I migliori sparatutto gratis per PC

Posted on : 21-08-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

Team Fortress 2

Ammazza, ammazza! Spara, spara! Nel mondo degli sparatutto, non si finisce mai di far fuoco a qualche avversario: umani, alieni o robot che siano. Ecco i giochi migliori che potete trovare in forma completamente gratuita sulla rete!

I migliori sparatutto free

Nota: è d’obbligo una precisazione. La seguente guida riguarda i giochi per PC. Alcuni titoli sono disponibili anche per Console, ma non sono indicate come tale.

Team Fortress 2

Per tutti i sistemi operativi principali. Chi non ha mai sentito parlare di Team Fortress? Questo gioco è stato a lungo nei top dei filmati presenti su Youtube (e anche ora non c’è male) ed ha adottato la formula Free To Play anni fa.

Potete giocare fino a 9 classi diverse in tante modalità disponibili e farlo girare praticamente su qualsiasi PC che sono presenti sul mercato. E se non vi bastano le modalità ufficiali di gioco, sono presenti un sacco di contenuti personalizzati da altri utenti.

Potete trovare Team Fortress 2 su Steam.

Warframe: Giochi sparatutto free

Uno sparatutto in terza persona ambientato in un mondo fantascientifico. Warframe è iniziato dal piccolo, ma sta diventando sempre più popolare. In questo gioco potete personalizzare il vostro guerriero personale con varie modifiche, sia a voi che alle vostre armi.

Lo stile di gioco viene così trasformato sotto diversi aspetti: giocherete come un Ninja cibernetico debole fisicamente ma veloce come il vento, o il carro armato capace d’affrontare un missile a quattrocchi? Potete potenziarvi sia nelle partite online che in quelle offline. Il gioco è disponibile solo su Windows.

Potete trovare Warframe su Steam.

Unreal Tournament

Non quello vecchio vecchio, e nemmeno quello solo vecchio: stiamo parlando di quello più nuovo. Esattamente: un gioco in Pre-Alpha che è ancora in un lungo giro di sviluppo.

Si da il caso che è completamente gratuito ed anche gestito magnificamente dagli giocatori stessi che forniscono tutte le loro idee attraverso il nuovissimo motore Unreal 4.

Per il momento tutto il gioco è gratuito, quando sarà fuori da questa situazione si vedrà. Nel frattempo, perché non godersi una gloria del genere rivisitata.

Potete trovare Unreal Tournament sul sito principale.

Blacklight Retribution: i migliori sparatutto

Molti lo definiscono il Modern Warfare gratis. Del resto, Blacklight è uno sparatutto impostato in un “futuro non tanto lontano” con diverse modalità di gioco, a squadre e non.

Non è ancora il top del top nel suo stile, con diversi giocatori che criticano l’obbligo di pagare per avere le armi speciali o sbloccare l’account per ottenere la valuta virtuale. Ma con un milione di giocatori attivi, non ci sarà lo stesso molto d’attendere per fare una partita.

Potete trovare Blacklight Retribution su Steam.

Come misurare le distanze con Google Maps

Posted on : 21-08-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

google maps

Volete assolutamente sapere quanto dista una casa dall’altra? Peccato che non avete portato con voi quel metro a nastro lungo qualche chilometro 🙂 Ma non serve, davvero! Potete semplicemente usare Google Maps.

Come misurare con Google Maps le distanze

Prendete nota che potete usare questa funzione in quasi qualsiasi stato, anche con il GPS disattivato. Il vostro Smartphone ha infatti una grande quantità di sensori che possono stabilire la distanza fra un luogo e l’altro, sia con la connessione 3G/4G /Wifi che con il sensore pedometro.

Una volta avviato Google Maps, non siete obbligati a raggiungere una qualsiasi posizione. Semplicemente, tenete premuto il dito sul punto di partenza finché non verrà rilasciato un punto di riferimento.

Una volta fatto ciò, scorrete il vostro dito dal basso verso l’alto per svelare le opzioni disponibili. Una di queste sarà proprio dedicata alla misurazione della distanza.

Da questo punto in poi potete semplicemente trascinare l’icona dove volete per vederne la distanza.

Potete anche aggiungere un ulteriore punto per calcolare la distanza fra più posti (premete sul pulsante “+”) e capire perciò quanto tempo potete impiegare fra un posto all’altro.

Potete aggiungere quanti punti volete, senza alcun limite.

Tenete conto che se sbagliate ad aggiungere un punto di riferimento, potete semplicemente premere sulla freccia in alto a destra per eliminare l’ultima modifica effettuata, almeno finché non sarete arrivati al punto giusto.

Google Maps non soddisfa le vostre aspettative?

Ovviamente l’App store è strapiena di programmi utili per questo scopo. Ad esempio esistono diverse App come Smart Measure che può calcolare la distanza fra un posto all’altro usando la fotocamera.

Giustamente, si tratta di piccole distanze, ma può darvi comunque un’idea senza perdere molto tempo con Google Maps. Lo consigliamo specialmente se appunto dovete calcolare una distanza fra due punti visibili e volete farlo velocemente.

Occhio però: la vostra fotocamera deve almeno essere di buona qualità. Se ha accessori come l’OIS e l’EIS sarà anche meglio.

Comunicazione importante…leggete ke se e´ vera……siamo tutti ricchi | BUFALA

Posted on : 19-08-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

whatsapp down

Circolano ogni tanto, tramite il client di messaggistica whatsapp, delle bufale che ricevono il pieno di condivisioni. E’ il caso di quella che circola in questi giorni.

La bufala corre su Whatsapp

Vediamo cosa dice la bufala di questi giorni. Ci comunica che diventeremo tutti ricchi, ma magari!!

Il testo:

Oggetto: COMUNICAZIONE IMPORTANTE…LEGGETE KE SE E´ VERA……siamo tutti ricchi!!!!

Generalmente non invio messaggi di questo genere, ma questo mi è arrivato da un’ottima amica, avvocato, e mi sembra che sia un’opportunità interessante.

Lei dice che funzionerà, e FUNZIONA!!! Dopotutto, non c’è niente da perdere!

Ecco qui quello che dice: Sono avvocato, e conosco la legge. Questo, E’ reale. Non sbagliatevi. AOL e Intel manterranno le loro promesse per paura di essere trascinate in tribunale e dover far fronte a una causa di milioni e milioni di dollari. Come quella della Pepsi Cola contro la General Electric , non molto tempo fa.

Cari amici, per favore, NON prendete questo messaggio per un bidone. Bill Gates STA condividendo la sua fortuna. Se lo ignorate, potreste rimpiangerlo più tardi.

Windows rimane il programma più diffuso ed utilizzato nel mondo. Microsoft e AOL sperimentano inviando questo test via messaggio elettronico (e-mail Beta Test).

Quando inviate questo messaggio elettronico (e-mail) ai vostri amici, Microsoft può rintracciarvi (se siete un utilizzatore di MicrosoftWindows) per 2 settimane.

Ad ogni persona che invierà questo messaggio, Microsoft pagherà 245 euro. Per ogni persona a cui avete inviato questo messaggio e che lo invierà ad altre persone, Microsoft vi pagherà 243 euro. Per la terza persona che lo riceverà, Microsoft vi pagherà 241 euro. 

Fra due settimane, Microsoft vi contatterà per la Conferma del vostro Indirizzo Postale e vi invierà un assegno. (Sinceramente, Charles Bailey, General Manager Field).

Pensavo che questo fosse un imbroglio, o uno scherzo, ma 2 settimane dopo aver ricevuto questo messaggio e averlo riinviato, Microsoft mi ha contattato per conoscere il mio indirizzo postale e mi hanno inviato un assegno di 24.800 euro. 

Dovete rispondere prima che questa prova sia terminata; se qualcuno ha i mezzi per fare quest’operazione, è Bill Gates. Per lui,c’è un ritorno commerciale.

Se questo vi soddisfa, inviate questo messaggio a più persone possibile. Dovreste ricevere almeno 10.000 euro. Non li daiuteremmo, inviando questo messaggio, se non ce ne venisse un qualche cosina anche a noi. La zia di un mio caro amico, che lavora per Intel, ha appena ricevuto un assegno di 4543 euro, semplicemente inviando questo messaggio.

Come ho detto prima, conosco la legge, e c’è del vero, Intel eAOL sono in negoziato per una fusione, con la quale diventerebbero la compagnia più importante del mondo nel settore, e per essere sicuri di rimanere il programma più diffuso e utilizzatoin assoluto, Intel e AOL sperimentano con questa prova. 

E vero….ho ricevuto 34.540 euro… stomaleeeeeeeeeeeee….. figataaaaaaaaaa…

E’ una bufala del 2010

Ma dico io, come si fa a credere a tutto ciò? Beh ci vuole del coraggio. Eppure io oggi ho ricevuto questo messaggio già da 5 persone differenti.

A metà bufala leggiamo il nome di Charles BaileyGeneral Manager Field della Microsoft. Abbiamo provato a cercare su Google le parole “Charles Bailey Microsoft” e ci imbattiamo in numerosi articoli che smentiscono l’esistenza di una tale iniziativa, e soprattutto scopriamo che si tratta di una bufala oltremodo datata.

Il 14 novembre 2010 l’utente HT Wolf postò sul Forum ufficiale dell’azienda un thread in cui riportava il messaggio, e tutte le risposte parlavano, appunto, di bufala.

È dunque evidente che il contenuto virale avesse origine in lingua inglese. Ogni tanto ritornano e i tontoloni disposti a crederci ci sono sempre, anche nel 2017!

File Hosts di Windows: cos’è e come si modifica

Posted on : 17-08-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

microsoft

Vi scoccia avere un antivirus che appesantisce il vostro sistema operativo con mille controlli? Potete sempre modificare il file Hosts per bloccare qualsiasi sito in maniera automatica e completamente leggera.

Con questo sistema potrete dire ciao a quelle pubblicità e siti che saltano all’improvviso carichi di virus!

Come mai questo è un buon metodo per bloccare pubblicità e siti pericolosi? Come funziona? Nel nostro sistema operativo abbiamo un particolare file chiamato “Hosts”. Detto così, non sembra nulla di particolare, ma invece è uno strumento molto – ma molto potente – che possiamo usare.

Generalmente Windows tiene sempre a mente questo file, il quale è universalmente applicato per non solo i nostri browser ma anche per tutti i programmi che si connettono alla rete.

Ecco un esempio: quando vi state connettendo al sito chiamato “Infettolarete.org” potete bloccare questo sito inserendo nel file Hosts un redirect, ovvero un modo per indirizzare la visita del sito altrove.

Inserendo un numero IP di loop (una fila di zeri o il classico 127.0.0.1) il sito viene effettivamente bloccato e mandato ad un indirizzo che non può leggere.

In tutto questo, vengono impiegate praticamente zero risorse. Come già detto, uno strumento molto semplice quanto potente.

Come possiamo modificare il file Hosts

Prima di tutto dovete aprire “Blocco note” come amministratore.

  • Usate Esegui. Apritelo usando la combinazione WIN+R e digitate “notepad”. Non premete ancora invio! Premete piuttosto CTRL+Shift+Invio. Questo dovrebbe aprire Blocco note come amministratore.
  • Eventualmente potete cercarlo (nel menù start con Windows 10 / 7, nella barra a destra in Windows 8), cliccare con il tasto destro sul programma e quindi su “Esegui come amministratore”.

blocco note esegui come amministratore

A questo punto, andate su Apri e specificate questo percorso per il file Hosts:

c:\windows\system32\drivers\etc\hosts

Ovviamente se il vostro sistema operativo è posizionato sul disco D o E: cambiate l’indirizzo come di conseguenza.

Adesso tutto pronto. Basta scrivere l’indirizzo IP seguito poi dal sito che volete redirezionare a quel punto.

Eccovi un esempio:

facebook hosts

In questo esempio abbiamo bloccato l’accesso a facebook dal PC. Se si prova a navigare su www.facebook.com una volta che avete inserito questa regola vedrete che il PC non navigherà a quell’indirizzo.

Questo farà in modo di bloccare il sito automaticamente. Potete fare ciò con qualsiasi sito desiderate.

Ma come possiamo già sapere quali siti sono pericolosi?

Esistono diverse liste che potete procurarvi sulla rete, a questo indirizzo troverete praticamente tutto. Scorrete pure in basso e troverete una lista di file hosts che combinano siti porno, scommesse, fake news e così via.

Potete sia aprirli individualmente o scaricare una lista unificata. Una volta scaricato il file Hosts, copiate tutti gli indirizzi presenti ed incollateli nel vostro file hosts.

C’è un programma che fa questo in maniera automatica (solo per i siti di malware). Questo è Spybot S&D, con la sua opzione d’immunizzazione.

Potebbe interessarti: Come bloccare pubblicità su Android

Galaxy S8: come capire se è falso

Posted on : 17-08-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia, Telefonia

0

galaxy s8

Avete in mente di comprare un Galaxy S8 e avete notato qualcuno che li rivende a poco meno di 200 euro? Un affare! Ed invece no: è molto probabile che il venditore vi stia vendendo un clone del Samsung Galaxy S8. Ecco cosa fare per distinguere queste fregature dal cellulare reale.

Come capire se è un Galaxy S8

Ecco perciò qualche consiglio che possiamo darvi sul trovare cloni del Galaxy S8:

  • Controllate bene la marca presentata sulla scatola. “Android Galaxy S8” non è corretto, ad esempio. Procuratevi qualche foto della scatola originale per fare una migliore comparazione.
  • Non esistono versioni speciali o limitate con un nome differente. Ad esempio “Space S8 Plus Neo” non è un edizione speciale ma un clone.
  • Tutti i cloni non hanno uno schermo Edge funzionante. Solo lo chassis del cellulare è presente, dando l’illusione d’uno schermo curvato.
  • I tasti Home, back e così via sono fisici, al contrario dei tasti virtuali del Galaxy S8 vero.
  • Se il cellulare costa appena 200 euro, lasciate perdere. 100 euro è il costo generale d’ogni cellulare clonato, e le caratteristiche interne sono da far paura (1Gb / QuadCore a bassa frequenza / 8Gb di memoria interna). E’ difficile trovare “quel pazzo” che svende il proprio cellulare l’ultima generazione a prezzi simili, specialmente nell’era digitale d’oggi.
  • Il sensore d’impronte digitali è vicino la fotocamera, sulla destra. Se è basato sul tasto Home, è un in altro posto o è assente, è un clone.
  • Se potete, controllate la versione di Android. Il Galaxy S8 viene venduto con Android con Nougat. Alcuni cloni portano ugualmente Nougat, perciò fate attenzione.

Ricordatevi sempre che i cloni più “furbi” hanno la scatola perfettamente copiata in ogni aspetto, ma il cellulare in sé avrà sempre qualche piccola differenza che lo distingue parecchio dal prodotto della Samsung.

Visto il mercato che è presente al momento, trovare un Galaxy S8 a 50-60 euro di meno non è impossibile. Le cose cominciano a diventare più dubbiose quando il costo scende di 100-150 euro.

Se state acquistando online, usate sempre metodi rimborsabili come Paypal o simili.

Evitate siti poco gestiti e con pochi prodotti, ma che offrono un Galaxy S8 a prezzi bassi. Guardate sempre le recensioni del venditore (se per esempio state usando ebay o amazon per il vostro acquisto).

Se avete dubbi siamo qui per aiutarvi, scriveteci nei commenti.

Come bloccare le pubblicità su Android

Posted on : 17-08-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

android

Che fastidio le pubblicità! Sono presenti in tutto: nelle nostre Apps preferite, nei siti che visitiamo, non c’è mai tregua! Ma per bloccarle, abbiamo spesso bisogno del Root su Android, se vogliamo proprio eliminare tutte le pubblicità in generale. Ma c’è attualmente una soluzione alternativa.

Eliminare le pubblicità su Android

Ma come funziona, se non vi è il Root? Cominciamo con la spiegazione di come attualmente le pubblicità vengono bloccate in cellulari muniti di Root.

Il programma più famoso per fare ciò è AdAway. Questo programma modifica il file Hosts all’interno di Android per bloccare qualsiasi dominio, sito o oggetto che è conosciuto globalmente per fornire solo pubblicità.

Cos’è il file Hosts?

E’ un file che indica al sistema operativo alcune regole speciali, fra le quali redirezionare il traffico della rete altrove. Le pubblicità vengono così dirette ad un indirizzo nullo, per il quale non possono comunicare.

Ma modificare il file Hosts richiede permessi speciali e perciò il Root. Farselo modificare da programmi esterni può essere senza dubbio pericoloso (ogni sito che visitiamo viene diretto altrove). Perciò per molti utenti con cellulari non rootati l’unica soluzione è sempre stata sopportare le pubblicità oppure comprare la versione pagata del programma.

Questa faccenda però sta per finire, visto che è stato creato un programma piuttosto intelligente che funziona anche senza Root.

Iniziamo prima con una nota rapida: questo programma può potenzialmente rallentare la connessione del vostro cellulare o, se la vostra CPU non è molto potente, rallentare lo Smartphone stesso (quando questo è in navigazione!).

Questo è dovuto per un singolo motivo: il programma, chiamato DNS66, funziona così:

  • Aprite un App o visitate un sito web
  • DNS66 legge prima il contenuto della pagina e ciò che contiene
  • Intercetta, blocca e cancella eventuali contenuti ritenuti Malware/Pubblicitari
  • La vostra pagina verrà visualizzata

Questo aggiunge molte più operazioni alla vostra connessione e al vostro cellulare, ma funziona.

Potete scaricare DNS66 su F-Droid. Tenete conto che potete scaricare l’APK, cercate bene e lo troverete. Attivate le Origini sconosciute sul vostro cellulare e controllate la versione del sistema operativo (funziona solo su Lollipop a salire).

Una volta installato il programma, apritelo ed andate su “Domain Filters”. Attivate quello di AdAway.

Fatto ciò, tornate indietro ed avviate la connessione VPN del programma (il pulsante gigantesco nel menù principale).

Adesso qualsiasi cosa passerà per la connessione di DNS66 verrà analizzato e bloccato. Dopo aver installato l’app disabilitate le origini sconosciute.

Come digitare caratteri speciali

Posted on : 16-08-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

caratteri speciali

Oggi vi vogliamo parlare di caratteri speciali per spiegarvi prima di tutto cosa sono e successivamente come si fanno a fare tramite la tastiera in Windows e tramite delle utility predisposte proprio per tale scopo.

Cosa sono i caratteri speciali

Sono dei caratteri utilizzati in HTML che vengono chiamati appunto “speciali”. Questi caratteri non sono compresi nelle specifiche ISO per la definizione di un set di caratteri portabile ed intelligibile da tutti i browser.

Possiamo comunque utilizzare questi caratteri nel testo specificandoli attraverso delle combinazioni che si chiamano entità (entity).

Digitare caratteri speciali su Windows

Se siete entrati in questo articolo certamente vi servirà sapere come digitare caratteri speciali su un PC dotato di Windows senza dover memorizzare strane combinazioni di tasti della tastiera.

Certo, esistono combinazioni per creare qualsiasi carattere speciale ma chi se li ricorda tutti.

E’ possibile quindi utilizzare una mappa di caratteri inclusa in tutte le versioni del sistema operativo Microsoft Windows.Se volete aprirla vi basterà fare click sul pulsante Start e poi fare esegui(se non c’è esegui è possibile utilizzare lo strumento di ricerca), digitate charmap nella barra e successivamente fate Invio sulla tastiera del PC.

Se incontrate delle difficoltà l’esegui è possibile richiamarlo trame una combinazione di tasti. Premete Win+R sulla tastiera per richiamare la finestra Esegui e successivamente digitate il comando sopra descritto(charmap) all’interno di quest’ultima.

Si aprirà la seguente schermata:

mappa caratteri

A questo punto certamente riuscirete a trovare il carattere che vi serviva.

 

Se poi siete appassionati di codici e volete qualche combinazione di tasti da premere per far apparire qualche carattere speciale allora eccovi servizi.

Eccovi un elenco di caratteri speciali di frequente utilizzo:

Faccine e simboli

☺ Alt+1

☻ Alt+2

♥ Alt+3

♦ Alt+4

♣ Alt+5

♠ Alt+6

◘ Alt+8

○ Alt+9

♂ Alt+11

♀ Alt+12

♪ Alt+13

♫ Alt+14

☼ Alt+15

™ Alt+0153

© Alt+0169

® Alt+0174

~ Alt+126

Frecce

► Alt+16

◄ Alt+17

↕ Alt+18

↑ Alt+24

↓ Alt+25

→ Alt+26

← Alt+27

∟ Alt+28

↔ Alt+29

Barre di avanzamento

░ Alt+176

▒ Alt+177

▓ Alt+178

█ Alt+219

▄ Alt+220

▀ Alt+223

■ Alt+254

Eccovi delle risorse utili per trovare altri caratteri speciali e le loro combinazioni:

Con il programma WinCompose si possono inserire tutti i caratteri speciali di Windows con un click, scegliendoli da una comoda tabella. Diventa facile quindi sfogliare tutti i caratteri disponibili e le loro sequenze per scriverli ovunque si vuole, copiando il simbolo o il carattere speciale e incollandolo.

Se voleste invece scrivere i simboli speciali su un sito web o su un blog usando codice html, la lista completa di come si scrivono è sul sito ascii.cl.

Deframmentiamo il registro prima del Boot di Windows

Posted on : 16-08-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

microsoft

Un trucco per velocizzare il PC è effettuare una deframmentazione a sistema non ancora avviato. Per non appesantire il PC installando altre applicazioni, possiamo agire sui settaggi del registro di configurazione del sistema operativo Windows.

Come deframmentare il registro all’avvio

Una volta aperto l’editor del registro di Windows(possiamo aprirlo da start – esegui – regedit oppure usando le ricerca e scrivendo regedit), partendo dalla chiave radice MACHINE raggiungiamo il path SOFTWARE/Microsoft/Dfrg/BootOptimizeFunction.

Se il nostro PC supporta la deframmentazione, dovremmo trovare una chiave “Enabled” nel riquadro di destra dell’editor di registro, quando selezioniamo BootOptimizeFunction.

Settandone il valore a y abilitiamo la funzionalità di deframmentazione al boot. Anche se la deframmentazione migliora le prestazioni del nostro PC, non è ragionevole perdere il tempo necessario a ogni avvio del PC.

Eccovi un video su come fare se non avete capito la procedura:

Facebook Marketplace: vendere e comprare oggetti

Posted on : 15-08-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

facebook marketplace

Marketplace di facebook, lanciato circa 1 anno fa negli stati uniti e in altri Paesi, e disponibile a partire da oggi anche in Italia anche se la sua introduzione sarà graduale e non tutti saranno in grado di usare la funzione nei primi giorni di rilascio.

Cos’è il Marketplace di facebook

E’ una piattaforma per comprare e vendere oggetti di qualunque tipo. Il servizio è piuttosto utilizzato negli USA con oltre 18 milioni di prodotti in vendita e migliaia di compravendite andate a buon fine.

Come funziona

Quando l’app di Facebook verrà aggiornata,comparirà l’icona Marketplace nella barra delle notifiche (in basso nell’app per iOS, in alto in quella per Android, nel menù a sinistra se si è da desktop).

Se si fa click (o tap a seconda del dispositivo che usiamo) si accederà ad un’area apposita in cui ci saranno degli annunci rispetto ai propri interessi. L’algoritmo messo a punto da facebook per proporgli annunci a voi interessanti si baserà molto sulle tipologie di post e pagine a cui avrete messo ‘mi piace’ e successivamente in base alle attività che eseguirete nel market.

Logicamente ci sarà anche la possibilità di ricercare in base a dei filtri quali categorie, prezzi e distanza geografica dei venditori.

Un video di esempio pubblicato sulla pagina ufficiale facebook:

Secondo quanto dichiarato da facebook su Marketplace si possono trovare “articoli che vanno dall’abbigliamento alle TV e persino auto e immobili“.

Il social network ovviamente non sarà responsabile della buona condotta delle parti in causa e non tutelerà in caso di truffe o cattiva gestione della compravendita fornendo solamente la vetrina in cui poter proporre i prodotti da vendere.

Marketplace, infatti, servirà solo a mettere in contatto le due persone (acquirente e venditore). Successivamente ci sarà un accordo tra le parti in privato per quanto riguarda il pagamento e la consegna dei beni.

Per tentare di evitare truffe, agli acquirenti interessati sarà possibile vedere alcune informazioni più dettagliate sui venditori, come il luogo in cui vivono e da quanto tempo sono iscritti al social network.

Logicamente è vietata la pubblicazione di prodotti illegali e per utilizzare l’ambiente bisognerà aver compiuto 18 anni.

Vi lasciamo con un altro video in cui facebook mostra com’è facile mettere in vendita un prodotto:

Smartphone Android usato? Ecco cosa fare prima dell’acquisto

Posted on : 15-08-2017 | By : admin | In : feed, Informatica, Tecnologia

0

android

Avete in mente di comprare un cellulare munito d’Android, ma non desiderate comprare un prodotto nuovo? A volte è possibile trovare qualche occasione come un Galaxy S5 in buone condizioni ad un prezzo contenuto, ma è sempre bene fare attenzione nell’acquisto.

Vediamo qualche consiglio adatto alla situazione.

Smartphone Android usato: consigli

Prima di tutto, controllate se ci sono particolari problemi famosi con il prodotto. Ad esempio, alcuni cellulari possono avere significativi problemi di memoria che sono stai risolti una volta mandati in garanzia.

Perciò, è più che adatto richiedere al venditore se quel cellulare ha ancora il presente problema oppure è stato mandato in garanzia per essere riparato.

In ulteriore nota alcuni cellulari a seconda dell’anno di produzione vengono rilasciati con il problema già risolto, per cui potete usare diversi punti di riferimento per capire se quel cellulare è uscito direttamente con il problema già risolto.

Controllate bene se non è un clone di qualche tipo. Questo vale solamente per i cellulari più famosi, come il Galaxy S. Per controllare se il cellulare è un clone, dovete tenere d’occhio fattori come prezzo (se è molto al di sotto del valore normale, è una patacca) o se la scatola riporta strane faccende tipo “Android Galaxy S”.

La batteria è quella originale?

Giustamente un cellulare d’un paio d’anni ha una batteria che non offre più la stessa carica, perciò è buona cosa controllare se è ancora quella originale.

Che tipo di garanzia è?

Alcuni cellulari usati sono ancora in garanzia, visto che c’è chi li cambia ogni anno. La garanzia Italiana, infatti, può arrivare fino a 24 mesi, per cui  il prodotto può ancora essere visto dalla casa per varie riparazioni in garanzia. I cellulari con garanzia europea non superano i 6 mesi, in casi speciali un anno.

Che Android ha?

Considerate che versione c’è di Android. Tenete conto che solo certe particolari versioni di Android vengono aggiornate contro i vari pericoli della rete. Se ha un sistema operativo come Jelly Bean, considerate l’idea di controllare se si può aggiornare ad un Android più recente (sia ufficialmente che con ROM custom).

Alcuni prodotti particolari, come quelli della Samsung, vengono aggiornati nei loro criteri di protezione di tanto in tanto. Non importa il sistema operativo (anche se l’età dello Smartphone rientra lo stesso).

Più il cellulare è di valore, maggiore è la necessità di controllare aspetti come graffi e danni estetici. Alcuni particolari cellulari con una copertura in vetro o la fotocamera particolarmente fragile richiede almeno qualche foto in più.

Se il venditore non offre più d’un paio di foto (fronte – retro) chiedetele prima dell’acquisto.

Usate canali sicuri per il vostro acquisto, non siti che non conoscete.

Potrebbe interessarvi: Iphone usato, consigli.