Energia: così l’Ue si divide sul taglio ai consumi del gas

Pubblicato il: 21-09-2022 | Categoria : Attualità e Società, feed | 22 views | FONTE ORIGINALE

0

Sembra che non tutti i membri della Commissione Europa fossero d’accordo sul piano da seguire per riuscire a risparmiare gas ed energia. L’intento europeo è unico, anche se i mezzi per arrivarci potrebbero essere diversi. Nonostante l’obiettivo comune dell’Europa sia quello di risparmiare quanto più gas ed energia possibili, così da dover dipendere sempre meno dalle forniture di Putin (che sono sempre più ridotte e, soprattutto, destinate ad estinguersi), non tutti i Paesi membri la pensano nello stesso modo. All’interno della Commissione Europea esistono visioni diverse sull’opportunità di imporre risparmi energetici in vista dell’inverno, per fronteggiare i tagli delle forniture di gas da parte della Russia di Vladimir Putin. Nel collegio del 20 luglio scorso, la riunione che ha approvato il piano, poi proposto al Consiglio, di tagliare del 15% il consumo di metano in Europa dal primo agosto 2022 al 31 marzo 2023 rispetto alla media dei cinque anni precedenti, i commissari – emerge dal verbale consultato dall’Adnkronos – hanno tenuto una discussione, come avviene sempre in occasione di provvedimenti importanti. La Commissione è un organo collegiale, in cui le decisioni vengono prese collettivamente; tuttavia durante il dibattito emergono frequentemente posizioni distinte, talora contrapposte. La proposta di un piano per tagliare il ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment