Pensioni, Ape social e volontario a 63 anni e 5 mesi

Pubblicato il: 14-12-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Accesso all’Ape sociale e all’Ape volontario 5 mesi più tardi per effetto degli adeguamenti alla speranza di vita. La pensione a 67 anni  fa slittare di 5 mesi in avanti i requisiti per ottenere l’Ape sociale e volontario: l’anticipo pensionistico, difatti, non può essere richiesto se mancano più di 3 anni e 7 mesi alla maturazione di requisiti per la pensione. Questo comporta che, sia nel caso in cui l’Ape sia a carico dello Stato (Ape sociale), sia nel caso in cui sia ottenuto grazie a un prestito bancario (Ape volontario), l’anticipo possa essere richiesto non prima del compimento di 63 anni e 5 mesi di età. L’inasprimento dei requisiti per ottenere l’anticipo pensionistico si accompagnerà, però, all’ampliamento dell’Ape social: potranno beneficiare dell’anticipo pensionistico a carico dello Stato, difatti, 4 nuove categorie di addetti ai lavori gravosi, assieme ai disoccupati a seguito di contratto a termine ed ai disoccupati che non hanno beneficiato ......

 

Scadenza Canone Rai: chi rischia di pagare di più

Pubblicato il: 14-12-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Imminente la scadenza del termine entro cui inviare l’autocertificazione di non detenzione dell’apparecchio televisivo. Dichiarazione da inviare anche da parte di chi l’ha già fatta l’anno scorso. Sta per arrivare la scadenza per l’invio dell’autocertificazione relativa al Canone Rai: chi non vuol vedersi addebitare, sulle bollette della luce del 2018, le rate relative all’abbonamento tv ha poco più di un mese di tempo per spedire all’Agenzia delle Entrate (in via telematica) l’autocertificazione con cui dichiara di non detenere in casa alcun apparecchio televisivo. A dover effettuare l’invio sono anche i contribuenti che già vi hanno provveduto l’anno scorso, visto che la nuova legge stabilisce l’obbligo della comunicazione annuale. Ma procediamo con ordine e vediamo qual è la scadenza del Canone Rai e chi rischia di pagare di più. Canone Rai: chi non deve pagare? Come certamente già saprai, con la legge di Stabilità del 2016 il Canone Rai non viene più pagato spontaneamente ......

 

Come spedire una contestazione al fisco?

Pubblicato il: 14-12-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Come scrivere una istanza all’Agenzia delle Entrate e come spedirla con raccomandata. Il fisco ti ha addebitato un’imposta non dovuta o pretende da te il pagamento di tributi che invece non spetta a te versare. È tua intenzione, prima di procedere davanti al giudice, tentare una soluzione pacifica e inviare una istanza all’Agenzia delle Entrate affinché questa consideri le tue ragioni e faccia marcia indietro. Se anche la legge dice che potresti usare la posta elettronica certificata per tutte le lettere da spedire alla pubblica amministrazione, non sei dotato di una tua pec e, quindi, preferisci la tradizionale raccomandata. A questo punto però ti chiedi come spedire una contestazione al fisco. In questo articolo ti darermo qualche suggerimento pratico. La prima cosa che devi tenere in considerazione è che, quando invii una raccomandata all’Agenzia delle Entrate è sempre meglio che tu utilizzi la forma della cosiddetta «raccomandata senza busta». È molto facile ......

 

Danno da emotrasfusione: indennizzo anche all’estero

Pubblicato il: 14-12-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Danno da vaccino o trasfusione del sangue: il diritto all’indennizzo matura anche in caso di operazione effettuata all’estero, se il cittadino non ha potuto operarsi in Italia a causa di deficit del Servizio Sanitario Nazionale. L’indennizzo per trasfusione di sangue infetto spetta anche qualora l’intervento sia avvenuto all’estero, purchè necessitato dall’esigenza di sopperire a deficienze del Servizio Sanitario Nazionale. E’ quanto precisato da una recente pronuncia della Cassazione [1] che ha esteso le tutele previste in caso di patologie derivanti da vaccini o emotrasfusioni (per esempio sangue infetto) anche al cittadino italiano operato all’estero. Vediamo di quali tutele si tratta. Danno da vaccino o emostrasfusione: quando spetta l’indennizzo La legge prevede il diritto all’indennizzo automatico a favore dei soggetti danneggiati da complicanze di tipo irreversibile a causa di vaccinazioni obbligatorie e trasfusioni [2]. I soggetti che possono accedere alla misura risarcitoria, consistente nell’assegno periodico reversibile per 15 anni, sono: chiunque abbia riportato, a causa di vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di ......

 

Facebook sta testando una nuova funzionalità riguardante i commenti e la loro privacy

Pubblicato il: 14-12-2017 | In : feed, Informatica, Tecnologia

Tag:

0

È in fase di test una nuova funzionalità pensata da facebook e che riguarda i commenti degli utenti. Questa nuova modalità pensata dal colosso americano dei social network permetterebbe agli utenti di poter commentare e decidere di mostrare il contenuto soltanto a una parte dei propri contatti, in base all’argomento del post. Facebook: privacy per ogni commento Stando a degli screenshot trapelati in rete, infatti, sarà possibile in futuro applicare diverse tipologie di privacy sui commenti grazie ad una icona a forma di lucchetto che permetterà di scegliere tra 4 opzioni di commenti privati. Le opzioni, sempre stando alla indiscrezioni, sarebbero: amici e proprietario del post solo amici commentatori del post tutti gli utenti Eccovi una schermata di come dovrebbe presentarsi la funzinalità futura: Questa funzione potrebbe portare un vantaggio agli utenti: Coloro che sono restii a pubblicare determinati commenti saranno incoraggiati a farlo in quanto saranno in grado di lasciare il loro pensiero e non ricevere alcun feedback online ......

 

Bonifico ad un parente: come farsi restituire il prestito

Pubblicato il: 14-12-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Una guida contenente le informazioni essenziali per capire come ottenere la restituzione di una somma di denaro bonificata ad un parente                            Se ci si chiede come farsi restituire il prestito bonificato ad un parente, la risposta è che occorre sempre, per prudenza, inviargli una raccomandata con avviso di ricevimento chiedendo il rimborso per la data convenuta e poi, in mancanza di restituzione della somma, avviare un’azione legale. Che cos’è per la legge il prestito di denaro? Nel momento in cui si presta con un bonifico una somma di denaro ad un parente o ad una qualsiasi altra persona, in realtà si conclude quello che la legge [1] definisce un contratto di mutuo. Naturalmente si può parlare di mutuo a condizione che tra chi presta la somma e chi la riceve ci fu l’accordo (anche verbale) che la somma deve essere restituita ......

 

Lavoro a termine, che cosa cambia nel 2018

Pubblicato il: 14-12-2017 | In : Attualità e Società, feed

Tag:

0

Contratto a tempo indeterminato: diminuisce la durata massima e il numero delle proroghe. Indietro tutta sul contratto a termine: la flessibilità che era stata concessa col Jobs Act [1] è stata messa in discussione da un nuovo emendamento alla legge di Bilancio 2018. In particolare, la durata massima del contratto, attualmente pari a 36 mesi, è stata ridotta a 24 mesi, mentre il numero massimo di proroghe è stato ridotto da 5 a 3. Ad ogni modo, la nuova normativa non è ancora definitiva: in molti, difatti, sostengono che la riduzione della durata e delle proroghe del contratto a termine favorirebbe ancora di più il precariato, costringendo le aziende a un maggior ricambio dei lavoratori a tempo determinato. Nell’attesa di avere la certezza che la riduzione di durata e proroghe del contratto a tempo determinato diventi legge, vediamo come funziona oggi il lavoro a termine, e che cosa cambia nel 2018. Durata massima del ......

 

Perché le vecchie estensioni non funzionano più con Firefox Quantum

Pubblicato il: 14-12-2017 | In : feed, Informatica, Tecnologia

Tag:

0

Firefox Quantum (abbiamo dedicato un articolo nei giorni precedenti) è arrivato, ma non tutti sono esattamente contenti: con questa nuovo aggiornamento ogni estensione ha il rischio di essere bloccata, perché il sistema che usa i vari plug-in è cambiato radicalmente. Firefox Quantum: blocco plugin Come mai questa decisione è stata presa da Mozilla con il recente aggiornamento a FireFox Quantum? Iniziamo con qualche spiegazione su come funzionavano una volta le estensioni di Firefox per farvi comprendere il perchè di questa decisione presa dalla casa software. Per una cosa erano in effetti famosi: le estensioni del vecchio Firefox funzionavano attraverso lo XUL, scritto a sua volta con l’XML. Questo sistema dava la possibilità d’interagire quasi in maniera integrale con l’XPCOM, uno dei componenti principali (e fra i più potenti) del Browser. In parole povere, l’estensione funzionava direttamente con il cuore del programma – ed aveva perciò pieni poteri su quel che poteva fare. In pochi e ......

 

Bonus mamma 800 euro: ne hanno diritto tutte le straniere

Pubblicato il: 14-12-2017 | In : Attualità e Società, feed

Tag:,

0

Per il Tribunale di Milano, l’Inps discrimina le donne che non hanno permesso di soggiorno lungo. Ricordiamo che cos’è il bonus mamma 2018 e a chi spetta. Escludere dal bonus mamma da 800 euro le cittadine straniere senza un permesso di soggiorno lungo è illegale. Lo ha stabilito il Tribunale di Milano, dopo una sentenza simile del Tribunale di Bergamo. L’Inps, dunque, perde una nuova battaglia nei confronti delle associazioni che rivendicano il diritto delle mamme immigrate che vivono in Italia ad avere gli stessi diritti delle altre. Secondo i giudici milanesi, il legislatore che ha istituito il bonus mamma da 800 euro non ha dato all’Inps il potere di restringere la platea di beneficiari lasciando fuori dall’agevolazione le donne straniere che non hanno un permesso di soggiorno a lungo termine. Per il Tribunale, la legge non prevede una distinzione di nazionalità e, dunque, la circolare Inps che detta le condizioni per ......

 

Quale medicina prendere per curare la malattia?

Pubblicato il: 14-12-2017 | In : Attualità e Società, feed

0

Arriva la consulenza farmaceutica online grazie a un’app in grado di associare malattia e rimedi. Soffri di emicrania e vorresti sapere qual è il farmaco migliore per far cessare, al più presto, il martellante mal di testa? Hai la tosse e non sai quale tipo di sciroppo è più consigliato per il tuo caso? Hai la febbre alta e hai dimenticato il nome dell’antipiretico o dello spray nasale che avevi usato l’ultima volta in cui avevi preso l’influenza? Nulla potrà sostituire il supporto professionale del tuo medico di base, ma per le malattie più leggere o per soddisfare la tua curiosità ora esiste un’app che ti consente di ottenere una consulenza farmaceutica gratuita. L’idea, venuta a un farmacista di Cosenza [1] e subito entrata nella top ten dei download di app per smartphone, garantisce un rapido prontuario per tutti, una sorta di “bugiardino” universale, sia per il malato cronico, per l’ipocondriaco, ......