Tassazione italiana per il convivente russo

Pubblicato il: 16-11-2017 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

Deve pagare le imposte in Italia, anche sui redditi che produce all’estero, un cittadino straniero che convive con una cittadina italiana. Dalla Russia con amore, ma al contrario dell’agente segreto con licenza di girare per il mondo senza troppe preoccupazioni fiscali, lo straniero che convive in Italia acquisisce la residenza fiscale nel nostro Paese e di conseguenza viene tassato sulla base dei redditi che produce ovunque nel mondo. La residenza fiscale per i cittadini italiani  Secondo la legge è fiscalmente residente in Italia chiunque, per la maggior parte del periodo di imposta, cioé per almeno 183 giorni nell’anno solare, sia iscritto in una anagrafe comunale oppure abbia nel nostro Paese la residenza o il domicilio. La residenza è il luogo dove la persona torna abitualmente a dormire la sera insieme alla propria famiglia, ovvero dove risiedono gli affetti familiari e personali, i rapporti sociali e le amicizie. Il domicilio è il luogo dove ......

 

Il negoziante può rifiutarsi di vendere un articolo?

Pubblicato il: 16-11-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Sono possibili le discriminazioni tra clienti come il far pagare di più o negare un prodotto esposto in vetrina, sul dépliant o sullo scaffale? Immagina di entrare in un negozio e di trovare, come commessa, una persona con cui hai un’antica inimicizia. Intravedendo la tua necessità di procurarti un determinato prodotto, ti dice che non te lo può vendere ma senza addurre particolari motivi. Ti sembra un comportamento illegittimo e discriminatorio, ma lei non ne vuole sapere: sostiene infatti che nessuno è obbligato a vendere o a firmare contratti (fossero anche orali). Il negozio è suo e accetta solo i clienti che dice lei. Potrebbe farlo? Il negoziante può rifiutarsi di vendere un articolo? La questione è tutt’altro che isolata. Ci sono stati, in passato, numerosi esercizi pubblici che si sono rifiutati di vendere a determinate categorie di soggetti come extracomunitari, persone di colore o di particolare orientamento sessuale; il punto ......

 

Troppa attesa in pizzeria: cosa fare?

Pubblicato il: 16-11-2017 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

In fila al ristorante o in pizzeria: chi ha diritto ad essere servito per primo? Il pizzaiolo può preferire un tavolo piuttosto che un altro? Sei entrato in pizzeria con i tuoi amici; il cameriere vi fa sedere ad un tavolo e, dopo circa 10 minuti, viene il ragazzo delle ordinazioni. Dopo aver preso nota delle vostre richieste, si allontana. Passa poco tempo e il tavolo accanto al vostro si riempie di una lunga comitiva di persone; anche queste, dopo una breve attesa, danno al cameriere le rispettive ordinazioni. I minuti passano in allegria e, poiché la conversazione è piacevole e gli amici simpatici, non ti rendi conto che è trascorsa circa mezzora. Immancabilmente però arrivano i primi languorini. Mentre sollevi il capo per cercare qualcuno che ti dia notizia delle pizze e dei tempi di ulteriore attesa, ti accorgi con profonda meraviglia che al tavolo accanto al tuo sono stati ......

 

Pensioni dipendenti pubblici, rischio di perdere i contributi

Pubblicato il: 16-11-2017 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

C’è tempo fino al 31 dicembre 2017 per segnalare i periodi di contribuzione mancanti per i lavoratori della pubblica amministrazione. Sei un dipendente pubblico? Controlla subito il tuo estratto conto contributivo dell’Inpdap: se ci sono errori, difatti, hai tempo solo fino al prossimo 31 dicembre [1] per segnalarli, diversamente rischi di perdere i periodi non accreditati, o accreditati in modo sbagliato, e di pensionarti più tardi o con una pensione più bassa. Si tratta di un problema non da poco, causato dai trasferimenti di dati negli archivi dell’ex Inpdap (la gestione previdenziale alla quale è iscritta la generalità dei dipendenti pubblici), segnalato in diverse circolari dell’Inps già da tempo [2]. L’Inps, a tal proposito, afferma di avere già avvertito tutti i dipendenti pubblici con un’apposita campagna, ma in molti, tra gli utenti potenzialmente coinvolti, affermano di non sapere nulla. Gli errori non più sanabili, in ogni caso, si riferiscono ai periodi ......

 

Mancato pagamento dell’affitto: chi risarcisce?

Pubblicato il: 16-11-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Per il mancato rilascio dell’appartamento in affitto dovuto al ritardo dell’ufficiale giudiziario e della forza pubblica, paga il Ministero degli Interni. Una sentenza del tribunale di Roma pubblicata ieri potrebbe risolvere i problemi dei proprietari di appartamento dati in affitto a inquilini morosi: il giudice della capitale ritiene che il ministero sia responsabile tutte le volte in cui lo Stato ritarda nell’attuare gli sgomberi degli abusivi e che, pertanto, debba risarcire i danni derivanti dalla mancata disponibilità del proprio alloggio. In pratica, in caso di mancato pagamento dell’affitto, a risarcire è lo Stato. Ma procediamo con ordine e vediamo quale importante principio di diritto è stato scritto nella pronuncia in commento. Hai dato in affitto la casa. Il contratto, a canone concordato (3 anni + 2 di primo rinnovo tacito), è stato regolarmente registrato. Sei quindi in regola con la legge: hai pagato le tasse e hai dichiarato il reddito della locazione ......

 

Jerry Calà in Capannina il 23 Dicembre

Pubblicato il: 16-11-2017 | In : feed, Musica e Spettacolo, Tempo libero

0

Jerry Calà torna a La Capannina di Franceschi. Sabato 23 Dicembre, Jerry torna in Versilia. Previsto il TUTTO ESAURITO a La Capannina Forte dei Marmi per l’evento con Jerry Calà. Prenota ora la tua serata con Jerry Calà e assicurati un posto in prima fila per l’emozionante spettacolo “Sapore di Mare” d’Inverno. Jerry Calà Capannina info e prenotazioni: ☎ 347.477.477.2     Prezzi Capannina serate con Jerry Calà. Un evento da non perdere e da prenotare subito con le formule consigliate da questo sito: cena con tavolo dopo e bottiglia (posizioni migliori del piano superiore per godere dello spettacolo), 80 euro a testa + costo della bottiglia diviso tra i partecipanti; cena con tavolo dopo senza bottiglia (tavoli al  piano superiore per godere dello spettacolo), 80 euro a testa; tavoli dopocena (ingresso riservato dopo la mezzanotte) costo variabile a seconda del numero di partecipanti, della/e bottiglia/e e della posizione desiderata per assistere allo spettacolo di Jerry Calà in Capannina; Disponibili anche camere in hotel 3 stelle ......

 

Occupazione abusiva di casa: chi mi risarcisce?

Pubblicato il: 16-11-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Per il ritardo nell’emissione o esecuzione dell’ordine di sgombero del Prefetto paga lo Stato. Una importantissima sentenza del Tribunale di Roma [1] depositata ieri potrebbe dare finalmente un ristoro a tutti i proprietari di quelle abitazioni che sono state occupate da abusivi e il cui sgombero da parte della polizia non è intervenuto in modo tempestivo. Secondo i giudici di roma, per “l’affitto mancato” paga il Ministero dell’Interno. E questo perché la pubblica amministrazione ha un dovere di tutela del cittadino anche dalle forme di abusivismo: impedire che si commetta un illecito equivale a favorirlo, insomma, e lo Stato non può essere complice delle violazioni del diritto. Per cui, se ti stai chiedendo «chi mi risarcisce per l’occupazione abusiva di casa» e sai già che la risposta non può certo essere l’abusivo – in quanto nullatenente – ecco la soluzione. Occupazione abusiva di casa: come difendersi Chi ha già letto il nostro articolo ......

 

Indennità di trasferta: contributi ridotti al 50%

Pubblicato il: 16-11-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

L’agevolazione contributiva spetta anche se il compenso per la trasferta viene erogato in modo continuativo ed abituale. Il datore di lavoro che impiega dipendenti soggetti periodicamente a trasferte (cosiddetti «trasfertisti») può usufruire di sgravi contributivi; la legge [1] infatti prevede contributi ridotti al 50% ma solo a determinate condizioni. Queste condizioni sono state ridefinite ieri da una importante sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione [2] che ha rivisto il proprio precedente orientamento [3], restringendo così il campo di applicazione dei benefici previsti dal legislatore. Vediamo dunque cos’è l’indennità di trasferta e quando spettano i contributi ridotti al 50%. Chi sono i trasfertisti? I trasfertisti sono quei dipendenti che, per contratto, svolgono l’attività lavorativa in luoghi sempre variabili e diversi da quello della sede aziendale. Posso rientrare questa categoria, ad esempio, i commessi viaggiatori, gli asfaltisti, i terraioli dell’edilizia e, più in generale, i lavoratori ai quali nella lettera di assunzione non viene attribuita una ......

 

Pagamento stipendio mai più in contanti: nuove norme

Pubblicato il: 16-11-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Addio alla pratica di pagare solo metà della busta paga: come prova del pagamento vale solo la tracciabilità del denaro. Cambia la società, cambiano le norme che regolano il pagamento dello stipendio. Mai più in contanti perché così si evita che il datore di lavoro, a fronte di un importo indicato in busta paga, ne versi un altro. Dall’altro lato perde ogni valore legale la firma sul cedolino del dipendente. Niente quietanza di pagamento, quindi, la quale sarà costituita solo dalla prova dell’avvenuto versamento. A stabilire la piena tracciabilità del pagamento dello stipendio per retribuzioni da lavoro dipendente e contratti di collaborazione coordinata e continuativa è un disegno di legge approvato ieri dalla Camera dei deputati, che ora passa all’esame del Senato prima di diventare definitivamente legge. Vediamo le nuove norme e cosa cambia per il dipendente. Pagamento stipendio solo con assegni e bonifici Il datore di lavoro non potrà mai più versare in ......

 

Danno da trasfusione, nessuna sospensione del termine di prescrizione se il danneggiato è minorenne

Pubblicato il: 16-11-2017 | In : feed

0

Cassazione, sezione VI civile, sottosezione 3, sentenza 10.11.2017 n. 26671 ...