Warning: Use of undefined constant WPRBLVERSION - assumed 'WPRBLVERSION' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/wp-render-blogroll-links/WP-Render-Blogroll.php on line 19

Warning: Declaration of Walker_Comment2::start_lvl(&$output, $depth, $args) should be compatible with Walker::start_lvl(&$output, $depth = 0, $args = Array) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/themes/dynablue/functions.php on line 147

Warning: Declaration of Walker_Comment2::end_lvl(&$output, $depth, $args) should be compatible with Walker::end_lvl(&$output, $depth = 0, $args = Array) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/themes/dynablue/functions.php on line 147

Warning: Declaration of Walker_Comment2::start_el(&$output, $comment, $depth, $args) should be compatible with Walker::start_el(&$output, $object, $depth = 0, $args = Array, $current_object_id = 0) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/themes/dynablue/functions.php on line 147

Warning: Declaration of Walker_Comment2::end_el(&$output, $comment, $depth, $args) should be compatible with Walker::end_el(&$output, $object, $depth = 0, $args = Array) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/themes/dynablue/functions.php on line 147
Attualità e Società | KYK.it - Part 88
Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Recupero edilizio e risparmio energetico: quali incentivi

Posted on : 03-04-2020 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524
Quanto costa costruire una casa

La differenza tra entrambi i tipi di interventi e le aliquote attribuite a ciascun lavoro per beneficiare della detrazione fiscale.

Nel marasma delle percentuali riconosciute come detrazioni fiscali per mettere a posto un immobile o per renderlo più efficiente da un punto di vista energetico, spesso si fa confusione tra quali lavori rientrano nell’una e nell’altra. Ad esempio: per fare il cappotto termico ad un edificio bisogna chiedere il bonus ristrutturazioni del 50%, quello sul risparmio energetico che va fino al 75% oppure il bonus facciate del 90%? Sul bonus facciate, abbiamo già spiegato a chi spetta e a chi no e le regole sono più marcate. È interessante, però, capire la differenza tra recupero edilizio e risparmio energetico, quali incentivi sono previsti in uno e nell’altro caso.

Può capitare, infatti, quando si decide di ristrutturare una casa di realizzare degli interventi che possono servire sia ad abbellirla esteticamente e a riammodernarla, sia a migliorare l’isolamento termico e, quindi, a renderla più efficiente da un punto di vista energetico ed ambientale (meno bisogno di riscaldamento, meno emissioni nell’aria, migliore qualità di vita per tutti). In entrambi i casi, ci sono degli incentivi previsti per consentire al contribuente di dare il via ai lavori sapendo che potrà recuperare una parte della spesa.

Vediamo di seguito la differenza tra recupero edilizio e risparmio energetico, quali incentivi è possibile avere e a chi spettano.

Recupero edilizio e risparmio energetico: quale differenza?

Per recupero del patrimonio edilizio si intende quel pacchetto di lavori di manutenzione straordinaria (o di manutenzione ordinaria di parti comuni di un condominio), di restauro e di risanamento conservativo su unità immobiliari residenziali e sulle loro pertinenze. Rientrano anche gli interventi di ristrutturazione edilizia e i cosiddetti «interventi minori», come la sistemazione di un edificio (anche non residenziale) danneggiato da una calamità naturale o la realizzazione di un’autorimessa o di posti auto pertinenziali.

Le opere di risparmio energetico qualificato, invece, sono quelle mirate a garantire una maggiore efficienza dell’immobile da un punto di vista energetico, in modo da garantire dei consumi più bassi e, di conseguenza, un minor inquinamento ambientale. In questo caso, si parla ad esempio dell’acquisto e della posa di generatori di calore alimentati a biomasse, di impianti di climatizzazione dotati di caldaia a condensazione, di pompe di calore, di finestre con infissi e schermature solari, ecc.

Recupero edilizio: quali aliquote per la detrazione?

Per le opere di recupero del patrimonio edilizio è prevista una detrazione fiscale del 50% sulle spese effettivamente sostenute entro il 31 dicembre del 2020. Dal 1° gennaio 2021, invece, l’aliquota scenderà al 36%. Per le misure antisismiche, a specifiche condizioni, le detrazioni vanno dal 70% all’85% anche su costruzioni adibite ad attività produttive.

