Ecco il Nokia 2 e tutto ciò che offre

Posted on : 17-11-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia, Telefonia

0

La Nokia sta tornando a farsi valere sul mercato dopo anni bui, soprattutto se notiamo i nuovi Smartphone in arrivo. Uno di questi in particolare è il Nokia 2, il più economico della serie. Vediamo cosa si può dire di questo cellulare, fra le sue prestazioni e ciò che porta montato.

Come si presenta?

Il Nokia 2 è il più economico della nuova gamma, ma nonostante tutto cerca di rappresentare la sua figura con un buon tocco estetico. Non aspettatevi vetro o alluminio: il design integrale di questo cellulare è interamente fatto in plastica.

Nokia 2

Ha comunque una linea morbida, con nessun pulsante presente frontalmente e con giusto quelli necessari al fianco destro. La dimensione dello schermo è di 5 pollici, a 720p IPS LCD.

Quando uscirà?

Il Nokia 2 verrà lanciato verso metà Novembre, perciò non c’è ancora molto d’attendere.

Che prestazioni ha?

Un chipset Snapdragon 212 / Adreno 304 con 1GB di RAM e 8Gb di memoria interna (espandibili con una MicroSD). Si parla d’un cellulare il quale costo è di almeno 100 euro, un prezzo veramente ridotto.

Che fotocamera ha?

Non c’è male anche per quanto riguarda il comparto fotografico, sempre di più utilizzato negli smartphone moderni: si parla d’una fotocamera di 8Mpx principale ed una da 5Mpx frontale. Si tratta d’una fotocamera decente, non esagerata, ma definitivamente qualcosa che da più un senso di qualità/prezzo in favore del Nokia 2.

Cosa possiamo trovare, fra le altre cose?

Nokia 2 arriverà nelle colorazioni Black, White e Copper Black. Il fattore veramente più a favore del Nokia 2 è la batteria. Si tratta infatti d’una batteria da 4100mAh, che l’HMD stessa ha detto che può durare sui 2 giorni senza problemi. In effetti, vista la composizione non molto potente e lo schermo a 720p ci possiamo aspettare che il consumo sarà basso.

L’enorme batteria che accompagna questo cellulare lo farà durare veramente a lungo, soprattutto se l’utente farà un egregio uso delle varie pratiche per consumare meno energia.

Cos’è il Galaxy Upcycling e che utilità ha per i vecchi cellulari

Posted on : 14-11-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia, Telefonia

0

galaxy upcycling

Avete ancora il vostro vecchio Galaxy S2 che è fermo nel suo cassetto? La Samsung ha deciso di dare uno strappo alla regola per rimettere in marcia questi Smartphone ormai obsoleti.

Cominciamo a chiamare questa iniziativa con il termine vero e proprio: Upcycling.

Cos’è Upcycling

E’ una pratica che viene usata quando si parla soprattutto di vecchi prodotti. Si tratta di procurare vecchi componenti ed adattarli a nuovi scopi, creando così un altro prodotto (un vecchio navigatore GPS trasformato in palmare, ad esempio) capaci di fornire un utilità in altri campi.

L’Upcycling può far bene alle nostre tasche e all’ambiente, una combinazione molto difficile da ottenere al giorno d’oggi.

La Samsung ha un idea molto simile: la loro espansione sul mercato è notevole e come tale questo crea anche una grande quantità di prodotti che in almeno due (o tre anni) diventeranno in buona parte obsoleti, ancor di più con il passare del tempo.

C’è ancora probabilmente un incredibile quantità d’utenti che usano un Galaxy S3, modificandolo con qualche sistema operativo custom ogni volta.

Ma è proprio qui il fattore: un giorno questi cellulari saranno veramente troppo vecchi o rotti. Per quel momento rimarranno le altre generazioni, come l’S5, o l’S6. Il fatto è che questi cellulari hanno ancora una marea di funzioni particolarmente chiuse, anche se root e modifiche varie sono disponibili.

Gli utenti devono prendere regolarmente rischi o affidarsi ad un tecnico esterno per sbloccare ogni minima parte del proprio Smartphone ormai usurato.

Il Galaxy Upcycling è proprio quello che è stato creato per lo scopo. Si tratta d’un sistema creato appositamente per tutti gli sviluppatori che vogliono creare un sistema operativo (o programma) capace di sfruttare ogni singola funzione del cellulare.

In un certo senso, il sistema Upcycling è il “Root facile” che permette di trasformare il proprio smartphone in un altro prodotto. Ed in effetti, questa è l’unica condizione del sistema: il cellulare dovrà fornire un altro scopo, che eseguirà in maniera unica, fino all’arrivo del guasto finale.

Questo però significa che con l’Upcycling il nostro vecchio Galaxy può diventare un ripetitore Wifi, un termostato Smart, o anche una console da connettere alla propria TV. Un po’ Raspberryano, ma efficace.

Qualche informazione per approfondire l’argomento:

Progetto su Github.