interromperla tramite l’aborto noto anche – e non a caso – come interruzione volontaria di gravidanza perché è proprio la donna a scegliere di non portarla a termine, tra dubbi e incertezze. Una domanda su tutte: dove si può abortire? Basta andare in un ospedale o in una clinica, privata o convenzionata col Servizio Sanitario Nazionale (Ssn). Qui di seguito cercheremo di capirne di più e se anche tu ti stai chiedendo dove posso fare l’aborto proveremo ......

 

La società a responsabilità limitata Srl

Pubblicato il: 10-11-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Come si può creare una Srl e perché generalmente si dice che per svolgere un’attività imprenditoriale è meglio utilizzare una Srl piuttosto che un altro tipo di società? Quali sono i principali vantaggi di cui potranno beneficiare i soci di una Srl? Sei interessato ad iniziare un’attività imprenditoriale, ma sei indeciso su quale potrebbe essere il tipo di società per te più conveniente da utilizzare? Ti stai chiedendo se la società a responsabilità limitata Srl può essere una società adatta alle tue esigenze? Se vuoi svolgere un’attività commerciale senza rischiare di dover rischiare di perdere il tuo denaro personale e/o i tuoi beni personali, la Srl potrebbe essere la società più adatta a soddisfare i tuoi bisogni. Di seguito ti parlerò della società a responsabilità limitata sottolineando i principali vantaggi di questo tipo di società. Cosa è una Srl? La Srl è stata definita “società a responsabilità limitata” poiché i soci non rispondono con ......

 

Tecnico di radiologia medica e conflitto d’interesse

Pubblicato il: 10-11-2018 | In : Attualità e Società, feed

0

Sono un Tecnico di Radiologia Medica impiegata pubblica dal 2004 e pochi giorni fa mi è stato chiesto di firmare la “Dichiarazione di insussistenza/sussistenza di conflitto d’interesse”. Preciso che dal 2000 posseggo la partita iva ed esercito l’attività di libero professionista presso una clinica privata. Questa dichiarazione può pregiudicare il mio impiego presso la struttura pubblica? Da come ho letto nel vostro articolo riguardante “Dipendenti pubblici e secondo lavoro” ad alcune categorie di dipendenti pubblici non si applicano i divieti e i limiti all’esercizio di un secondo lavoro, uno di questi è il personale sanitario. Come eventualmente posso difendermi? Rischio il posto di lavoro?  Come previsto nel contrato individuale di lavoro della lettrice, esercitando la stessa presso una struttura sanitaria pubblica il suo rapporto di lavoro è regolato dal CCNL Comparto Sanità per il personale non medico, il quale prevede all’art. 24 che: “L’azienda, prima di procedere alla stipulazione del contratto ......