Oltre agli interventi citati nel capitolo precedente, rientrano nella detrazione del 50% gli interventi per:

  • l’abbattimento delle barriere architettoniche;
  • la prevenzione di atti illeciti di terzi (ad esempio, la posa di una grata di ferro sulla finestra);
  • la cablatura degli edifici;
  • contenere l’inquinamento acustico;
  • aumentare il risparmio energetico non qualificato, inclusi i pannelli fotovoltaici;
  • la bonifica dall’amianto;
  • ridurre gli incidenti domestici (ad esempio, l’eliminazione di inutili gradini).

Importante ricordare che tutti questi lavori devono essere fatti su unità immobiliari residenziali e sulle loro pertinenze.

Spetta una detrazione del 50% anche per l’acquisto di un’abitazione all’interno di un fabbricato interamente ristrutturato.

La spesa si ritiene sostenuta ai fini del bonus al momento del pagamento (principio di cassa).

Recupero edilizio: chi ha diritto alla detrazione?

Possono beneficiare della detrazione del 50% per le spese di recupero del patrimonio edilizio sostenute fino al 31 dicembre 2020 le persone fisiche, compresi i professionisti e le ditte individuali, familiari o coniugali, ed i soci delle società semplici limitatamente alle abitazioni immobilizzate.

Risparmio energetico: quali aliquote per la detrazione?

Più articolate le detrazioni per i lavori mirati al risparmio energetico qualificato, che variano a seconda dell’intervento effettuato.

Nel dettaglio, l’aliquota è del 50% per:

  • acquisto e posa in opera di impianti con generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;
  • sostituzione (anche parziale) di impianti di climatizzazione invernale con quelli dotati di caldaia a condensazione (in alcuni casi la percentuale sale al 65%;
  • installazione di finestre con infissi e di schermature solari.

Oltre ad alcuni casi in cui l’installazione di una caldaia a condensazione permette di avere una detrazione del 65%, la stessa percentuale spetta per:

  • sostituzione anche parziale del vecchio impianto con pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici a bassa entalpia;
  • la sostituzione del vecchio scaldabagno con uno a pompa di calore;
  • l’installazione di pannelli solari per produrre acqua calda;
  • l’installazione di strutture verticali come i cappotti oppure orizzontali come pavimenti o coperture;
  • la riqualificazione energetica generale dello stabile;
  • la sostituzione di un impianto attuale con micro-cogeneratori;
  • i dispositivi multimediali per controllare a distanza l’impianto di riscaldamento o di climatizzazione;
  • gli interventi di riqualificazione energetica delle parti comuni dei condomini.

L’aliquota è del 70% per gli interventi di riqualificazione energetica su oltre il 25% dell’involucro dell’edificio.

Infine, viene riconosciuta l’aliquota del 75% per le opere di riqualificazione energetica sulle parti comuni di un condominio quando si migliora la qualità media stabilita dalla legge.

La spesa si ritiene sostenuta ai fini del bonus al momento del pagamento (principio di cassa) per privati, professionisti e imprese in contabilità semplificata. Subentra, invece, il principio di competenza per le imprese in contabilità ordinaria: si prende come riferimento il periodo in cui l’installazione viene ultimata.

Risparmio energetico: chi ha diritto alla detrazione?

Possono chiedere la detrazione spettante per i lavori di risparmio energetico qualificato i residenti e non residenti nel Comune in cui si trova l’immobile, a prescindere dal loro reddito. Si parla, quindi, di:

  • persone fisiche;
  • esercenti arti e professioni;
  • enti privati o pubblici senza attività commerciale;
  • soci delle società semplici;
  • soci delle associazioni di professionisti;
  • condòmini interessati da spese per lavori sulle parti comuni dell’edificio;
  • contribuenti con reddito d’impresa.

Come pagare i lavori per avere la detrazione?

Sia per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio sia per quelli mirati al risparmio energetico qualificato, per ottenere le rispettive detrazioni fiscali è necessario effettuare i pagamenti con uno strumento tracciabile.

Si dovrà utilizzare, in particolare, il cosiddetto bonifico parlante, che dovrà riportare nella causale:

  • codice fiscale di chi beneficia della detrazione;
  • numero di partita Iva del destinatario del bonifico.

Occorrerà anche indicare il riferimento normativo dell’agevolazione spettante, ovvero:

  • per le aliquote del 36% e 50%: articolo 16-bis Tuir o DPR 917/1986;
  • per le aliquote del 50%, 65%, 70% e 75%: articolo 1, commi da 344 a 347, legge n. 296/2016.

L’obbligo del bonifico parlante non sussiste per le imprese in contabilità ordinaria che effettuano lavori per il risparmio energetico qualificato poiché, come accennato poco fa, nel loro caso si applica per identificare il momento del pagamento il principio di competenza.

Coronavirus: Ceccanti, ‘su Orban ancora assente voce destra liberale italiana’

Posted on : 03-04-2020 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Roma, 3 apr. (Adnkronos) – “A differenza di tredici partiti di centrodestra europei aderenti al Ppe guidati dai Primi ministri conservatori di Grecia e Norvegia, che hanno capito la vera natura del regime di Orban chiedendone l’espulsione dal loro partito, in Italia, almeno per ora, sembra purtroppo assente qualsiasi voce rappresentativa di destra liberale che vada oltre alcune difese improbabili del governo ungherese. Il quale, per suo conto, risponde oggi facendo finta di niente”. Lo sottolinea Stefano Ceccanti, capogruppo del Pd i commissione Affari costituzionali della Camera.

Coronavirus: Anima, in meccanica a rischio 4.500 posti lavoro per ogni giorno chiusura (2)

Posted on : 03-04-2020 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

(Adnkronos) – Per Marco Nocivelli, presidente di Anima Confindustria Meccanica, “è fondamentale poter ricominciare a lavorare, in sicurezza, magari a ritmi ridotti, ma ripartire. Non possiamo mantenere totalmente bloccate le nostre fabbriche, che sono il nostro asset principale. Da imprenditori dobbiamo avere la possibilità di mettere in sicurezza i luoghi di lavoro, avere i Dpi necessari, e poi certamente garantire le distanze tra le persone, ridurre o modulare i turni, e garantire ai dipendenti spostamenti sicuri, ma dobbiamo mantenere vivo il nostro tessuto produttivo. Questo è l’unico modo per garantire al nostro paese l’uscita da questa crisi, che non sarà solo sanitaria ma economica e infine sociale se non interveniamo da subito”.

Coronavirus: medici protetti dalle cause per malasanità

Posted on : 03-04-2020 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Verso l’approvazione i correttivi al decreto Cura Italia per dotare gli operatori sanitari di uno scudo penale e civile che li tuteli da azioni legali e giudiziarie avventate.

Contro i tentativi di sciacallaggio intrapresi da alcuni studi legali che avevano iniziato ad instaurare azioni contro strutture sanitarie e medici in prima linea nella lotta al Coronavirus, prendono forma le iniziative legislative per munire gli operatori sanitari di uno scudo penale e civile che gli garantisca l’immunità dalle cause per malasanità.

Il luogo è il Senato, dove è in corso la conversione in legge del decreto Cura Italia. Sono stati già proposti diversi emendamenti, alcuni direttamente da parte del Governo,  per rafforzare la tutela dei camici bianchi durante il periodo emergenziale e offrire loro la tranquillità di azione necessaria in questo periodo. Ma anche l’opposizione collabora e ha depositato alcune proposte che convergono sulla medesima linea.

I provvedimenti sono attesi all’esame dell’Aula per l’8 aprile. L’obiettivo comune è quello di proteggere medici, infermieri, dirigenti di strutture sanitarie e ospedaliere dal rischio di essere trascinati in tribunale per eventi, come quello del contagio da Covid-19, che sfuggono alle loro responsabilità. Così, vista la comunanza di intenti tra le varie forze politiche su questo tema – tutti i leader politici si sono mostrati a favore – si cerca di fondere i diversi emendamenti in un unico testo, da approvare con maggioranza bipartisan.

Gli emendamenti più forti e che potrebbero coagulare attorno a sé i consensi necessari per l’approvazione sono quelli del Pd e del Movimento 5 Stelle. Il primo punta a ridurre la responsabilità civile e penale delle strutture mediche – sia pubbliche sia private – salvi i casi di dolo, quelli dove il contributo volontario dei sanitari nella causazione dell’evento lesivo appare evidente. Il secondo offrirebbe una copertura più estesa, limitando la possibilità di intentare azioni legali anche per errori dovuti a colpa grave.

Questo per proteggere gli operatori anche da eventuali azioni disciplinari interne avviate nei loro confronti dalla struttura, dove rilevano questi profili di imperizia. C’è poi il contributo di Forza Italia che nel suo emendamento lascia salve le possibilità di ottenere un risarcimento in sede civile dalle strutture sanitarie nei soli casi di inadempimenti gravi.

Un punto di coesione potrà trovarsi una volta che sarà chiarito che è sufficiente dimostrare il rispetto da parte del personale delle linee guida e dei protocolli sanitari, nonché delle buone prassi nella gestione dei ricoveri e dei trattamenti dei pazienti con malattie contagiose: nello specifico, quelli affetti da Covid-19. Una norma in tal senso, precisa nei contenuti e chiara nella formulazione di immunità garantita ove risulti che i sanitari si siano attenuti a tali indicazioni, potrà scoraggiare in partenza i tentativi di approfittamento e di avvio di cause temerarie per infezioni ospedaliere, contro cui c’è già stata la comune e dura reazione degli ordini degli avvocati e dei medici.

Coronavirus: Craxi (Fi), ‘Gentiloni esiga scuse Dombrovskis’

Posted on : 03-04-2020 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Roma, 3 apr. (Adnkronos) – “Le parole del vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis denotano l’ottusità e la sfrontatezza di certo europeismo di maniera che non conosce né buonsenso, né decenza, né tantomeno ha preso contezza dell’emergenza sanitaria, ancor prima che economica, in cui versano alcuni Paesi europei. Le sue parole sono un’offesa verso quanti hanno perso la vita, verso quanti combattono in prima linea questo tragico virus e la testimonianza viva dell’ottusità burocratica che sta alla base di quest’Europa”. Lo afferma Stefania Craxi, senatrice di Forza Italia e vicepresidente della commissione Esteri del Senato.

Coronavirus: M5S, interrogazione su lavoratori pulizie, ‘tutelare tutti’

Posted on : 03-04-2020 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Roma, 3 apr. (Adnkronos) – “In queste settimane di emergenza in molti stanno segnalando che alcune imprese hanno deciso di ricorrere alla sospensione nei confronti di lavoratori che hanno svolto servizi di pulizia e ausiliari presso le scuole. Questo, peraltro, sarebbe avvenuto senza che ai lavoratori sia stato proposto lo svolgimento della propria attività per altri appalti facenti capo alla stessa azienda. La sospensione mette i lavoratori in una condizione di estrema difficoltà, dal momento che non possono beneficiare né di un reddito da dipendente, né di un ammortizzatore sociale”. Così Luigi Gallo, presidente del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura a Montecitorio. “E’ per questo che ho deciso di depositare un’interrogazione al Governo, affinchè il ministero competente spieghi come intende attivarsi per verificare le presunte irregolarità relative alle sospensioni, e quali strumenti ha intenzione di utilizzare per salvaguardare le condizioni economiche di questi lavoratori”.

Unipol: Consob, Norges Bank al 2,646%

Posted on : 03-04-2020 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Roma, 3 apr. (Adnkronos) – Norges Bank detiene, dal 18 marzo, il 2,646% del capitale sociale di Unipol. E’ quanto si legge negli aggiornamenti della Consob.

Coronavirus: Comune Milano limita spese 2020, ‘situazione conti difficile’ (2)

Posted on : 03-04-2020 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

(Adnkronos) – Il Comune di Milano sta facendo le stime delle perdite economiche, al momento non sono ancora complete, per procedere nelle prossime settimane ad una variazione di bilancio che garantisca l’equilibrio. “Fermo restando che resta operazione difficile per il Comune di Milano e per i comuni italiani uscire da questa situazione senza interventi aggiuntivi da parte degli Enti superiori”, spiega ancora Tasca

Coronavirus: donazione di Papa Francesco all’Ospedale di Bergamo

Posted on : 03-04-2020 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Milano, 3 apr. (Adnkronos) – Papa Francesco, per tramite del vescovo di Bergamo, ha donato 60mila euro all’Ospedale Papa Giovanni “come segno della sua premura e della sua carità”. Lo fa sapere la diocesi di Bergamo.

Coronavirus: emendamenti Iv, anche ‘passaporto immunità’ per rientro al lavoro

Posted on : 03-04-2020 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Roma, 3 apr. (Adnkronos) – “Un pacchetto sostanzioso sulla sanità è stato presentato da Italia Viva , tra emendamenti al Cura Itala ed ordini del giorno che impegnano il governo per il prossimo decreto aprile. Si va dal test degli anticorpi al tampone per tutti, alla possibilità di fare lo screening ovunque: ospedali, strutture pubbliche e private, farmacie e para farmacie, in modo da rilasciare un ‘passaporto di immunità’, per tornare al lavoro”. Si legge in una nota Iv.


Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524

Warning: Use of undefined constant user_level - assumed 'user_level' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/giancarlospadini/kyk.it/wp-content/plugins/ultimate-google-analytics/ultimate_ga.php on line 524