Quando fare la separazione dei beni

Pubblicato il: 03-08-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

La scelta del regime patrimoniale può essere effettuata prima o dopo la celebrazione del matrimonio. Tu e la tua fidanzata avete intenzione di sposarvi. C’è ancora tempo, ma le cose da organizzare sono tantissime: dal fioraio al ristorante, dall’abito nuziale alla luna di miele. Inoltre, dovete ancora stabilire quale regime patrimoniale adottare per regolare i vostri rapporti dal punto di vista economico. Tu, in particolare, desideri sapere quando fare la separazione dei beni. A differenza della comunione, che si instaura in automatico qualora i nubendi nulla dichiarano al momento della cerimonia, la separazione è una scelta che può essere manifestata al momento delle nozze oppure in una fase successiva. Nel primo caso, tale decisione è completamente gratuita, nel secondo caso, invece, è necessario pagare alcune tasse e l’onorario del notaio. Quanto agli effetti, marito e moglie conservano completa autonomia sui rispettivi patrimoni e, qualora uno dei due dovesse contrarre dei debiti o ......

 

Quanto spetta di reversibilità alla moglie?

Pubblicato il: 03-08-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

Pensione ai superstiti: percentuale spettante al coniuge, riduzione dell’assegno per chi percepisce altri redditi. A seguito del decesso del lavoratore assicurato, o del pensionato, si crea una situazione di bisogno per i familiari viventi a carico del defunto: l’ordinamento previdenziale, dunque, li protegge, assicurando la continuità dei mezzi di sostentamento attraverso una rendita, la pensione ai superstiti. Nel caso in cui la rendita sia erogata ai superstiti del lavoratore assicurato, parliamo di pensione indiretta; la pensione di reversibilità è invece erogata ai superstiti del pensionato. Ma quanto spetta di reversibilità alla moglie? A questo proposito, bisogna innanzitutto precisare che la pensione ai superstiti può essere riconosciuta al coniuge, ai figli, ai genitori, ai fratelli e alle sorelle: per ogni categoria di beneficiari sono previste condizioni specifiche di spettanza; inoltre, il riconoscimento della pensione a favore di uno o più destinatari può escludere il diritto al beneficio per gli altri potenziali tutelati. Perché ......

 

Evasione, pronti migliaia di controlli: ecco dove

Pubblicato il: 03-08-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate pronte ad intensificare le verifiche su crediti d’imposta, commercio elettronico e aiuti di Stato. Il tandem Guardia di Finanza-Agenzia delle Entrate è pronto per una nuova stretta sui contribuenti. Obiettivo: verificare che chi ha beneficiato delle agevolazioni riconosciute durante la pandemia, chi opera nel settore del commercio elettronico e chi ha dei conti correnti o degli investimenti all’estero (tra gli altri) non abbia fatto il furbo o stia nascondendo oltreconfine del denaro su cui è tenuto a pagare le tasse. Nel tentativo di dare un nuovo impulso alla lotta all’evasione, sono pronti migliaia di controlli. L’amministrazione finanziaria ha ricevuto recentemente dal ministro dell’Economia Daniele Franco, nell’atto di indirizzo sulla politica fiscale 2021-2023, un nuovo input per scovare gli evasori conclamati e gli aspiranti tali. Ecco dove si concentrerà la lente d’ingrandimento degli ispettori. Particolare interesse suscita chi ha utilizzato o potrebbe usare crediti d’imposta inesistenti a ......

 

Quante ore posso lavorare alla settimana?

Pubblicato il: 03-08-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

Orario settimanale, multiperiodale, turni, riposi obbligatori: qual è l’impegno massimo che si può richiedere al dipendente? L’impegno richiesto al lavoratore dipendente non può essere illimitato: il datore di lavoro è tenuto a concedere dei riposi obbligatori, sia giornalieri che settimanali, nonché le ferie annuali. Inoltre, il decreto sull’orario di lavoro [1] prevede un numero massimo di ore di attività che il dipendente può svolgere settimanalmente: «Quante ore posso lavorare alla settimana?». Il normale orario settimanale, fissato dal decreto sull’orario di lavoro, è pari a 40 ore, o al minor valore individuato dal contratto collettivo applicato dal datore di lavoro. Lavorare oltre 40 ore alla settimana, comunque, non è vietato: il dipendente può infatti svolgere lavoro straordinario, entro determinati limiti. Regole particolari in merito alle ore di attività ed ai riposi settimanali valgono per i lavoratori con orario multiperiodale e per i turnisti. I limiti relativi all’orario settimanale non valgono per i dipendenti la cui durata ......

 

The Escape

Pubblicato il: 03-08-2021 | In : Bambini, feed, Giochi e Gambling, Videogame

0

In The Escape siete un componente di una clan mafioso e dovete scortare il mezzo del vostro boss sia dall'attacco di altre bande criminali che dai poliziotti che vogliono catturarlo. Spieatati nel colpire chiunque si avvicini al boss e precisi nell'andare a bersaglio potrete alla fine di ogni livello acquistare nuove armi o assoldare nuovi killer. ...

 

Bonus facciate 2021: la guida con le ultime agevolazioni

Pubblicato il: 03-08-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

L’aggiornamento del Fisco sugli aventi diritto alla detrazione del 90% e sui lavori che rientrano nel beneficio. L’Agenzia delle Entrate aggiorna la sua guida sul bonus facciate e, con un «colpo di reni» in vista del traguardo del 31 dicembre 2021, chiarisce alcuni aspetti per invogliare i contribuenti a rimettere a nuovo la parte esterna dei loro immobili beneficiando di uno sconto del 90%. La principale novità contenuta nella guida con le ultime agevolazioni del bonus facciate 2021 riguarda la possibilità di portare in detrazione al 90% anche la parte dell’edificio che non è completamente visibile dalla via pubblica ma soltanto in parte, oppure si affaccia su una strada privata ad uso pubblico. Va ricordato che nel bonus rientra una serie di lavori che interessano non solo la facciata vera e propria ma anche grondaie e pluviali, cornici e parapetti. Vediamo i punti salienti della guida aggiornata sul bonus facciate 2021. Bonus facciate: ......

 

Qual è il quorum per il referendum?

Pubblicato il: 03-08-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

La sovranità popolare può essere esercitata attraverso strumenti diversi anche con una consultazione referendaria. La Costituzione italiana prevede alcuni istituti giuridici tramite i quali è garantita la partecipazione diretta dei cittadini alla vita politica del Paese. Nello specifico, si tratta della petizione [1], del disegno di legge di iniziativa popolare [2] e del referendum [3]. In particolare, quest’ultimo è una sorta di appello al corpo elettorale affinché si pronunci su singole questioni o sulla struttura essenziale dello Stato o del Governo, rispondendo ad specifico quesito con un “si” o con un “no”. Di solito, al concetto di referendum è strettamente connesso quello di quorum, intendendo per tale la quota minima, calcolata numericamente oppure in percentuale, dei voti espressi o dei votanti, richiesta perché la consultazione referendaria sia valida. In sostanza, però, qual è il quorum per il referendum? Dipende dalla tipologia della stessa consultazione. Infatti, nel referendum confermativo, detto anche costituzionale o ......

 

Convocazione assemblea condominiale con e-mail: è valida? 

Pubblicato il: 03-08-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

L’avviso non è valido e la delibera è annullabile perché la posta elettronica non dimostra l’effettivo recapito al destinatario.   Molti amministratori di condominio, per motivi di praticità, ricorrono alla convocazione dell’assemblea condominiale con e-mail. È valida questa forma di comunicazione oppure no?  In effetti, a ben vedere, la legge non prevede il normale messaggio di posta elettronica (non certificata) tra gli strumenti idonei per informare i condòmini della data fissata per la riunione e degli argomenti posti all’ordine del giorno. Del resto, fino al 2012, la normativa non imponeva forme specifiche per l’invio dell’avviso; c’era solo la necessità, in caso di contestazioni al riguardo, di dimostrare, da parte dell’amministratore, che l’informazione fosse pervenuta, qualsiasi fosse stato il mezzo adottato per trasmetterla.  Per stabilire se la convocazione dell’assemblea condominiale con e-mail è valida occorre tener presente un principio tecnico di fondo, spesso dimenticato: l’e-mail semplice, a differenza della Pec, cioè della posta elettronica certificata, non garantisce la ......

 

Cosa viene riportato nel casellario giudiziale?

Pubblicato il: 03-08-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

È possibile conoscere tutti i provvedimenti giudiziari ed amministrativi relativi a un determinato soggetto tramite un apposito certificato. Il tuo nuovo datore di lavoro ti ha chiesto di presentare un certificato del casellario giudiziale prima di formalizzare l’assunzione. La ragione di ciò è presto detta. Infatti, tramite tale documento, è possibile risalire ai rapporti che hai avuto con la giustizia, in particolare con quella penale. In ogni tribunale del territorio italiano, esiste l’ufficio del casellario giudiziale, che ha il compito di tenere e di aggiornare mensilmente le schede sulle quali vengono riportati i provvedimenti giudiziari e amministrativi riguardanti le persone nate nel Comune sui quali si estende la competenza del tribunale medesimo. Ma, in sostanza, cosa viene riportato nel casellario giudiziale? L’elenco dei provvedimenti iscrivibili nel casellario giudiziale è specificatamente stabilito da un decreto del Presidente della Repubblica del 2002 [1], il quale prevede anche le iscrizioni che non vanno annotate nel ......

 

Divorzio: a chi resta il cane?

Pubblicato il: 03-08-2021 | In : Attualità e Società, feed

0

A chi viene affidato l’animale domestico quando il matrimonio finisce: quello che dice la legge, le pronunce della giurisprudenza e le proposte al riguardo. La fine di un matrimonio è sempre un evento impegnativo da gestire. Anche quando marito e moglie sono concordi sull’opportunità di prendere strade diverse, esistono molti aspetti pratici ed affettivi da considerare: dall’affidamento dei figli (se ve ne sono) a varie questioni economiche. Se i coniugi non si accordano su questi aspetti sarà il giudice a decidere, secondo ciò che la legge prevede. Al momento, però, nulla è espressamente stabilito per gli animali domestici, che sono dei veri e propri componenti della famiglia. In particolare, in caso di divorzio a chi resta il cane? Si tratta di un problema importante, visto che il rapporto con Fido coinvolge profondamente i sentimenti dei proprietari  e dello stesso animale. Vi sono proposte di legge riguardo a questo, ma ancora non hanno ......