Fondazione Open: Faraone, ’12 dicembre dibattito a Senato con Renzi’

Posted on : 03-12-2019 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0

Roma, 3 dic. (Adnkronos) – “Ok dalla capigruppo, il dibattito urgente che abbiamo chiesto alla Casellati sulle regole del finanziamento alla politica e su chi stabilisce cos’è un partito e cosa no, si terrà giovedì 12 dicembre in Senato. Per Italia Viva prenderà la parola Matteo Renzi”. Lo scrive su twitter il capogruppo di Italia Viva al Senato, Davide Faraone.

Dl Fisco: Renzi, ‘Iv contraria a slittamento trasparenza, ma per Fatto no’

Posted on : 03-12-2019 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0

Roma, 3 dic. (Adnkronos) – “Il testo del Pd che fa slittare la trasparenza è stato votato anche dai 5S mentre Italia Viva era contraria. Guardate fin dove può arrivare la scorrettezza del Fatto Quotidiano. Perché ‘Renzi esulta’? Chiedo agli amici della stampa: questo vi sembra giornalismo? #ColpoSuColpo”. Lo scrive Matteo Renzi su twitter in merito a un pezzo del Fatto Quotidiano nel quale si dice che il leader Iv avrebbe esultato per il via libera allo slittamento della trasparenza, emendamento al dl Fisco poi ritirato.

Tlc: 2020 anno del 5G, opportunità per la Sicilia

Posted on : 03-12-2019 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0

Palermo, 3 dic. (Adnkronos) – La rivoluzione del 5G e le ricadute per l’economia siciliana. E’ stato questo il tema al centro del dibattito del ‘Il Caffè delle 9’ organizzato da RMStudio di Raffaele Mazzeo alla Lumsa di Palermo. Il 2020 sarà l’anno del 5G, la nuova rete di connessione mobile che permetterà di fare un salto di qualità nella connettività. Una rivoluzione che rappresenta una grande opportunità da cogliere per l’economia siciliana perché i prodotti dell’eccellenza enogastronomica, così come l’arte, l’artigianato e le risorse naturali come energia e acqua, potranno usufruire di nuove sinergie e creare nuova ricchezza.

Tlc: 2020 anno del 5G, opportunità per la Sicilia (2)

Posted on : 03-12-2019 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0

(Adnkronos) – “L’università può svolgere un ruolo fondamentale di hub per mettere a sistema i migliori attori del contesto territoriale e proiettarli verso l’innovazione – ha aggiunto Gabriele Carapezza Figlia, direttore del dipartimento di Giurisprudenza della Lumsa – Le potenzialità del 5G potranno permettere di bypassare il gap infrastrutturale che affligge la Sicilia e l’Università può svolgere il ruolo di trait d’union tra imprese, istituzioni e professionisti per affrontare queste nuove sfide”.

Sicilia: caso Arata, assessore Turano sentito in Procura come teste

Posted on : 03-12-2019 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0

Palermo, 3 dic. (Adnkronos) – L’assessore regionale alle Attività produttive della Sicilia Girolamo Turano è stato sentito oggi pomeriggio dai pm di Palermo, come persona informata sui fatti, nell’ambito dell’inchiesta che ha portato in carcere Paolo Arata, l’ex consulente sulle energie rinnovabili della Lega e secondo i magistrati della Dda socio in affari del ‘re’ dell’eolico Vito Nicastri. Arata e Nicastri sono stati arrestati per un giro di tangenti alla Regione sulle autorizzazioni ad alcuni impianti di energia rinnovabile.

Amazon sta arrivando al supercomputer

Posted on : 03-12-2019 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0

Amazon punta a incrementare la potenza di calcolo dei computer e ad interconnettere ogni aspetto della nostra vita. Con un’occhio di attenzione all’ambiente.

Una nuova sorpresa da Amazon, che punta a estendersi sempre più in tutti gli ambiti ma non dimentica di essere nata come azienda informatica. Ecco allora che adesso vuole ‘reinventare’ i super computer, quelli in grado di effettuare calcoli estremamente complessi (Hpc, high performance computing) in poco tempo, non solo per aumentare le performance ma anche per tagliare i costi di queste
infrastrutture, così elevati oggi da non permettere l’accesso a tutti.

Lo ha spiegato oggi in apertura dei lavori del Re:invent 2019, l’evento annuale di Amazon Web Services, che si svolge a Las Vegas, il
vicepresidente delle global infrastructure di Aws, Peter DeSantis. L’agenzia stampa Adnkronos ha raccolto le sue dichiarazioni su questo progetto.

La rivoluzione nel settore del supercalcolo, ha spiegato, “passa per la rete. Non è possibile definire esattamente quali siano i carichi di
lavoro di un supercomputer, ma è chiaro che ci sia una costante: sono talmente grandi da non poter passare per singoli server”.

Da qui la necessità, ha detto ancor DeSantis, “di reti estremamente performanti che collegate tra loro possono permettere ai supercomputer di lavorare assieme e risolvere i problemi per i quali sono chiamati a operare”. Del resto “gli Hpc influiscono oramai in ogni singolo aspetto della nostra vita, come ad esempio le problematiche legate all’ingegneria o alla ricerca scientifica.

Il supercalcolo – ha ricordato – ha bisogno di singoli server che effettuano le operazioni per poi ricollegarle tutte assieme. E’ uno scambio di informazioni costante e questo continuo passaggio di dati permette di continuare a svolgere calcoli. Per cui c’è necessità di uno stretto coordinamento che esercita una forte pressione sulla rete”.

Per cui, “quello che serve è una rete dalle elevate prestazioni e dalla bassa latenza. Se guardiamo da vicino un supercomputer, non è
altro che un insieme di server appositamente strutturati”. Sommando tutti questi elementi, quindi, il risultato sono infrastrutture
estremamente costose che non tutti possono permettersi. “Se vogliamo reinventare il supercalcolo, l’unico modo è reinventare i super
computer. Anche perché – ha proseguito DeSantis – con un maggiore accesso all’Hpc più realtà potrebbero contribuire e avremmo automobili connesse più sicure, previsione del tempo più precise ma anche diagnosi e cure migliori per le malattie, scatenando così
l’innovazione”.

(Adnkronos) – Efficienza di calcolo significa anche un consumo minore
di risorse. E così, dal palco del Sands Expo Convention Center di Las
Vegas, DeSantis ha anche parlato di sostenibilità. Amazon è
un’azienda, ha ricordato, che vuole raggiungere in anticipo gli
obiettivi fissati nella conferenza di Parigi, che chiedono il
raggiungimento di emissioni zero nel 2050. ”Noi – ha detto DeSantis
citando il ceo di Amazon Jeff Bezos – ci siamo posti l’obiettivo di
anticipare questi traguardi 10 anni prima, fissandoli al 2040. Se ci
riesce un’azienda delle dimensioni della nostra, tutti possono
riuscirci”.

Secondo quanto ha illustrato il manager di Aws, ”nel 2024 arriveremo
ad avere l’80% dell’energia che utilizziamo da fonti rinnovabili, nel
2030 saremo al 100%. E poi nel 2040 sarò la volta dell’obiettivo delle
zero emissioni”.

Per arrivare a questi traguardi, Amazon ha deciso quindi di estendere
i suoi progetti di impianti di produzione di energia alternativa al di
fuori degli Stati Uniti e dell’Europa. Nel corso del suo keynote,
DeSantis ha annunciato sei nuovi progetti che vedranno la luce in
Australia. Si tratta, ha spiegato, “di cinque infrastrutture per la
produzione di energia solare, mentre l’altro sarà un parco eolico”.

Prescrizione: Ceccanti, ‘no cedimenti a M5S, accordo o proposta Pd’

Posted on : 03-12-2019 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0

Roma, 3 dic. (Adnkronos) – “Il 20 novembre del 2018 fu presentata e discussa in aula la pregiudiziale di costituzionalità sulla pratica eliminazione della prescrizione contenuta nel cosiddetto spazzacorrotti. Mi fu dato l’onore di illustrarla e cercai di spiegare all’allora maggioranza, compresa la Lega, che oggi appare pentita, perché essa fosse manifestamente incostituzionale a partire dall’evidente violazione della ragionevole durata del processo garantita dall’articolo 111 della Costituzione”. Lo sottolinea Stefano Ceccanti del Pd.

