Imposta di registro: come recuperare la parte che ho anticipato?

Pubblicato il: 16-06-2017 | Categoria : Attualità e Società, feed | 7 views | FONTE ORIGINALE

0

Ho ricevuto dall’Agenzia delle Entrate un avviso di liquidazione per imposta di registro per una sentenza per azione di regresso e risarcimento danni. Se anticipo il pagamento, temo che gli eredi miei controparti non paghino. Cosa posso fare? Al termine di ogni causa ed emessa la relativa sentenza, tutte le parti sono tenute a pagare in solido un’imposta (cosiddetta imposta di registro), che scatta per il fatto stesso che il giudice abbia emesso un provvedimento a conclusione di tutto l’iter processuale. Per la registrazione dei provvedimenti giudiziali tutte le parti in causa sono solidalmente obbligate nei confronti dell’Erario al pagamento dell’imposta di registro: sia chi ha perso, che chi ha vinto. Ciò significa che l’Agenzia delle Entrate può richiedere il pagamento della suddetta imposta a tutte, a prescindere dall’esito della causa stessa. In molti casi, così come sembrerebbe in quello del lettore, il creditore che ottiene un provvedimento giudiziario esecutivo è costretto, nel caso di impossibilità del debitore di adempiere all’obbligazione per impossidenza, a sobbarcarsi anche le spese di registrazione. L’Agenzia delle Entrate non distingue tra parte vincitrice e parte soccombente poiché le imposte sono dovute da tutti i soggetti coinvolti nel giudizio. Successivamente però, è nel pieno diritto di chi paga, ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment