Chiusura del fallimento: termine per il reclamo e sospensione feriale

Pubblicato il: 11-01-2019 | Categoria : Attualità e Società, feed | 18 views | FONTE ORIGINALE

0

Qual è il termine per il reclamo avverso il decreto di chiusura del fallimento? È soggetto alla sospensione feriale?  Ai sensi dell’art. 92 del Regio Decreto sull’Ordinamento giudiziario (n. 12/1941), non sono soggette a sospensione feriale (periodo dal 1 al 31 agosto) le cause civili relative ad alimenti, alla materia corporativa, ai procedimenti cautelari, ai procedimenti per l’adozione di provvedimenti in materia di amministrazione di sostegno, di interdizione, di inabilitazione, ai procedimenti per l’adozione di ordini di protezione contro gli abusi familiari, di sfratto e di opposizione all’esecuzione, nonché quelle relative alla dichiarazione ed alla revoca dei fallimenti, ed in genere quelle rispetto alle quali la ritardata trattazione potrebbe produrre grave pregiudizio alle parti.  Come si può notare, l’esclusione della sospensione feriale è prevista, non per ogni atto relativo alla procedura fallimentare, ma solo per quelli relativi alla dichiarazione o alla revoca dei fallimenti. Ne consegue che il termine per proporre reclamo avverso il decreto di chiusura del fallimento deve ritenersi soggetto a sospensione feriale.  Tanto è stato affermato dalla Cassazione con una pronuncia risalente, ma attuale, – visto il ragionamento logico giuridico posto alla base della decisione -, e comunque non contraddetta da successiva giurisprudenza. Il riferimento è alla Cass. sent. n. ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment