Cappotto termico con Superbonus: quale maggioranza?

Pubblicato il: 24-11-2021 | Categoria : Attualità e Società, feed | 24 views | FONTE ORIGINALE

0

Il quorum semplificato previsto dal Decreto Rilancio non è sempre valido: se c’è lesione del decoro architettonico dell’edificio serve l’unanimità dei consensi. Il Superbonus 110% ha dato un notevole sprint ai lavori di ristrutturazione ed efficientamento energetico, sia per le abitazioni singole sia per i più complessi interventi in ambito condominiale. La convenienza è notevole in entrambi i casi, tenendo ovviamente conto del fatto che i condomini beneficiano pro-quota della detrazione d’imposta, o dello sconto in fattura e della cessione del credito. Ma nei condomini tutto diventa più complicato perché per dare il via ai lavori bisogna ottenere innanzitutto l’approvazione dell’assemblea. Per il cappotto termico con Superbonus la maggioranza condominiale necessaria per deliberare è stata abbassata dal Decreto Rilancio [1]: adesso basterebbe ottenere in assemblea la maggioranza semplice degli intervenuti, rappresentativi di un terzo del valore dell’edificio. Abbiamo usato apposta il condizionale, perché spesso in concreto questa maggioranza non si rivela sufficiente per una valida approvazione. Infatti la disciplina del Codice civile è rimasta immutata; perciò in alcuni casi è ancora richiesta l’unanimità dei consensi, come quando il cappotto termico in condominio incide sulle facciate esterne e modifica l’aspetto esteriore del fabbricato, provocando una lesione del decoro architettonico preesistente. E allora il fatto ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment