Debitori incalliti segnalati

Pubblicato il: 11-01-2019 | Categoria : Attualità e Società, feed | 17 views | FONTE ORIGINALE

0

Nella nuova legge fallimentare, identificati gli indici di insolvenza: in caso di significativi e ripetuti ritardi nei pagamenti, i creditori istituzionali come l’Agenzia delle Entrate, l’Agente della Riscossione e l’Inps dovranno segnalare l’impresa alla Camera di Commercio. Cosa succede se un imprenditore non paga i propri debiti? Non solo la sua crisi si spalma anche su altre aziende – i suoi fornitori, per l’esattezza – ma viene anche falsato il gioco della concorrenza poiché a questi è indirettamente consentito di vendere senza sostenere il peso dei costi. Insomma, un’impresa in perdita è un male sociale. Sulla scorta di questa impostazione ideologica è stata ridisegnata la legge fallimentare, un regio decreto che, seppur con qualche modifica, tiene dal 1942. Ora non si parlerà più di fallimento ma di «liquidazione giudiziale» e, all’interno del testo normativo, viene anche accolta la famosa legge sul sovraindebitamento (anche chiamata «legge salva suicidi»), oggi completamente riformata (leggi Come liberarsi dai debiti senza pagare i creditori).  La nuova legge fallimentare (che ora si chiamerà Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza) contiene una grossa novità: quella della fase di allerta preventiva, un meccanismo che mira a dichiarare il fallimento dell’azienda prima che produca danni all’economia intorno a sé. Quindi: ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment