Cosa fare se l’impresa edile usa materiali scadenti?

Pubblicato il: 22-11-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 22 views | FONTE ORIGINALE

0

Quando la ditta incaricata della ristrutturazione impiega prodotti di qualità inferiore e non previsti nel capitolato d’appalto, come si tutela il committente? Hai deciso di ristrutturare casa e ti sei affidato per l’esecuzione dei lavori ad un’impresa edile di tua fiducia. Il titolare ti ha mostrato i rivestimenti e ti ha spiegato le caratteristiche dei materiali che avrebbe impiegato. Il prezzo è stato stabilito anche sulla base del loro costo e gli hai versato, come anticipo, le somme necessarie per acquistarli. In corso d’opera, però, ti accorgi che il costruttore sta impiegando prodotti di qualità molto inferiore a quella che avevate stabilito. Cosa fare se l’impresa edile usa materiali scadenti? Molti problemi del genere possono essere evitati in anticipo affidando a un professionista di fiducia (architetto, ingegnere, geometra) l’incarico di direttore dei lavori. Il tecnico incaricato di seguire l’esecuzione delle opere nel loro svolgimento potrà facilmente accorgersi dell’impiego di materiali diversi da quelli concordati. Talvolta, però, i difetti emergono solo successivamente, quando i lavori sono stati ormai completati e chi li ha eseguiti è già stato pagato. In questo caso bisogna dedurre, entro precisi termini e a determinate condizioni, i vizi riscontrati nell’esecuzione del contratto di appalto. Vediamo, quindi, quali sono i rimedi legali ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment