Nostalgia o voglia di provare Windows 95? Adesso è possibile riprodurlo. Ecco come

Posted on : 15-02-2019 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

Microsoft Windows 95, comunemente conosciuto come Windows 95, è stato uno dei primissimi sistemi operativi a “finestre” realizzati dal colosso dell’informatica “Microsoft”. È il successore di Microsoft Windows 3.x ed è stato poi sostituito dal suo successore Windows 98. Per i nostalgici o semplicemente per i curiosi che vogliono “vivere” le gesta e le funzionalità di questo vecchissimo sistema operativo, c’è lo sviluppatore Felix Rieseberg che ha deciso di rilasciare una versione di Windows 95 funzionante tramite Electron, ovvero tramite un browser Web.

All’interno di questa versione realizzata dallo sviluppatore c’è anche la possibilità di giocare con alcuni dei giochi “storici” di Windows 95. All’interno di questa versione, oltre ai giochini poc’anzi citati, è possibile trovare anche Microsoft FrontPage, Netscape 2.0 (il browser di navigazione pre Internet Explorer) e FrontPage Server.

Vediamo come fare ad ottenere Windows 95 in maniera gratuita e compatibile con tutti i device esistenti (PC, MAC).

Come ottenere Windows 95

Se siete curiosi di provare questo Windows un pò datato vi lasciamo il link al progetto dello sviluppatore. Scaricate il file da questa pagina e installate il pacchetto sul vostro PC. Grazie all’uso di Electron, Windows 95 è disponibile su tutte e tre le principali piattaforme (Windows, macOS, Linux).

L’app non occupa tantissimo, parliamo di circa 200 MB. Una volta installato occupa più di un gigabyte di memoria. Dal momento che è stato scritto completamente in JavaScript, il software non gode di prestazioni eccezionali. Quindi, anche se il vostro PC o MAC è una bomba, il sistema operativo “emulato” potrebbe essere comunque lento.

Nonostante questo, però, nelle operazioni più comuni restituisce completamente l’aspetto e l’esperienza d’uso del vecchio sistema operativo Microsoft. Insomma, se avete voglia di fare un salto nel passato o provare semplicemente a vedere com’era Windows più di 20 anni fa (mi riferisco ai più giovani) potete farlo semplicemente.

Rivoluzione Gruppi Whatsapp, ecco la novità tanto attesa

Posted on : 15-02-2019 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

Quante volte vi siete ritrovati aggiungi in un gruppo whatsapp contro la vostra volontà? A me è capitato tante volte amici lettori. Ed ecco arrivare una novità da parte di whatsapp proprio per quanto riguarda i gruppi. La popolare app di messaggistica per smartphone, infatti, dice Stop all’ingresso in chat di gruppo senza consenso.

Cambio di regole sui Gruppi Whatsapp

WhatsApp rivoluziona le regole. L’app di messaggistica, infatti, sta lavorando a un aggiornamento che permetterà all’utente di decidere chi può aggiungerlo ai gruppi: tutti, nessuno o solo i propri contatti.

Verrà introdotta all’interno delle impostazioni del profilo personale una specifica sezione per gestire chi può aggiungervi ai gruppi chat. Potrete quindi scegliere in base alle 3 opzioni sopra citate (TUTTI, NESSUNO, SOLO CONTATTI). Negli ultimi due casi, cioè quelli di NESSUNO e SOLO CONTATTI, entra in gioco il sistema ad inviti: se chi vuole aggiungervi al gruppo non ne ha il permesso, vi arriverà un invito (valido per 72 ore) per accedere al gruppo e deciderete secondo ciò che ritenete più opportuno.

Eccovi un’anteprima in inglese di come sarà l’impostazione:

Whatsapp privacy gruppo

Al momento la funzionalità di Whatsapp gruppi non è ancora attiva, probabilmente arriverà nella prossima versione beta che verrà rilasciata. Vi aggiorneremo appena ci saranno ulteriori novità su questo piano. Nel frattempo diteci la vostra se siete contenti o meno di questa funzionalità. Io si, e voi? 🙂

Cos’è Microsoft Sway e che utilità ha per noi

Posted on : 14-02-2019 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

Oggi vi vogliamo parlare di Sway, una nuova app di Microsoft Office che consente di creare e condividere report interattivi, storie personali, presentazioni e altro ancora, cerchiamo di capire cosa possiamo fare con questa nuova utilità rilasciata di recente dalla Microsoft.

Cos’è Microsoft Sway

Cos’è esattamente Microsoft Sway? Cominciamo con un piccolo esempio: avete presente Powerpoint? Certamente lo avrete sentito nominare il noto programma del “pacchetto office” che si occupa di creare delle presentazioni che possono essere “sistemate” in Slideshows, grafici ed altro ancora.

Detto chiaramente, Powerpoint non è mai stato pensato per l’utente medio, piuttosto per ambienti scolastici o d’ufficio. Ha comunque ottenuto negli anni una tale fama per funzionare praticamente per tutti gli scopi, pur rimanendo però un programma con un sacco di strumenti dedicati ad uno scopo più professionale, spesso mai usati da – appunto – gli utenti più semplici.

Ed è per questo che Sway è stato creato. Si tratta d’un programma, esclusivamente online, che permette di creare ciò che gli utenti hanno sempre amato di più a proposito di Powerpoint. Potete creare così delle slideshows semplici da mostrare solo (al momento) attraverso il Cloud. Bisogna perciò avere un account Microsoft adatto per far funzionare tutto il sistema.

Sway Microsoft è disponibile in forma gratuita, e per chi usa un account Office 365, sono disponibili delle funzioni in più. Infatti, nella sua versione più “semplice” ci sono delle limitazioni di utilizzo rispetto alla versione full. Una di queste limitazioni è la quantità di oggetti che possiamo inserire in una diapositiva. Nonostante tutto, è più che abbastanza per dei lavoretti semplici, e per questo motivo credo non avrete difficoltà ad usare Sway.

All’interno dell’applicazione sono presenti diversi templates e vari documenti pre impostati per iniziare subito a creare un file “Sway” (sì, sono chiamati Sways) per la vostra presentazione.

Dove trovo il programma

Volete iniziare subito a provare quest’applicazione della Microsoft? Eccovi il link. Funzionando sul web questo applicativo è compatibile con tutti i Windows in circolazione e con tutti gli ambienti, anche con il MAC insomma.

Perdita followers Instagram: cosa succede? Il Motivo

Posted on : 13-02-2019 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

Stamattina avete aperto il vostro account Instagram e avete notato la perdita di un considerevole numero di Followers? Non preoccupatevi, non siete i soli. Cerchiamo di capire cosa succede ed il perché della perdita di questi seguaci su Instagram.

Followers Instagram: Come mai ho perso molti seguaci

Nella notte tra il 12 ed il 13 febbraio 2019, il social network Instagram ha iniziato a rimuovere massicce quantità di follower dai profili dei propri utenti. Questa perdita di follower ha colpito in maniera particolare i Vip, Influencer, e tutti quegli account che hanno milioni di followrs. Alcuni account VIP, ad esempio, sono arrivati a perdere fino ad 1 milione di followers. Il taglio è stato drastico, c’è chi ha perso qualche decina di follower e chi appunto ha superato il milione di perdite.

Al momento, visto che Instagram non ha ancora rilasciato dichiarazioni ufficiali, non è chiaro se le modifiche siano “volute” o si sia trattato solo di un “errore interno” (un Bug insomma).

I Vip hanno perso Milioni di Followers

Numerosi gli account colpiti, tra cui quello di Ariana Grande (che ha perso quasi 3 milioni di seguaci) e Selena Gomez (che ha perso quasi 2 milioni di utenti).

Al momento Instagram tace

Nessuna dichiarazione è stata rilasciata dal gigante della tecnologia sull’argomento, quindi è impossibile confermarvi se si tratta di un’operazione contro gli account fake o solo di un problema. In passato (parliamo di Novembre 2018) Instagram aveva rilasciato delle dichiarazioni facendo capire che intendeva dichiarare guerra agli account fake e a tutti i sistemi che aiutavano gli utenti ad acquisire Followers.

C’è però una differenza sostanziale tra la perdita di seguaci di allora e quella di oggi. Un esempio? Alcuni utenti americani stanno segnalando delle stranezze sui loro account: vedono un numero di followers “diverso” (come numero proprio) se utilizzano il social network tramite il browser o tramite app.

Ho appena perso 500 follower“, riporta un utente di Instagram. Un altro scrive: “Da un giorno all’altro ho perso molti seguaci, la cosa strana è che tra browser ed app ho due numeri differenti di followers, com’è possibile?”.

Si attendono dichiarazioni e precisazioni da Instagram sull’argomento. Come detto, eliminazioni di account Instagram sono già avvenute in passato, ma di solito sono state annunciate prima di essere messe in atto.

A novembre 2018 Instagram annunciò:

Recentemente, abbiamo visto gli account utilizzare applicazioni di terze parti per aumentare artificialmente il loro pubblico. A partire da oggi, cominceremo a rimuovere i like, i follow e i commenti non autentici dagli account che utilizzano applicazioni di terze parti per aumentare la loro popolarità. Stiamo prendendo una serie di misure per limitare questo tipo di comportamento indesiderato. Gli account che identifichiamo utilizzando questi servizi riceveranno un messaggio in-app che li avverte che abbiamo rimosso i like falsi, followers e commenti dati dal loro account ad altri. Chiederemo loro di proteggere il loro account cambiando la loro password.

Anche voi avete perso molti seguaci?

I 10 smartphone più pericolosi per corpo e testa | SAR

Posted on : 12-02-2019 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia, Telefonia

0

I 10 cellulari più pericolosi con alto tasso di Sar

Molte persone, prima di acquistare uno smartphone, si informano sul SAR (acronimo di Specific Absorption Rate), vale a dire la misura della percentuale di energia elettromagnetica assorbita dal corpo umano quando questo viene esposto all’azione di un campo elettromagnetico a radiofrequenza (RF). L’Ufficio federale tedesco che se ne occupa, il Bundesamt für Strahlenschutz, s’occupa proprio di questo, rilasciando particolari classifiche sui cellulari che a detta loro sarebbero i più pericolosi per corpo e testa.

Vediamo l’elenco dei primi 10 cellulari che fanno parte di questa particolare classifica. Ad occuparsene per l’Europa è l’Ufficio Federale tedesco per la protezione dalle radiazioni che diffonde i risultati di test di laboratorio effettuati sui modelli di smartphone più recenti in commercio.

Smartphone più radioattivi 2019

Dalla classifica si evince che ancora una volta il podio dei “cattivi” è nelle mani dei “cinesi” e dei loro prodotti. Ai primi posti, infatti, ci sono gli smartphone prodotti da Xiaomi(con il suo Xiaomi Mi A1) e OnePlus(con il suo OnePlus 5T).  Nella lista degli smartphone più radioattivi compaiono anche prodotti realizzati da HTC e a sorpresa figura anche Google. La Huawei, che lo scorso anno aveva ricoperto ben 6 posti di questa particolare classifica, sembra aver corretto il tiro e nessuno smartphone da lei prodotto di recente figura nella lista. E’ bene precisare, comunque, che nessuno degli smartphone supera le “regole” europee in quest’ambito (ne parliamo subito dopo la classifica).

Eccovi l’elenco dei primi 10 cellulari più “pericolosi”:

  1. Xiaomi Mi A1 – 1,75 W/kg
  2. OnePlus 5T – 1,68 W/kg
  3. Xiaomi Mi Max 3 – 1,58 W/kg
  4. OnePlus 6T – 1,55 W/kg
  5. HTC U12 Life – 1,48 W/kg
  6. Xiaomi Mi Mix 3 – 1,45 W/kg
  7. Google Pixel 3 XL – 1,39 W/kg
  8. OnePlus 5 – 1,39 W/kg
  9. iPhone 7 – 1,38 W/kg
  10. Sony Xperia XZ1 Compact – 1,36 W/kg

I Valori Sar in Europa

Ricordiamo che questa classifica riguarda i valori SAR riferiti all’assorbimento di onde elettromagnetiche quando il telefono è usato durante una telefonata, e dunque appoggiato all’orecchio dell’interlocutore. E’ bene specificare che questi valori variano di stato in stato.

Per quanto riguarda l’Europa qualsiasi dispositivo elettronico (non solo gli smartphone quindi) non può superare il valore massimo di SAR, ovvero 2 Watt per chilogrammo. In due situazioni differenti: quando è tenuto vicino al corpo (quindi, ad esempio, in tasca) e quando è tenuto vicino all’orecchio per fare una telefonata.

Come detto, ogni stato ha i suoi valori. Ad esempio per quanto riguarda gli Stati Uniti il valore SAR non deve eccedere da 1,6 watt/kg, quindi 0,4 watt/kg in meno rispetto a noi europei.

San Valentino 2019, Frasi, video e gif divertenti per fare gli auguri anche su Whatsapp

Posted on : 11-02-2019 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

Auguri di San Valentino con Frasi, Immagini, Video e Gif Animate

Il 14 febbraio è la Festa di San Valentino, la festa degli innamorati. San Valentino è stato un vescovo martire. Venerato come santo dalla Chiesa cattolica, da quella ortodossa e successivamente dalla Chiesa anglicana, è considerato patrono degli innamorati e protettore degli epilettici.

Le frasi per San Valentino

Se cercate qualcosa di semplice ma allo stesso tempo d’effetto potete sicuramente utilizzare le frasi. Esistono diversi portali nel web che propongono frasi per ogni occasione: onomastico, compleanno, natale, capodanno, pasqua e San valentino.

Abbiamo selezionato qualche frase per voi:

Quando ero una bambina, sognavo sovente il principe azzurro. Lo immaginavo dolce, romantico, attento e forte. Oggi i miei sogni sono diventati realtà. Buona festa degli innamorati, Principe Azzurro!

Vorrei poter rubare un pezzo di luna e rinchiuderlo in un cofanetto blu come i tuoi occhi tempestato da stelle, e donartelo il giorno di san Valentino.
Dentro ci sarà un biglietto con scritto: mi vuoi sposare? Ti amo.

Le parole che ci siamo detti nella sera. Le tengo ancora a manciate qui sul mio cuscino, nel mio cuore, sul letto. Le appendo a un filo e le annodo come tante collane nel buio. Felice di non dormire.

Abbracciami. Appoggia la tua testa sul mio cuore e chiudi gli occhi. Ascolta e perditi sulle note di una dolce melodia, fatta di battiti d’amore, che parla di noi.

Nell’eterno mutar del nostro amore ci troviamo ad amarci sempre di più, nei trascorsi del tempo abbiamo avuto degli ostacoli molto pesanti, ma infine dei conti li abbiamo superati tutti. Per questo oggi, in questo giorno speciale, ti dico: ti amo, ti amerò tutta la mia vita. Buon San Valentino vita mia.

L’amore immaturo dice: ‘Ti amo perché ho bisogno di te’. L’amore maturo dice: ‘Ho bisogno di te, perché ti amo.

La vita deve essere fortificata da numerose amicizie. Amare ed essere amati sono le più grandi gioie della vita.

Se non vi piace nessuna di queste frasi vi lasciamo i link a due siti molto famosi che s’occupano di questo: Aforisticamente e Pensieri e Parole.

I video per San Valentino

Le gif per S.Valentino

Un altro modo molto usato per le festività e per gli auguri sono le Gif, soprattutto queste vengono inviate tramite whatsapp. Per trovarne qualcuna di molto carina vi consigliamo questo sito oppure questo sito.

Le cartoline animate per San Valentino

In genere si utilizzano le cartoline animate per gli auguri di Natale e Capodanno, se vi piace l’idea potete trovare un servizio molto interessante su questo sito

Conoscete altri servizi gratuiti con il quale inviare gli auguri di San Valentino? Inseriteli nei commenti, saremo lieti di ampliare ancora di più quest’articolo con altre risorse utili ed interessanti.

Al momento stiamo regalando un nuovo iPhone XS, prendilo oggi | Truffa

Posted on : 11-02-2019 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

Circola una nuova ondata di mail truffa amici lettori di chiccheinformatiche. La modalità è sempre la stessa, vale a dire: regalo, link al sondaggio, inserimento dei dati personali (inclusa la carta di credito) e prelievo di 50 euro al mese dopo esservi abbonati a dei servizi a pagamento. Stavolta ad essere tirata in ballo, dopo MediaWorldCoop ed altri, è la Apple, colosso informatico americano. Vediamo cosa dice questa nuova truffa che circola in questi giorni.

La truffa: Ecco il nuovo iPhone XS! Il più avanzato schermo LCD e fotocamera HDR

Il messaggio truffa che potreste ricevere per email dice pressappoco cosi:

Ecco il nuovo iPhone XS! Il più avanzato schermo LCD e fotocamera HDR mai realizzati rendono questo telefono un must per tutti. Ma non finisce qui. Acciaio inox di alta qualità e ricarica wireless lo rendono il più eccezionale iPhone mai realizzato. Al momento stiamo regalando un nuovo iPhone XS, prendilo oggi !!! Per la tua possibilità di vincere il nuovo iPhone Xs.

All’interno della mail c’è l’immancabile link che porta al solito sondaggio truffa.

Sondaggio Apple, cosa succede

La truffa si svolge sempre nella medesima maniera. Venite invitati prima a fare click sul pulsante inserito nella mail truffa. Questo pulsante non fa altro che portarvi verso un sito dove vi viene richiesto di fare un inutile sondaggio. Alla fine di questo sondaggio potrete ritirare il vostro premio (che in questo caso è un telefono della Apple, quindi iphone XS).

Per poter ricevere il premio messo a disposizione dovrete pagare 1 euro, per le spese di spedizione! Facendo click venite re-indirizzati su un altro portale dove vi verrà richiesto di immettere i vostri dati personali compreso il nostro numero di telefono cellulare.

Nello step successivo poi ci sarà la sezione dedicata all’inserimento della carta di credito. Se la inserite siete fregati, vi ritrovate abbonati a servizi a pagamento che prelevano dal vostro conto circa 50 euro al mese(se vi va bene).

Avete immesso la carta di credito?

Abbiamo raggruppato tutti i siti ed i relativi link di cancellazione in un solo articolo. Consultatelo, potreste avere la risposta senza aspettare la risposta ai vostri commenti. Eccovi la pagina dedicata a tutti i link di cancellazione.

Bluetooth 5.1 in arrivo, cosa cambierà?

Posted on : 11-02-2019 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

Siete soddisfatti del Bluetooth attuale? La sua versione, la 5.0, ha introdotto un’ottima estensione della distanza del segnale. La qualità dell’audio anch’essa è aumentata, grazie alla più elevata quantità di dati che quest’ultima versione offre. Occhio però, con la versione 5.1 cominceranno a cambiare la cose per davvero! Vediamo un pò le novità che ci aspettano.

Le novità di Bluetooth 5.1

La versione 5.0 è sempre stata una sorta di “introduzione” verso la nuova era del Bluetooth. Con la versione 5.1 si “sbloccheranno” un sacco di nuovi sistemi per trarre vantaggio da composizioni Smarthome ed altri ambienti. Facciamo un elenco di quali saranno le funzioni più interessanti in assoluto:

– Connettersi richiede meno tempo ed energia.

La versione 5.1 non è necessariamente più veloce nel trasferimento dati, ma è sicuramente più ottimizzata. In particolare, può accettare connessioni più in fretta del normale Bluetooth 5.0. Questo grazie al nuovo sistema di Cache che conserva i dati necessari dei dispositivi connessi in precedenza, permettendo così una veloce riconnessione.

– Ora il Bluetooth sa esattamente dove siamo.

Proprio così, adesso la connessione Bluetooth può essere usata per sapere esattamente dove siamo. Grazie al SIG (Special Interest Group) la connessione 5.1 può dirci esattamente dove si trova tutto – noi, le cuffie, qualsiasi cosa – con una precisione molto elevata (al centimetro, potremmo dire). Questo è possibile grazie ad un calcolo integrato di quanto tempo impiega un segnale ad arrivare ed il suo angolo di partenza (o di trasmissione). Questo significa che le Smarthome possono finalmente reagire veramente in base alla nostra posizione nella casa. Inoltre, trovare i dispositivi persi sarà molto più facile.

– Canali più ordinati.

Infine, con il Bluetooth 5.1 sarà possibile sfruttare più dispositivi connessi alla stessa fonte senza intralciare in altri canali. Questa è una funzione già presente nel 5.0, ma è stata migliorata parecchio per quel che riguarda questa versione.

Quando arriverà il Bluetooth 5.1 nei nostri dispositivi?

Durante il 2019 vedremo certamente dei nuovi prodotti che integrano il Bluetooth 5.1, anche se non da subito. Bisognerà comunque ricordarsi che per sfruttare al 100% tutte le funzioni qui descritte, tutti i dispositivi devono avere la stessa versione!

Android Q, le ultime novità

Posted on : 11-02-2019 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

Non abbiamo ancora smesso di parlare di Android Pie, che già dobbiamo iniziare a parlare di ciò che verrà, Android Q. In un certo senso, Google ha deciso che è tempo di accelerare i tempi e creare una nuova versione del suo sistema operativo con la stessa velocità con il quale i produttori creano nuovi Smartphone. In poche parole: subito, e con modifiche immediate.

Android Q, cosa sappiamo al momento

Android Q al momento non ha ancora un nome completo, né esiste ancora una versione di Preview (anche se ormai non ci manca molto). Possiamo tuttavia vedere cosa sta per arrivare attraverso qualche stralcio di programmazione che Google ha lasciato in giro!

Ecco qualche informazione:

– Possibilità di effettuare un downgrade delle apps.

Avete aggiornato un programma ed ora non funziona più, o non vi piace? Google ha in mente di aggiungere in Android Q una funzione che permette di effettuare un rollback, così da annullare aggiornamenti appena effettuati e darci anche la possibilità di conservare tutte le vecchie versioni.

– Sblocco schermo con il volto già inserito.

Non bisogna più usare un programma esterno o prendere per forza un cellulare che supporti lo sblocco schermo tramite il riconoscimento facciale. In Android Q è molto probabile che questa funzione sarà già inserita all’interno del sistema operativo. Questo non solo renderà comunque più facile l’inserimento di sistemi simili da parte di marchi come Samsung ed altri, ma può potenzialmente inserire in ogni cellulare la funzione di questo sblocco.

– Le Apps non possono leggere più la memoria se sono in Background.

Una funzione particolarmente indicata per la sicurezza, Google ha in mente di vietare l’accesso alla memoria per i programmi che rimangono perennemente in Background. In Android Q le informazioni verranno infatti gestite su più strati, creando così diverse “corsie” nel quale solo alcuni programmi possono accedere per leggere le informazioni scelte.

– Modalità scura (dark) integrale.

Finalmente non dovremo più cercare una modalità scura (dark, o notturna) nelle impostazioni delle apps. Android Q probabilmente avrà una funzione che rende tutto scuro.

– Permessi intelligenti.

Un’altra faccenda per cui Android è sempre in “difficoltà” è la gestione dei permessi. E’ migliorato parecchio negli anni, ma manca ancora d’una certa finezza. Con l’arrivo della versione Q, Google ha in mente d’implementare dei controlli più semplici con il quale gestire i permessi.

Quando uscirà Android Q?

Il primo Developer Preview è previsto per Marzo di quest’anno, quindi non si dovrà aspettare molto. Vi terremo aggiornati come sempre.

i.Blue PhotoPool: inserisci una piscina in casa tua!

Posted on : 03-03-2014 | By : spadini | In : Architettura, Shopping online, Tecnologia

0

Stai valutando l’acquisto di una piscina ma non sei ancora sicuro di come la vorresti e prima ti piacerebbe vedere l’effetto che fa nel giardino di casa tua? Da oggi puoi! Grazie alla nuova app di i.Blue Piscine che ti consente di progettare semplicemente la piscina dei tuoi sogni.

Si chiama i.Blue PhotoPool ed è scaricabile gratuitamente sia per iOS che per Android. Puoi istallarla sul tuo smartphone o sul tuo tablet e iniziare subito il tuo progetto.

Utilizzarla è veramente semplice e immediato e in poco tempo puoi fare tutte le prove che desideri per scegliere la tua piscina. Basta scattare una foto del posto in cui vuoi collocarla e il gioco ha inizio! Sfruttando il touchscreen, i.Blue PhotoPool consente di scegliere la prospettiva, le dimensioni e la forma della vasca interrata. Per concludere il lavoro e renderlo il più realistico possibile, l’app permette di modificare la luminosità e il contrasto dell’immagine creata. A questo punto non resta che salvare il progetto e condividerlo con chi vuoi o, se preferisci, inviarlo direttamente ad i.Blue per un preventivo senza impegno!

i.Blue PhotoPool: le funzionalità

L’app consente in modo semplice e intuitivo di creare il tuo progetto, dando vita alla piscina che desideri. Ecco le funzionalità che puoi sfruttare:

• Sovrapposizione dello sfondo reale con l’immagine della piscina.

• Scelta della prospettiva. Per rendere il progetto più reale è possibile ruotare la posizione della vasca a 360°.

• Scelta della forma tra 15 modelli diversi di piscine interrate.

• Possibilità di modificare le dimensioni e la posizione della vasca.

• Modificare luminosità e contrasto per rendere il fotomontaggio perfetto e far sembrare la vasca già nel tuo giardino!

• Salvare il progetto.

• Condividere il progetto: sia tramite mail sia direttamente con i.Blue, per richiedere un preventivo gratuito e senza impegno.

Scarica subito la nuova app i.Blue e divertiti a costruire la piscina dei tuoi sogni!