Licenza tabacchi: normativa, requisiti e funzionamento

Pubblicato il: 13-05-2018 | Categoria : Attualità e Società, feed | 6 views | FONTE ORIGINALE

0

Come si apre una tabaccheria? Quali condizioni vanno rispettate? Qual è la distanza minima tra un tabacchino e un altro? Aprire una tabaccheria può essere un’ottima idea per investire i propri risparmi in un’attività che si può rivelare redditizia. Come ogni esercizio, però, è necessario sopportare dei costi iniziali e affrontare delle difficoltà che, spesso, non vengono messe in debito conto. Si tratta non soltanto dell’aleatorietà insita in ogni attività commerciale, ma anche della conoscenza di una normativa spesso complessa e contorta. Con questo contributo cercheremo di comprendere bene cosa serve per ottenere una licenza tabacchi, concentrandoci su normativa, requisiti e funzionamento. Licenza tabacchi: chi la rilascia? Il primo passo per aprire una tabaccheria è quello di ottenere la relativa licenza. Poiché essa deve essere concessa direttamente dallo Stato, l’iter è piuttosto lungo. Nello specifico, la licenza è rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – Area Monopoli (in breve, Aams) soltanto al ricorrere di determinate condizioni: rispetto della distanza minima da altra tabaccheria; produttività dell’esercizio. Analizziamo questi aspetti. Licenza tabacchi: qual è la distanza minima? Per quanto riguarda il primo requisito, cioè quello della distanza minima, perché lo Stato rilasci la licenza tabacchi occorre che il nuovo rivenditore disti dal più vicino: almeno trecento metri, se trattasi di ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment