Lavori di manutenzione e di ristrutturazione: la contestazione del condomino moroso delle quote millesimali.

Pubblicato il: 12-06-2019 | Categoria : Attualità e Società, feed | 26 views | FONTE ORIGINALE

0

Lavori di manutenzione e di ristrutturazione: la contestazione del condomino moroso delle quote millesimali. Più dell’ordinario, è lo straordinario a far saltare il bilancio familiare. Conguagli, contributi extra e lavori di ristrutturazione sono vere iatture per chi vive in condominio. Così, quando arriva la bolletta dell’amministratore con la richiesta di versamento delle quote millesimali, si spera spesso in un cavillo per non pagare o ottenere uno sconto. Ma ahimè è ormai troppo tardi: questa è la dura regola di chi non contesta le delibere dell’assemblea nei termini stabiliti dal codice. Salvo casi eccezionali, non è possibile rifiutarsi di pagare i lavori in condominio nel momento in cui bussa alla porta l’amministratore. Perché? Te lo spiegherò in questo articolo. Quando contestare i lavori in condominio? Eccezion fatta nei casi di urgenza (di cui parleremo a breve), tutti i lavori in condominio devono prima essere autorizzati dall’assemblea e da questa approvati con le specifiche maggioranze prescritte dalla legge. In condominio vale la regola secondo cui la volontà della maggioranza vincola anche la minoranza dissenziente o astenuta. Questo significa che se la volontà di approvare i lavori passa con il voto degli altri condominio tu non puoi opporti e devi pagare la tua quota. Esistono però delle regole ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment