Caf: funzionamento e responsabilità

Pubblicato il: 13-05-2018 | Categoria : Attualità e Società, feed | 7 views | FONTE ORIGINALE

0

Per ricevere aiuto e assistenza in materia fiscale possiamo rivolgerci ai Caf: comodi, economici e competenti. E in caso di errore? Rispondono del loro operato. I centri di assistenza fiscale o Caf, che generalmente hanno ufficio presso le principali sedi sindacali, possono fornire aiuto ed assistenza in materia fiscale a lavoratori dipendenti, soggetti assimilati e pensionati (c.d. “CAF-dipendenti”) e alle imprese (c.d. “CAF-imprese”) [1]. In particolare, il Caf può occuparsi di redigere la dichiarazione dei redditi, le dichiarazioni tributarie ed inviarle agli enti competenti, predisporre il conteggio per il pagamento dei tributi locali (IMU e TASI), fornire in generale informazioni e consulenza in materia tributaria e fiscale a privati e imprese. Sono soggetti abilitati a costituire i Caf le organizzazioni sindacali dei lavoratori dipendenti e dei pensionati e le associazioni di categoria e i patronati [2]. Deve trattarsi però di organizzazioni che abbiano almeno 50.000 aderenti e di associazioni istituite da almeno 10 anni: questo a garanzia della serietà e della solidità del Caf, che in caso di errore o omissione nello svolgimento della propria attività, deve essere in grado di risarcire il cliente (lavoratore, pensionato o impresa), assumendosi la responsabilità conseguente al proprio sbaglio. In questo articolo vedremo nel dettaglio il ...

Continua a leggere!

 

Vota l'articolo!

 

 

Articoli correlati


 

Write a comment