Ue: Martina, ‘Salvini e Meloni vogliono Italia fuori da euro’

Posted on : 03-12-2019 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0

Roma, 3 dic. (Adnkronos) – “Mi sembra sempre più chiaro che Salvini e Meloni vogliano l’Italia fuori dall’euro. Questa è la strategia della destra italiana e la vicenda dell’attacco al fondo salva stati e’ solo l’ultimo atto. Risparmi e conti degli italiani sono seriamente a rischio se prevale questa logica folle non certo che l’Italia rimane nel cuore del progetto europeo che è invece il nostro vero scudo protettivo”. Lo dice Maurizio Martina del Pd.

Webranking, Hera al top in Italia nella comunicazione digitale

Posted on : 03-12-2019 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0

Roma, 3 dic. (Adnkronos) – Il gruppo Hera si conferma ai vertici della comunicazione digitale in Italia, risultando la migliore utility e la terza azienda in assoluto tra le 112 analizzate dagli esperti delle agenzie di consulenza Lundquist e Comprend, che ogni anno esaminano i siti corporate delle maggiori imprese italiane quotate in Borsa.

Nulle le cartelle consegnate con il servizio Seguimi

Posted on : 03-12-2019 | By : admin | In : Attualità e Società, feed

0

Poste Italiane deve cercare l’indirizzo effettivo del contribuente quando questi cambia residenza. 

Se è vero che i vizi di notifica restano tutt’oggi il principale motivo di opposizione alle cartelle esattoriali, eccone uno che – c’è da scommettere – diventerà da oggi in poi un must di ogni ricorso. Secondo una recente ordinanza della Cassazione [1], infatti, è nulla la notifica fatta dal fisco all’indirizzo del servizio “Seguimi” delle Poste. L’Agente per la riscossione esattoriale – così come anche l’Agenzia delle Entrate – è infatti tenuto consegnare la raccomandata al domicilio eletto dal contribuente.

La vicenda riguarda alcune cartelle di pagamento per sanzioni Iva. L’imprenditore aveva lamentato da subito la mancata notificata da parte dell’esattore che invece si era difeso sostenendo di aver utilizzato il servizio “Seguimi” delle Poste.

Nonostante la sconfitta in primo e secondo grado, il contribuente non si è arreso e, alla fine, ha avuto ragione in Cassazione. Secondo la Corte, infatti è pacifico che la notifica degli atti fiscali, così come la cartella esattoriale, debba avvenire sempre presso il domicilio fiscale del destinatario. 

È del resto il testo unico sulle imposte sui redditi, il Dpr n. 660 del 1973, a stabilire che, salvo il caso di consegna dell’atto o dell’avviso in mani proprie, la notifica debba essere fatta sempre nel domicilio fiscale del contribuente. È facoltà di quest’ultimo eleggere un domicilio presso una persona o un ufficio nel Comune del proprio domicilio fiscale per la notifica degli atti o degli avvisi che lo riguardano, luogo che di solito viene individuato con la sede del proprio commercialista. In tal caso, però, l’elezione del domicilio deve risultare espressamente da apposita comunicazione effettuata all’ufficio delle imposte con raccomandata a.r o in via telematica. Se però nel Comune ove deve eseguirsi la notifica non c’è abitazione, ufficio o azienda del contribuente, l’avviso di deposito della raccomandata presso la Casa Comunale va affisso nell’albo del Comune stesso e la notifica si ha per eseguita nell’8° giorno successivo a quello di affissione. 

Ebbene, non si può equiparare l’indirizzo indicato da Poste Italiane e individuato per il servizio “seguimi” (di natura contrattuale e finalizzato a far pervenire la corrispondenza –  diversa dagli atti giudiziari – all’indirizzo indicato dal richiedente) al domicilio eletto. Al contrario, l’attivazione del servizio “Seguiminon assume alcuna rilevanza giuridica ai fini della validità delle notificazioni, né l’indicazione di un indirizzo al quale recapitare la corrispondenza può assurgere ad elezione di domicilio della citata legge, mancando i requisiti formali prescritti dalla norma.

La notifica degli avvisi di accertamento all’indirizzo indicato all’ufficio postale tramite il servizio Seguimi è illegittima perché in violazione dell’art. 60 D.P.R. n. 600 del 1973.

Risultato: se il precedente avviso dell’Agenzia delle Entrate è stato notificato tramite il servizio Seguimi, la successiva cartella è nulla; allo stesso modo, se la cartella di pagamento è stata inviata a tale indirizzo, è nullo invece il pignoramento.