Diritto di recesso: cos’è e quando si esercita?

Pubblicato il: 25-11-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 20 views | FONTE ORIGINALE

0

In quali casi ci si può sottrarre a un accordo vincolante? Cos’è il diritto di ripensamento? Quali sono le differenze tra caparra e multa penitenziale? Ogni promessa è debito. Tradotto in termini giuridici, ciò significa che ogni accordo è vincolante e obbliga le parti a rispettarlo. Quanto detto non è sempre vero. La legge consente talvolta di sottrarsi agli impegni assunti, in alcuni casi anche senza validi motivi. In altre ipotesi, invece, è possibile venir meno ai propri obblighi solamente se c’è un accordo con le altre parti, ad esempio inserendo una specifica clausola contrattuale. Con il presente articolo ci occuperemo proprio di questo specifico argomento: vedremo cioè cos’è e quando si esercita il diritto di recesso. Il recesso è lo strumento che consente di sottrarsi agli obblighi derivanti da un contratto. Detto in altre parole, il recesso è la via di fuga che tutti desidereremmo avere quando ci sentiamo oppressi da un vincolo che riteniamo di non poter più sostenere (qualcuno ha parlato di matrimonio? Se sì, ci si ricordi della separazione…). Grazie alle norme che tutelano il consumatore, oggi è sempre più frequente la possibilità di abbandonare un contratto, soprattutto se stipulato a distanza o al di fuori dei locali commerciali. ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment