I diritti dell’imputato e dell’indagato

Pubblicato il: 22-11-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 23 views | FONTE ORIGINALE

0

Come funziona la nuova presunzione di innocenza. Addio presunto colpevole: non bisogna presentare come colpevole un imputato o un indagato. La legge di recepimento della direttiva Ue n. 2016/343 prevede una carta contenente i diritti dell’imputato e dell’indagato. Si tratta di una serie di garanzie volte a rafforzare la presunzione di innocenza al fine di non presentare prematuramente come colpevole il soggetto sottoposto a indagini o a un procedimento penale.  Si vuole così evitare la stereotipizzazione di quanti sono coinvolti in vicende giudiziarie e, per ciò solo, vengono ritenuti già responsabili dall’opinione pubblica, prima che si arrivi a una decisione definitiva.  È un tema molto caldo per diverse ragioni. Innanzitutto perché non tutte le indagini si concludono con l’avvio di un processo penale. Sicché, una persona che si sia trovata ad essere identificata dai giornali come indagato viene già dipinta, dall’immaginario collettivo, come un criminale. In secondo luogo perché non tutti i processi penali si chiudono con una condanna, ben potendo intervenire sentenze di assoluzione. Peraltro anche la stessa prescrizione – che ricorre in oltre la metà dei processi penali – è una forma di assoluzione da cui non può certo derivare l’etichettatura di colpevole nei confronti dell’imputato. Ecco allora quali diritti dell’imputato e ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment