Figlio disoccupato e a carico: quali benefici ci sono per i genitori?

Pubblicato il: 31-12-2017 | Categoria : Attualità e Società, feed | 6 views | FONTE ORIGINALE

0

Alcuni condomini hanno presentato un esposto in procura nei confronti dell’amministratore. Alla scorsa assemblea condominiale dove ero presente ero contrario alla presentazione di detto esposto, eppure nel verbale risulto tra i firmatari favorevoli. Cosa posso fare per provare la mia estraneità alla vicenda? In generale il verbale dell’assemblea condominiale offre una prova presuntiva dei soli fatti che il verbale stesso afferma essersi verificati nel corso dell’assemblea stessa e, perciò, il condomino che voglia contestare la rispondenza a verità di quanto riportato nel verbale deve impugnare la delibera e provare che quanto riportato in verbale non corrisponde a ciò che si è verificato nel corso dell’assemblea (in questo senso si è espressa la Corte di Cassazione con sentenza n. 11.526 del 13 ottobre 1999 ed anche con sentenza n. 12.119 dell’11 novembre 1992). Nel caso specifico, però, la presunta firma del lettore su un esposto presentato in procura nei confronti dell’amministratore non è un fatto che è avvenuto nel corso dell’assemblea, per cui questi non è obbligato ad impugnare il verbale per contestarlo. D’altra parte basterà la semplice visione dell’esposto per smentire ciò che nel verbale dell’assemblea è stato indicato (nel caso remoto che qualcuno voglia coinvolgere anche il lettore, sulla base di una ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment