La revoca del madato all’amministratore della società non interrompe il pagamento della retribuzione pattuira

Posted on : 20-04-2016 | By : admin | In : Di tutto un pò!

0

Cassazione, Sezione prima civile, Sentenza 15.4.2016 n. 7587

Alcoltest: l’uso di farmaci non salva il conducente dalle sanzioni

Posted on : 16-04-2016 | By : admin | In : Di tutto un pò!

0

Alcoltest senza avviso a farsi assistere dal avvocato multa nulla

Assumere medicinali in grado di alterare il tasso alcolemico comporta ugualmente la guida in stato di ebrezza.

 

Dichiarare di assumere abitualmente farmaci che hanno la capacità di influire sui risultati dell’alcoltest non salva dalle sanzioni, qualora siano stati violati i valori soglia: lo ha dichiarato a più riprese la Cassazione [1].

 

Esistono farmaci che hanno la capacità di rallentare lo smaltimento dell’etanolo nel sangue e altri che addirittura possono determinarne un incremento. L’assunzione costante di medicinali, dovuta a malattie croniche, secondo la Corte di Cassazione, può falsare i risultati dell’alcoltest [2]. Tuttavia colui che ha assunto, per qualsiasi ragione, alcolici o misture, rimedi, prodotti e farmaci contenenti alcol, ha l’obbligo di astenersi dal condurre veicoli [3].

Ciò in quanto il test del palloncino scatta anche in caso di assunzione di farmaci a base di alcol. Difatti, non si salva dalla sanzione per guida in stato di ebbrezza chi, nonostante l’alcoltest dia esito positivo, sostenga che il risultato sia falsato dall’assunzione di un particolare medicinale [4].

 

È dovere di ogni conducente accertarsi, senza potersi avvalere della dedotta ignoranza e incorrendo in caso contrario in colpa, della compatibilità dell’assunzione del farmaco con la circolazione stradale al momento di mettersi alla guida. Il fatto che l’automobilista non sia un farmacista o un medico e, pertanto, non abbia conoscenza delle esatte conseguenze che un medicinale può comportare, non può scusarlo dalla sanzione.

 

 

Note

[1] Cass. sent. n. 38793/2011.

[2] Cass. sent. n. 28388 del 13.07.2012.

[3] Cass. sent. n. 4967 del 31.01. 2014; Cass. sent. n. 15562 del 3.04.2013.

[4] Cass. sent. n. 36887 dell’11.09.2015.

SpongeBobs Game Frenzy

Posted on : 21-03-2016 | By : admin | In : Di tutto un pò!

0

SpongeBobs Game Frenzy

Tutte le informazioni riguardo spongebobs game frenzy disponibili per smartphone e tablet con il download completo dell’app spongebobs game frenzy su fidanza-eu.tumblr.com

Tom Clancys The Division Xbox One

Posted on : 21-03-2016 | By : admin | In : Di tutto un pò!

0

Tom Clancys The Division Xbox One

Tutte le informazioni riguardo tom clancys the division xbox one disponibili per smartphone e tablet con il download completo dell’app tom clancys the division xbox one su www.consolemania.com

Abolizione del bollo auto: la novità di Renzi

Posted on : 13-03-2016 | By : admin | In : Di tutto un pò!

0

Bollo auto- quali arretrati non si pagano perche prescritti

L’asso nella manica del Premier in calo di popolarità: la tassa sulla circolazione delle auto, meglio conosciuta come bollo, sarà cancellata tra qualche mese.

 

Forse già dall’anno prossimo non dovremo più pagare il bollo auto che sarà così cancellato dall’elenco delle tasse che gravano sugli italiani. Come Berlusconi, tre anni fa, durante la campagna elettorale, in odor di sconfitta nei sondaggi, aveva promesso l’abolizione della tassa sulla prima casa, anche Renzi ha estratto il suo asso dalla manica e dichiara: con la prossima legge di Stabilità (dicembre 2016, n.d.R.) potrebbe scomparire il bollo auto. Forse la cancellazione di una delle imposte più odiate dagli italiani non sarà immediata, e seguirà piuttosto una progressione, iniziando da determinate categorie per poi estendersi a tutte, o forse interesserà inizialmente solo i passaggi di proprietà, ma di fatto gli italiani si libereranno dall’odioso balzello.

 

Come avverrò l’abolizione del bollo auto? E soprattutto, a fronte di quale altro sacrificio? Questo non è dato saperlo, ma il dubbio è più che legittimo, posto che le Regioni traggono, dall’imposta sulla circolazione delle auto, una delle proprie principali entrate. E dunque è lecito interrogarsi su cosa chiederanno in cambio gli assetati e sempre in perdita enti locali italiani. Il che potrebbe anche voler dire «Come si chiamerà, dopo che sarà eliminato, il “nuovo” bollo auto?». L’esperienza insegna: c’era una volta l’Imu che, dopo la sua abrogazione, è comparso con le sembianze del fantasma “Tasi”. C’era una volta la Tasi che, con la sua cancellazione, è tornata sotto le vesti di aumenti delle tasse locali (Tari su tutte), delle tariffe di luce e gas e delle rette degli asili (che hanno, di fatto, azzerato il beneficio della cancellazione della tassa sulla prima casa).

 

Leggi anche “Bollo auto: quali arretrati non si pagano, perché prescritti?

 

Intanto Renzi ha già radunato il suo staff: “Serve qualcosa di nuovo e popolare”, va in giro a dire il Premier. Gli italiani si sono già “assuefatti” a tutte le riforme fatte in poco meno di due anni; gli 80 euro in busta paga non sono serviti quasi a nulla. E che l’asso della manica sia proprio la cancellazione del bollo auto – cavallo di battaglia da più legislature – non è neanche una grossa sorpresa. Della sua abolizione si parla, con insistenza, già da un anno e, anzi, non c’è chi si aspettava che, proprio nella appena approvata legge di Stabilità, ci sarebbe stata qualche misura di “contenimento” dell’imposta. Che invece, come noto, non c’è stata e, anzi, si è adottata una scelta di maggior rigore, con la cancellazione dell’esenzione per le auto storiche (quelle tra i 20 e 30 anni di età).

 

Ci sono molti italiani, ad oggi, che preferiscono attendere la prescrizione dei tre anni del bollo auto, piuttosto che le promesse del Governo. Ma c’è anche chi, per non averlo pagato, ha subìto il fermo amministrativo di Equitalia. Ed è proprio questo lo spauracchio che rende così invisa l’imposta sulla circolazione e che potrebbe portare, l’attuale Consiglio dei Ministri, a rivederne termini e forme di pagamento.

Volkswagen Up! MY 2016: in anteprima al Salone di Ginevra

Posted on : 23-02-2016 | By : admin | In : Di tutto un pò!

0

Volkswagen Up! MY 2016: in anteprima al Salone di Ginevra

Tutte le informazioni riguardo volkswagen up! my 2016: in anteprima al salone di ginevra disponibili per smartphone e tablet con il download completo dell’app volkswagen up! my 2016: in anteprima al salone di ginevra su www.fidanza.eu

Il significato di sognare uno specchio

Posted on : 28-04-2015 | By : admin | In : Di tutto un pò!

0

Uno degli elementi maggiormente ricchi di significato nel mondo dei sogni è quello dello specchio. Varie sono le interpretazioni dei sogni che si possono dare a questo elemento. Lo specchio non è nient’altro che la rappresentazione di noi stessi. Secondo una credenza davvero diffusa quando una persona ci si specchia, lascia una parte di sé […]

L’articolo Il significato di sognare uno specchio sembra essere il primo su WiKi Plastic.

Apple sfiderà Spotify con app anche per Android

Posted on : 09-03-2015 | By : admin | In : Di tutto un pò!

0

Oramai non è più una novità che Apple sia al lavoro su un proprio servizio di streaming musicale, già se ne parlava prima dell’acquisto di Beats ed ora è dato per certo. Sono trapelate nuove informazioni sulla disponibilità del servizio.

Svariate testate del settore riportano che il servizio sarà multipiattaforma con Apple che realizzerà anche un app per Android dove oltre a Spotify andrà a contrastare anche Play Music. Pare pero’ che l’arrivo di una versione Android sia stato posticipato dato che vari sviluppatori Android arrivati in Apple tramite l’acquisizione di Beats si siano licenziati causando una battuta di arresto nello sviluppo.

Pare che Apple abbia intenzione di lanciare il nuovo servizio in tandem con il futuro aggiornamento iOS 8.4 anche se nulla e certo dato che ci sono anche ipotesi per un uscita in autunno insieme invece al nuovo sistema operativo iOS 9.

Il servizio dovrebbe essere integrato all’interno dell’app Musica su iOS con un funzionamento simile a Beats Music ma con design made in Cupertino. Sull’Apple TV andrà a sostituire l’attuale canale Beats mentre su OS X sarà disponibile attraverso iTunes.

Tra le features del servizio troviamo playlist, librerie cloud e cataloghi proposti in base alle preferenze degli utenti. Sul fronte prezzi pare che Apple darà battaglia dato che si parla di 7.99 dollari al mese contro i 9.99 dollari richiesti da Spotify e simili.

Il tutto potrebbe essere svelato durante il prossimo WWDC, la conferenza dedicata agli sviluppatori iOS e OS X dove Apple è solita presentare le novità software.