Contanti nelle cassette di sicurezza: arriva la doppia tassa

Pubblicato il: 13-06-2019 | Categoria : Attualità e Società, feed | 21 views | FONTE ORIGINALE

0

La riforma di Salvini finisce per tassare due volte gli stessi redditi. I contribuenti ligi vengono trattati come evasori. «Alt! Chi siete? Quanti siete? Cosa portate? Si ma quanti siete? Un fiorino!». Secondo quanto affermato da Salvini nel corso di Porta a Porta, i contanti contenuti nelle cassette di sicurezza saranno tassati, o meglio “sanzionati”. In questo modo – sostiene il leader del Carroccio – si rimette in circolo ricchezza e, con i proventi, lo Stato potrà far fronte ai propri investimenti. È fin troppo elementare ritenere che una legge di questo tipo, oltre ad essere incostituzionale, finisce per tassare due volte le stesse somme. Scopriamo perché. La tassazione che Salvini vuol imporre altro non è che una sanzione dettata da una presunzione: il denaro contenuto nella cassetta di sicurezza è frutto di evasione fiscale. Si tratterebbe quindi di una nuova volontari disclosure: in termini più volgari un condono. In verità, non è necessariamente così. Ricorriamo a un esempio. «Ci sono miliardi di euro di denaro contante presenti in Italia e oggi non circolante? Sì», afferma Salvini. «Li teniamo nascosti o facciamo in modo che emergano? Condono? Non è una parolaccia».  Mario apre il salvadanaio delle vincite al Fantacalcio. Non vuole però depositare i contanti sul proprio conto ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment